IOTA: in una settimana previsto il riavvio della rete
IOTA: in una settimana previsto il riavvio della rete
Blockchain

IOTA: in una settimana previsto il riavvio della rete

By Alfredo de Candia - 2 Mar 2020

Chevron down

Finalmente IOTA ha comunicato la data di riavvio della rete: questo avverrà il prossimo 10 marzo a seguito dei problemi che il progetto ha riscontrato nell’ultimo periodo.

Il blocco aveva coinvolto il software del wallet Trinity per la gestione dei token di questa piattaforma, a seguito di un attacco che era avvenuto a metà febbraio 2020. Per risolvere la situazione IOTA aveva deciso di mettere offline l’intera rete.

La soluzione che è stata prevista, il Seed Migration Tool, disponibile per tutti i sistemi desktop, dovrebbe permettere di migrare in maniera automatica i token IOTA dal seed compromesso a quello nuovo e non coinvolto dagli attacchi.

Tutta la fase avverrà a step e, entro il 7 marzo, gli utenti che utilizzano Trinity dovranno aggiornare il wallet Trinity e cambiare la password del wallet così come su tutti i portali e servizi in cui si è utilizzata la stessa password. Infine sarà necessario scaricare,  a seconda della versione del proprio sistema operativo (Mac, Linux e Windows) il Migration Tool e seguire i passaggi per spostare i seed.

La IOTA Foundation ovviamente ha provato a scusarsi per l’accaduto e ha ricordato che tutti i sistemi sono vulnerabili partendo dall’anello più debole della catena, cosa che in questo caso è stata la fiducia nel codice di terze parti.

Questa notizia non è stata vista di buon occhio dalla comunità soprattutto perché il codice del Seed Migration Tool non è open source e quindi non si può veramente controllare cosa sia successo, venendo meno ad uno di quei principi fondamentali del mondo della blockchain che è il fatto di essere trustless.

Infatti, questi problemi della rete hanno anche fatto capire quanto questo progetto non sia veramente decentralizzato, come ha evidenziato anche il trader Tone Vays.

Ad inizio gennaio Iota aveva pubblicato anche un report molto positivo del 2019 spiegando come “tutti gli aspetti del progetto sono migliorati significativamente negli ultimi 12 mesi”, ma purtroppo – evidentemente – non è stato proprio così e ci si chiede quanto gli investitori e la comunità del progetto rimarranno legati a IOTA.

Alfredo de Candia
Alfredo de Candia

Android developer da oltre 8 anni sul playstore di Google con una decina di app, Alfredo a 21 anni ha scalato il Monte Fuji seguendo il detto "Chi scala il monte Fuji una volta nella vita è un uomo saggio, chi lo scala due volte è un pazzo". Tra le sue app troviamo un dizionario di giapponese, un database di spam e virus, il più completo database sui compleanni di serie Anime e Manga e un database sulle shitcoin. Miner della domenica, Alfredo ha una forte passione per le crypto ed è un fan di EOS.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.