banner
QuadrigaCX: Michael Patryn sarebbe il criminale Omar Dhanani
QuadrigaCX: Michael Patryn sarebbe il criminale Omar Dhanani
Criptovalute

QuadrigaCX: Michael Patryn sarebbe il criminale Omar Dhanani

By Fabio Lugano - 20 Mar 2019

Chevron down

Colpo di scena nella vicenda di QuadrigaCX: il co-fondatore dell’exchange, Michael Patryn, si chiamerebbe in realtà Omar Dhanani e sarebbe coinvolto in vicende criminali negli USA.

Read this article in the English version here.

Patryn è co-fondatore dell’exchange nel 2013 insieme a Gerald Cotten, scomparso in India portando con sé i dati di gran parte dei wallet dell’exchange e quindi causando una perdita per oltre 190 milioni di dollari ai propri clienti.

Patryn lasciò la società nel 2016 per contrasti sulle modalità di conduzione del business e da allora, dopo aver fondato una venture in Canada specializzata nel fintech, si è poi trasferito in Vietnam dove pare viva attualmente.

Michael Patryn, alias Omar Dhanani, non avrebbe solo cambiato il nome in Canada (prima il cognome nel 2003 e poi il nome nel 2008), ma avrebbe anche un passato criminale negli USA con condanne pesanti per truffa, furto aggravato e frode alle carte di credito.

Michael Patryn Omar Dhanani

Tra l’altro sarebbe stato dietro il sito shadowcrew.com, implicato nel traffico di oltre 1,5 milioni di carte di credito false. Patryn, che nega di essere Dhanani nonostante le prove schiaccianti, è ancora con la moglie fra i maggiori azionisti di Quadriga CX. Una situazione imbarazzante per tutto il mondo fintech perché, evidentemente, nessuno ha fatto ricerche sul passato dell’imprenditore prima di autorizzarlo a gestire decine di milioni di dollari dei clienti.

Gerald Cotten è presumibilmente morto in India il 9 dicembre 2018 all’età di 30 anni, portando nella tomba le chiavi dei wallet dell’exchange e quindi congelando o cancellando i fondi depositati.

QuadrigaCx ha quindi dichiarato bancarotta affidandosi alle leggi fallimentari canadesi, mentre la moglie di Cotten, Jennifer Robertson, ha affermato che nelle ultime fasi di vita dell’exchange la sua sopravvivenza era legata ai fondi direttamente impegnati dall’imprenditore.

Ora la scoperta del caso Patryn-Dhanani getta un’ombra ancora più losca su questa vicenda.

Fabio Lugano
Fabio Lugano

Laureato con lode all'Università Commerciale Bocconi, Fabio è consulente aziendale e degli azionisti danneggiati delle Banche Venete. E' anche autore di Scenari Economici, e conferenziere ed analista di criptovalute dal 2016.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.