Read this article in the English version here.

Dopo il televisore che estrae bitcoin, ecco il router che mina criptovalute.

Lo ha lanciato il colosso del mining Bitmain con un annuncio su Twitter. In realtà si tratta di due modelli diversi che non minano bitcoin: il primo mina Dash, mentre il secondo mina Siacoin (SC).

Si chiamano Antrouter R3-DASH e Antrouter R3-SIA, ed appartengono alla serie R3 di Bitmain.

Il vantaggio di questi dispositivi è che iniziano immediatamente a minare non appena connessi ad Internet, grazie alla tecnologia Antmap di Bitmain.

Ad ogni acquirente verrà assegnato un account Bitmain, in modo da poter verificare il processo di mining del dispositivo.

I due router potrebbero anche essere utilizzati per estrarre anche differenti criptovalute rispetto a quelle per cui sono progettati, ma il produttore avverte che in tal caso le prestazioni potrebbero essere inferiori.

Bitmain è il più grosso produttore al mondo di dispositivi per il mining, quindi questi dispositivi vengono immessi sul mercato dal brand più forte del settore.

Tuttavia va specificato che non è detto che possano garantire introiti significativi, mentre hanno ovviamente un consumo energetico decisamente superiore a quello di normali router che non minano.

Ad esempio, il primo ha una potenza di calcolo di soli 300M/s, e consuma 24,37 W di elettricità, mentre il secondo arriva fino a 11,54G/s e consuma 22,6 W.

Per calcolare gli ipotetici profitti si può utilizzare il sito whattomine.com, ricordando che dai ricavi bisogna sottrarre i costi, e che i costi dell’energia elettrica variano da nazione a nazione, da contratto a contratto.

Inoltre i ricavi vengono calcolati nella valuta minata, mentre i costi vanno calcolati in valuta fiat pertanto, a causa della volatilità del valore delle criptovalute, un calcolo effettuato quando, ad esempio, il valore di Dash è basso, non è più corretto qualora il valore della criptovaluta scendesse.

Il costo dei due dispositivi è paragonabile a quello di un normale router, quindi di fatto non è richiesto un vero e proprio investimento. Semplicemente, al posto di acquistare un router qualsiasi per connettersi ad Internet, si può acquistare un Antrouter più o meno allo stesso prezzo e minare anche criptovalute.