Ieri Cameron Winklevoss, uno dei gemelli creatori dell’exchange americano Gemini, ha postato un tweet facendo una predizione: entro 24 mesi tutte le FAANG avranno la propria coin.

Read this article in the English version here.

Alla luce infatti di quello che oggi sarà annunciato da Facebook con Globalcoin e Libra, secondo Winklevoss tutte le aziende del gruppo FAANG – Facebook, Amazon, Apple, Netflix e Google – inizieranno ad avere la propria valuta digitale, se non proprio una criptovaluta.

Oggi, infatti, 18 giugno 2019, è attesa la pubblicazione del whitepaper della coin di Facebook, che dovrebbe essere una stablecoin peggata ad un paniere di diverse valute fiat per evitarne la volatilità.

Amazon, invece, sebbene non ne sia direttamente coinvolta, ha iniziato a supportare i pagamenti in crypto grazie a Moon, ed entro il prossimo anno questa funzione dovrebbe essere operativa su quasi tutti i siti di e-commerce.

Nel frattempo, invece, Apple ha presentato ufficialmente il proprio CryptoKit che servirebbe

“per eseguire operazioni crittografiche comuni” come, per esempio, “utilizzare la crittografia a chiave pubblica per creare e valutare le firme digitali e per eseguire lo scambio di chiavi”.

Dal canto suo, grazie a Bitrefill, su Netflix i cittadini USA possono pagare le gift card in bitcoin (BTC), oltre al fatto che sempre più documentari e serie della piattaforma parlano e citano blockchain e le crypto.

Google, invece, da febbraio 2019 ha introdotto il simbolo di bitcoin sulla tastiera iOS, mentre più di recente ha stretto una partnership con Chainlink per inserire i dati di BigQuery sulla blockchain di Ethereum utilizzando un oracle smart contract.