EOSio batte Ethereum 200 a 1
Blockchain

EOSio batte Ethereum 200 a 1

By Alfredo de Candia - 9 Ott 2019

Chevron down

Poche ore fa il CTO di block.one, Daniel Larimer, ha postato su Twitter una serie di messaggi in cui afferma che EOSio batte la blockchain di Ethereum in quanto a velocità. Quest’ultima, infatti, a detta di Larimer, è nettamente inferiore e lenta rispetto a quella di EOSio: Ethereum dovrebbe avere una scalabilità maggiore di 200 volte per arrivare alla velocità di EOS.

I tweet del CTO non giungono in maniera casuale, infatti in questi giorni si sta svolgendo la Devcon, ossia l’annuale conferenza che organizza la Ethereum Foundation ed espone i vari traguardi ed obiettivi  della blockchain.

All’evento giapponese che si sta svolgendo ad Osaka non manca Vitalik Buterin, che ovviamente sta sottolineando tutti gli aspetti positivi della sua blockchain, dando molto spazio alla famosa ETH 2.0.

Infatti, il nuovo aggiornamento di Ethereum è volto proprio a migliorarne la scalabilità, visto che la blockchain è già affetta da problemi di congestione della rete, motivo per il quale nei mesi scorsi si era addirittura pensato che Ethereum potrebbe sfruttare Bitcoin Cash per alleggerire momentaneamente la blockchain. Inoltre, con Ethereum 2.0. si passerà dal modello PoW (Proof of Work) al modello PoS (Proof of Stake).

EOSio batte Ethereum?

Larimer ha sicuramente preso atto degli sforzi che sta facendo la blockchain di Ethereum, ma sottolinea che, anche se si tenta di apportare delle migliorie, la struttura portante, così come la sua architettura, sarà sempre debole.

“La scalabilità è più di una semplice architettura di protocollo, ci vuole una buona struttura software che è difficile da realizzare quando la ridondanza dell’implementazione costringe tutti ad eseguire il minimo comune denominatore di prestazioni”.

Il CTO continua chiedendosi il perché qualcuno dovrebbe sviluppare su una blockchain che non ha un piano atto a migrare i contratti ed i token esistenti sul nuovo Ethereum 2.0, dato che ci sono moltissimi smart contract che andranno in conflitto con il nuovo aggiornamento.

“Perché costruire su #eth quando non hanno nemmeno un piano valido per migrare i contratti e i token esistenti su Eth 2.0. Spero che tutte le aziende che stanno pensando di utilizzare eth abbiano una base di partenza sufficiente per resistere a 2 anni prima di poter iniziare a reimplementare le loro applicazioni”.

La sicurezza con cui afferma questo deriva dal fatto che, tra non molto, anche EOSio lancerà un aggiornamento per risolvere il problema della governance, oltre al nuovo update EOSIO 2.0 che renderà la blockchain 16 volte più veloce della precedente versione.

Ethereum è sempre stata, “storicamente”, la blockchain degli smart contract, ma ora, con l’avvento di diverse blockchain, ha perso il primato.

Nel frattempo, invece, manca poco per il super progetto di EOS per il social media Voice.

Alfredo de Candia
Alfredo de Candia

Android developer da oltre 8 anni sul playstore di Google con una decina di app, Alfredo a 21 anni ha scalato il Monte Fuji seguendo il detto "Chi scala il monte Fuji una volta nella vita è un uomo saggio, chi lo scala due volte è un pazzo". Tra le sue app troviamo un dizionario di giapponese, un database di spam e virus, il più completo database sui compleanni di serie Anime e Manga e un database sulle shitcoin. Miner della domenica, Alfredo ha una forte passione per le crypto ed è un fan di EOS.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.