Tutte le blockchain pubbliche si basano sul concetto di blockchain confirmations. Sapere a cosa servono e conoscere il motivo della loro esistenza è fondamentale per capire cos’è la blockchain e su quali principi si basa.

Read this article in the English version here.

Quando, ad esempio, si trasferiscono bitcoin da un wallet a un altro, la transazione ha inizialmente zero conferme. Questo numero aumenta quando l’informazione viene aggiunta al primo blocco e confermata.

Queste conferme sono vitali in quanto permettono di verificare e legittimare le informazioni che diventeranno immutabili. Se una transazione è considerata fraudolenta non verrà approvata. Zero conferme significa che la transazione non è ancora valida ma è in processing.

Il numero di conferme richiesto spesso cresce al crescere dell’importo e varia al variare della criptovaluta che state trasferendo.

Blockchain Confirmations: Bitcoin

Per quanto riguarda Bitcoin alcuni servizi sono elastici e si accontentano di un paio di conferme, altri ne vogliono 3 altri ancora almeno 6. Mediamente gli exchange richiedono un minimo di tre conferme prima di accreditarvi l’importo di una transazione. Coinbase, ad esempio, non considera una transazione bitcoin finalizzata se non ha ricevuto almeno 6 conferme. Più conferme ci sono, più difficile è invertire la transazione. Per una transazione di 1 milione di dollari potrebbero essere richieste almeno 60 conferme.

La blockchain di Bitcoin produce un nuovo blocco ogni 10 minuti (in media) attraverso il mining. Nel blocco vengono inserite le nuove transazioni che diverranno poi parte integrante della blockchain. Una transazione, pertanto, è non confermata finché un nuovo blocco non viene generato. Ecco perché se state aspettando un certo importo è essenziale aspettare la conferma della transazione.

blockchain conferme

Per una transazione grossa (60 conferme) saranno 600 i minuti da aspettare, ben 10 ore.

Bitcoin Mempool

La cosiddetta Bitcoin mempool è l’oceano di transazioni in attesa di conferma nel network di Bitcoin. Una volta che trasferite un certo importo in BTC la transazione non è confermata sin da subito ma entra a far parte della mempool.

Tutti i nodi del network Bitcoin sono connessi alla mempool. Il miner che risolve un blocco e lo aggiunge alla blockchain è quello che ottiene il premio in BTC.

Alcune transazioni vengono processate più rapidamente di altre perché i miner ottengono una percentuale per il lavoro svolto (fee) quindi processano prima le transazioni che gli garantiscono introiti maggiori. Più sono alte le tasse che pagate per la conferma di una transazione e prima essa verrà processata. Se le tasse allegate sono molto basse la transazione potrebbe rimanere unconfirmed in eterno.

Attualmente ci sono circa 70’000 transazioni non confermate, ovviamente questo numero varia istante per istante.

Ethereum

Per quanto riguarda Ethereum le cose si complicano. Stando al whitepaper, sono 7 le conferme necessarie per una transazione e richiedono, in media, un paio di minuti.

I miner di Ethereum devono controllare i parametri di circa 250 blocchi. Quindi per la massima sicurezza bisogna attendere 250 conferme. Sembrano tantissime, ma in realtà basta circa un’ora.

Coinbase richiede 35 blockchain confirmations prima di considerare una transazione completata con successo. In futuro Ethereum dovrebbe passare al Proof of Stake che renderà le transazioni ancor più rapide.

Etherscan e Ether Gas

La mempool di Ethereum si chiama semplicemente transaction pool e contiene tutte le transazioni che non sono ancora state inserite in un blocco.

Per sveltire una transazione è necessario aumentare il GAS (ovvero le tasse). Attualmente la rete Ethereum ha oltre 30’000 transazioni non confermate.