La valuta digitale cinese sarà simile a Libra di Facebook
Criptovalute

La valuta digitale cinese sarà simile a Libra di Facebook

By Marco Cavicchioli - 6 Set 2019

Chevron down

La valuta digitale che la Cina starebbe per rilasciare sul mercato potrebbe avere alcune cose in comune con Libra, la stablecoin a cui sta lavorando Facebook. 

In realtà, sul mercato potrebbe anche arrivare prima, visto che secondo alcune ipotesi il lancio della valuta digitale cinese, che tuttavia non ha ancora un nome ufficiale, sembrerebbe essere previsto già per novembre, mentre per Libra si dovrà attendere almeno fino a metà del 2020. 

Come rivela Reuters, il Vicedirettore del dipartimento dei pagamenti della Banca centrale cinese (PBoC), Mu Changchun, ha affermato che una prima caratteristica in comune sarà il fatto che Libra potrà essere usata su WhatsApp, mentre la valuta digitale cinese sarà utilizzabile su WeChat di Tencent e Alipay di Alibaba.

Changchun ha dichiarato anche che i token che verranno emessi dalla PBoC saranno sicuri come le banconote emesse dalla stessa banca centrale e potranno essere utilizzati anche senza una connessione a Internet. 

Mu ha poi aggiunto che avrebbero trovato un giusto equilibrio per consentire pagamenti anonimi prevenendo il riciclaggio di denaro, e che anche per quanto riguarda la progettazione informatica ci sarebbero forti somiglianze con Libra, pur non essendo una semplice copia. 

D’altronde, secondo diversi analisti, è stato proprio l’annuncio del lancio di Libra ad aver accelerato in modo significativo i progetti della PBoC a riguardo, perchè probabilmente la banca centrale ha deciso di anticipare lo sbarco sul mercato di progetti simili di aziende cinesi. 

Lo stesso Mu infatti ha esplicitamente dichiarato che il vantaggio delle monete digitali emesse dalle banche centrali rispetto a quelle potenzialmente emesse da società come Tencent (WeChat) e Alibaba (Alipay) è che le piattaforme commerciali corrono comunque sempre il rischio di andare in bancarotta causando così inevitabili perdite ai possessori dei token. 

“Serve per proteggere la nostra sovranità monetaria e lo stato della valuta legale. Dobbiamo pianificare in anticipo per eventuali tempi bui”. 

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 11mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.