Eidoo Card Teal
Eidoo Card Purple
Eidoo Card Black

Introduce your digital currencies to the real world.
Experience DeFi on demand with the Eidoo Card

Pre-order yours and enjoy exclusive rewards,
including up to 10% crypto cashback.

Saifedean Ammous: intervista all’autore del libro Bitcoin Standard
Saifedean Ammous: intervista all’autore del libro Bitcoin Standard
Interviste

Saifedean Ammous: intervista all’autore del libro Bitcoin Standard

By Stefania Stimolo - 25 Gen 2020

Chevron down

Durante il meetup a Milano organizzato da Blockchain Education Network, The Cryptonomist ha intervistato l’ospite d’onore, l’autore del famoso libro “The Bitcoin Standard”, Saifedean Ammous

Pensi che Bitcoin dovrebbe offrire maggiore privacy nelle transazioni?

Penso che l’argomento della privacy sia male interpretato. La gente la pensa come se fosse come un’app che installi e quindi tutto ciò che fai è privato ed è come se con bitcoin tu possa avere questa nuova tecnologia che renderà tutte le transazioni private. Penso che, proprio come con la privacy sul web, non esista una pillola magica; non c’è una tecnologia che renderà qualcosa completamente privato. 

In realtà, la privacy è un gioco contraddittorio e quindi non sei contro una tecnologia, non sei contro cose fisiche che puoi manipolare per nasconderti, sei contro qualcun’altro che usa la tecnologia. 

Quindi, non ci sarà mai una soluzione definitiva a questo argomento, non ci sarà mai una soluzione tecnica in cui facendo clic su un pulsante, tutto ciò che fai online non è rilevabile. Dipende sempre da quanto bene nascondi le tue tracce e da quanto bene gli altri le cercano. 

E quindi, a questo proposito, la privacy di Bitcoin dipende da chi sta cercando di nascondere quali informazioni e da chi sta cercando di trovare le informazioni, quindi non credo sia giusto dire che Bitcoin ha bisogno di più privacy o Bitcoin ha bisogno di privacy per avere successo, perché la privacy non sarà possibile per impostazione predefinita: devi prendere delle misure per nascondere le tue tracce se vuoi usare Bitcoin privatamente. 

E questo sarà sempre un gioco contraddittorio, dipenderà sempre da chi sta guardando e quali tecnologie lo stesso può utilizzare. Detto questo, penso che in futuro potrebbe succedere che la privacy su Bitcoin per gli utenti verrà dalle soluzioni di secondo livello piuttosto che sul mainchain, perché, potrebbe non piacerci, ma sembra che ci sia un compromesso tra la verificabilità dell’offerta e la piena privacy

Motivo per cui, le altcoin che usano tecnologie che sono più adatte per la privacy si compromettono sulla verificabilità della loro offerta, quindi non si sa mai davvero quanto sia l’offerta, perché stai cercando di includere tutte quelle cose che creano un qualche tipo di privacy. E non credo che il bitcoin on-chain possa sacrificare la sua verificabilità. 

Inoltre, penso che valga la pena ricordare che probabilmente vedremo aumentare nel tempo le commissioni di transazione di bitcoin in modo significativo e quindi, più queste commissioni di transazione aumentano per le transazioni on-chain, più tracciabili saranno le transazioni, perché allora non avremo transazioni di piccolo valore, avremo transazioni di valore sempre più grandi e queste saranno più facili da rintracciare. 

Quindi potrebbe essere che la nostra migliore scommessa per la privacy sia quella di mantenere verificabile il mainchain e portare tutti i livelli di privacy su soluzioni di secondo livello come Lightning.

Pensi che i governi regoleranno Bitcoin. E, se sì, in che modo? Saranno severi?

Penso che i governi imporranno norme ai cittadini che usano bitcoin. Penso che ci sia una distinzione qui perché in termini di regolamentazione del bitcoin stesso, la scommessa migliore è introdurre i BIP e sperare che gli operatori dei nodi li adottino, perché non c’è altro modo di regolamentare Bitcoin. 

Non è possibile approvare una legge che cambi Bitcoin, perché gli operatori di nodo devono adottare il  codice per cambiare Bitcoin, ma puoi approvare leggi su come le persone nella tua giurisdizione possono usare bitcoin e pensiamo che potremmo vedere cose del genere, in termini fiscali, in termini di dichiarazione. 

Penso che vedremo sempre più governi che impongono regole ai propri cittadini su come usano i bitcoin, ma penso che non sarà probabilmente molto efficace perché con Bitcoin aggirare queste norme non è molto difficile dato che non è fisico e quindi tu puoi viaggiare e fare quello che vuoi al di fuori della tua giurisdizione. 

Penso che sarà un’area legale molto complicata per i governi che cercano di reprimere i bitcoin con la legge. Penso anche che il “gatto sia fuori dal sacco” ed è probabilmente troppo tardi per un giro totalitario completo su Bitcoin. 

Potrei sbagliarmi, potrei essere eccessivamente ottimista, ma penso che Bitcoin abbia raggiunto una massa critica e un livello di crescita in cui non riesco a vederlo criminalizzato come una droga nel senso di “se usi bitcoin o se qualcuno che conosci usa bitcoin, allora andrete in galera e sarete rinchiusi”, penso che probabilmente è un po’ troppo tardi per questo.

Qual era il tuo obiettivo quando hai scritto The Bitcoin Standard?

Ad essere sincero, inizialmente l’obiettivo era puramente professionale. Ero un professore universitario, avevo bisogno di pubblicare e ho capito che questa è una cosa che mi interessava molto e di cui avrei dovuto scrivere sempre di più, che faceva parte della motivazione. 

Un’altra motivazione era che dovevo scrivere per spiegare ai miei amici perché mi chiedevano sempre di bitcoin e avevo sempre queste opinioni che scrivevo nelle e-mail, su Twitter e su Facebook e ho pensato “devo metterli insieme in un posto”. In parte è stato anche scritto per i miei figli: mia figlia è nata e volevo scrivere qualcosa per lei che potesse leggere per capire cosa pensa suo padre del mondo.

Con Ethereum che sta passando a Proof of Stake (PoS), quali sono i vantaggi dell’utilizzo di Proof of Work (PoW), soprattutto considerando il forte consumo di energia?

Ethereum è completamente insignificante in ciò che fa. E’ un database centralizzato, quindi non è realmente importante cosa facciano. PoS non è diverso da qualsiasi cosa che abbiamo già: il sistema bancario centrale che abbiamo in tutto il mondo è un sistema PoS! 

Quindi, ad esempio, la banca centrale americana è di proprietà delle sue banche costituenti e questo è essenzialmente quello che il sistema della PoS è. La PoS non aggiunge nulla perché alla fine in quel sistema sei dipendente dalle persone che possiedono le banche, che decidono la regola per il sistema bancario, quindi è un modello completamente basato sulla fiducia e penso che l’unico modo in cui un sistema di PoS possa funzionare è se possiede eserciti violenti che ne impongono l’accettazione, ed è per questo che le banche centrali non possono competere sul libero mercato, dove le persone preferiscono usare denaro duro, che è difficile da produrre, piuttosto che il denaro facile da produrre per le persone che sono addetti ai lavori, che è ciò che è il denaro della banca centrale, che è ciò che è denaro della PoS. 

Penso che le valute di PoS siano solo un fuoco di paglia e sono interessanti per le persone perché le stesse stanno speculando su questa idea che possiamo avere i benefici di PoW senza bruciare l’elettricità, ma penso che sia un ridicolo fraintendimento di come funziona PoW. 

In definitiva, nella PoW tutta la spesa elettrica è una caratteristica che non è un bug, non è un inconveniente. Dobbiamo avere tutta quella spesa elettrica perché dobbiamo rendere costoso l’emissione di nuove valute e dobbiamo renderlo costoso per le persone di impegnare nuove transazioni sulla blockchain. Se non lo rendi costoso, se trovi un modo per renderlo economico, hai sconfitto l’intero punto perché quindi chiunque può farlo. 

Quindi, la vera innovazione in PoS è renderla costosa, ecco come funziona il modello di sicurezza, ecco perché Bitcoin è riuscito a lavorare per 10 anni e le persone che parlano di PoS come concorrente mancano completamente il punto. PoS non compete in alcun senso: non è trustless e non è sicuro, è solo un gruppo di persone che decidono le regole e non ha senso avere un sistema PoS, puoi solo avere quelle persone che dettano le regole come vogliono.

Chi pensi sia Satoshi Nakamoto?

Onestamente non lo so e penso che sia giunto il momento che le persone debbano solo rendersi conto che l’unica ragione per cui Bitcoin funziona è perché non si sa chi sia Satoshi Nakamoto. Se sapessimo chi sia, sarebbe solo un’altra shitcoin, sarebbe solo un progetto che una persona controlla e sarebbe un singolo punto di fallimento e sarebbe possibile comprometterlo perché il capo del progetto è lì. 

Bitcoin è molto più sensibile di Linux: Linux può avere un Linus in carica e Linux può ancora sopravvivere con o senza Linus, ma penso che Bitcoin debba necessariamente non avere Satoshi o deve avere l’identità di Satoshi sconosciuta e penso che le persone semplicemente debbano scendere a patti con questo.

Stefania Stimolo
Stefania Stimolo

Laureata in Marketing e Comunicazione, Stefania è un’esploratrice di opportunità innovative. Partendo come Sales Assistant per e-commerce, nel 2016 inizia ad appassionarsi al mondo digitale autonomamente, inizialmente in ambito Network Marketing dove conosce e si appassiona dell’ideale di Bitcoin e tecnologia Blockchain diventandone una divulgatrice come copywriter e traduttrice per progetti ICO e blog, ed organizzando corsi conoscitivi.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.