Il digital exchange svizzero SIX potrebbe presto lanciare un proprio token. A dichiararlo è stato l’Head of Securities and Exchange di Six, Thomas Zeeb, in un’intervista condotta da Finews.

Read this article in the English version here.

Zeeb ha spiegato che il digital exchange andrà online con un token nativo dando il via ad una IDO, ovvero una Initial Digital Offering, nel 2020.

“Abbiamo un bel numero di organizzazioni che vogliono lanciare prodotti tokenizzati, come fondi di società immobiliari e così via. Ma potrebbe anche esserci la nostra IDO […]. Anche se iniziamo con delle garanzie, prodotti strutturati e fondi, sta al cliente decidere. Questo sta per essere finalizzato con i nostri proprietari di utenti”.

Six aveva deciso di lanciare la propria piattaforma blockchain, il cosiddetto digital exchange, lo scorso novembre. Successivamente, a febbraio era stata rivelato che il lancio sarebbe potuto essere durante la seconda metà del 2019.

L’attività del digital exchange di SIX non sarà legata a bitcoin o alle altre criptovalute, ma sarà rivolta più in generale alla raccolta di fondi per società innovative o di medio-piccola capitalizzazione. Lo scopo è sostituire borse lavoro ordinarie su piattaforme centralizzate e senza uso di token entro una decina di anni.

Six group è nato nel 1850 e tratta titoli azionari in franchi svizzeri, capitalizzando attualmente oltre 1,6 miliardi di franchi.

L’applicazione della blockchain agli scambi borsistici non è un obiettivo esclusivo di questa società, ma viene attivamente inseguito anche da Deutsche Borse, che ha annunciato il proprio interesse in diversi progetti legati alla DLT, ed anche dal NASDAQ di New York.