Jeff Garzik, una nuova teoria sull’identità di Satoshi Nakamoto
Blockchain

Jeff Garzik, una nuova teoria sull’identità di Satoshi Nakamoto

By Marco Cavicchioli - 19 Nov 2018

Chevron down

Dave Kleiman, sarebbe lui il creatore di Bitcoin. Sulla vera identità di Satoshi Nakamoto vengono periodicamente espresse nuove ipotesi, ma quella proposta da Jeff Garzik su Bloomberg è differente dalle altre proprio perché proposta da uno degli sviluppatori storici di Bitcoin Core, ovvero il principale software al mondo per gestire un nodo Bitcoin.

Read this article in the English version here.

Durante l’intervista, Garzik ha dichiarato di aver iniziato a scrivere codice software per Bitcoin dopo aver letto un post su slashdot nel luglio del 2010. All’epoca Bitcoin esisteva solo da circa un anno e mezzo e Satoshi era ancora attivo.

Nel giro di breve tempo, Garzik divenne il terzo più grande coder di Bitcoin, dopo Satoshi stesso e Gavin Andresen, e rimase in questa posizione fino al 2014.

Durante il periodo iniziale Garzik lavorò direttamente con Nakamoto, interagendo con lui via e-mail e sul forum Bitcointalk, fino a quando Satoshi improvvisamente scomparve nel 2011.

“La mia teoria personale è che [Satoshi Nakamoto] sia Floridian Dave Kleiman. Corrisponde al suo stile di codifica, questo gentiluomo era autodidatta e il codificatore di Bitcoin era qualcuno che era molto, molto intelligente, ma non un ingegnere informatico di formazione classica”.

Dave Kleiman era un ex ufficiale dello sceriffo in Florida, diventato esperto di informatica forense e morto nel 2013. Non è la prima volta che viene associato a Satoshi, anche perchè quando Craig Wright affermò di essere il vero Nakamoto gli eredi di Kleiman lo citarono in giudizio per svariati miliardi di dollari proprio per aver violato la proprietà intellettuale di Kleiman stesso.

Garzik è rimasto in diretta comunicazione con Satoshi Nakamoto per diverso tempo, quindi è uno dei pochi che può affermare di conoscerlo, pur non avendolo mai incontrato di persona, oppure tramite telefono o videochiamata, ma ha interagito molto con lui via email e su Bitcointalk.

Non avrebbe quindi mai avuto modo di verificare la reale identità del creatore di Bitcoin, ma sarebbero stati in contatto per un lungo periodo.

Secondo Garzik, lo stile di coding di Dave Kleiman (ovvero il modo in cui scriveva codice) sarebbe compatibile con quello di Satoshi Nakamoto.

Nel 1995 Kleiman rimase paralizzato a causa di un incidente motociclistico e questo lo portò ad iniziare a lavorare sulla cosiddetta digital forensics presso l’ufficio dello sceriffo di Palm Beach in Florida dove lavorava.

Kleiman era ritenuto una persona molto brillante che eccelleva in qualunque cosa facesse, ma non era un vero e proprio sviluppatore informatico.

Proprio queste ultime due caratteristiche ne farebbero per Garzik il miglior candidato ad essere riconosciuto come il vero Satoshi Nakamoto, oltre al fatto che Satoshi è letteralmente sparito dalla circolazione nel 2011 e Kleiman è deceduto solo un paio di anni dopo.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 11mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.