Read this article in the English version here.

Secondo notizie riportate da PageSix, Johnny Depp potrebbe interpretare in un film biografico i panni del miliardario delle criptovalute Matthew Mellon, recentemente scomparso.

L’attore de “Pirati dei Caraibi” sarebbe certamente adatto al ruolo, considerato sia l’aspetto fisico sia per l’età. Depp ha infatti 55 anni, solo uno in più rispetto all’età del miliardario alla propria morte.

Il progetto, tra l’altro, realizzerebbe vecchio desiderio di Mellon che, ancora in vita, aveva accennato alla possibilità di raccontare la propria biografia sotto forma di documentario.

Del resto, la parabola di Matthew Mellon si presta in modo quasi perfetto a una trasposizione cinematografica.

Figlio di Karl Negley Mellon e proveniente da una facoltosa famiglia del mondo della finanza bancaria, Matthew ebbe una gioventù dorata e potè frequentare la prestigiosa Wharton Business School.

Un’infanzia comunque segnata dal suicidio del padre, quando era ancora un bambino. Un trauma che lo espose sin da giovane alle dipendenze.

La sua personalità bipolare, ereditata dal padre, faceva sì che passasse da momenti di grande genialità a momenti di grande fragilità.

Si sposò due volte, la prima con Tamara Yeardye, co-fondatrice del marchio a stelle e strisce Jimmy Choo, dalla quale ebbe una figlia, per poi divorziare  e sposare Nicole Hanley Mellon, da cui ebbe altri due figli e dalla quale si separò nel 2016.

La sua vita è anche stata una lotta ininterrotta contro le dipendenze, fin dai tempi del college.

Non a caso conobbe la prima moglie proprio mentre si stavano entrambi curando in una clinica per tossicodipendenti. Dopo il secondo divorzio, si trasferì da New York a Los Angeles, dove cercò di disintossicarsi da una dipendenza da Ossitocina, dipendenza che gli costava ben 100 mila dollari al mese.

E’ in quel periodo che comincia ad investire nelle criptovalute, partendo con due milioni di dollari. Un investimento che venne considerato solo un suo tick personale dalla famiglia.

Mellon, con abilità e fortuna prima, si buttò su bitcoin per uscirne prima della fine del 2017 e investire in Ripple.

Lui stesso disse: “Io sono Pro-America, Pro-Business e Pro-banche e per questo investo in Ripple”.

A febbraio 2018 si valutava che il suo patrimonio avesse raggiunto il miliardo di dollari, facendo di

Mellon una delle dieci persone più ricche al mondo in criptovalute.

Questa ricchezza improvvisa non aveva però risolto i suoi problemi di dipendenza dalle droghe e dai medicinali. Si trovava a Cancun, in Messico, ancora una volta in riabilitazione, prima di morire improvvisamente nell’aprile di quest’anno.

Una vita tra lussi, moda, dipendenze, pazzia e affari. Una storia perfetta per un film ricco e fastoso.

Che sicuramente Johnny Depp potrà interpretare con una sensibilità particolare, vista anche la propria di biografia.