John Mcafee si scaglia contro Justin Sun
John Mcafee si scaglia contro Justin Sun
Blockchain

John Mcafee si scaglia contro Justin Sun

By Marco Cavicchioli - 5 Mar 2020

Chevron down

John McAfee ha postato un tweet contro Tron e Justin Sun. Il problema starebbe nel fatto che Tron ha comprato Steemit

Secondo McAfee, Steemit in realtà è una community, prima che un servizio online, e visto che le community di per sé non possono essere acquistate, sostiene che Justin Sun non se ne sia reso conto. 

“Credo che Justin Sun abbia dimenticato una cosa di Steem: è una community. 

E… una community non può essere acquistata. È come cercare di raccogliere l’acqua con un setaccio”. 

Se da un lato va detto che Justin Sun e Tron hanno comprato la piattaforma Steemit e non il protocollo Steem, dall’altro però ora sembrano avere potere anche sulla governance del protocollo. 

Steemit.com in teoria è solamente uno dei vari siti web alimentati dalla blockchain di Steem e dalla criptovaluta STEEM. Infatti sono diversi i siti web che leggono e scrivono contenuti su questa blockchain, ma circolano molti timori che Tron ora possa acquisire troppo potere sulla rete. 

Come contromisura è stato implementato un soft fork che ha disattivato il potere di voto di un gran numero di token di proprietà di TRON e Steemit. 

L’acquisizione però è stata definita da molti ostile, a causa del fatto che con oltre 42 milioni di STEEM Power (SP) raccolti su Huobi, Binance, Poloniex, il team Steemit ha riconquistato i propri voti grazie ad un nuovo soft fork unilaterale. 

Pertanto quello che è in corso sembra essere un vero e proprio conflitto, ben rappresentato dal tweet di McAfee: da una parte la community, che considera ostile l’acquisizione da parte di Tron, e dall’altra Justin Sun ed il suo nuovo team di Steemit che pare avere sufficiente potere per imporre le proprie scelte. 

Nel whitepaper di Steem risulta ancora esserci scritto: 

“Steem è una rete decentralizzata gestita da testimoni nelle giurisdizioni di tutto il mondo. Tutte le azioni dell’utente sono registrate pubblicamente sulla blockchain e possono essere verificate pubblicamente. Ciò significa che non esiste un’unica entità in grado di censurare il contenuto valutato dai possessori di STEEM. Singoli siti Web come steemit.com possono censurare i contenuti sul loro sito specifico, ma i contenuti pubblicati sulla blockchain sono intrinsecamente trasmessi, ed i mirror di tutto il mondo potrebbero continuare a renderli disponibili”. 

Da queste parole si evince chiaramente la preoccupazione di molti membri ed utenti della community di Steem per ciò che sta succedendo, per il fatto che la rete sembra stia diventando molto meno decentralizzata rispetto a quanto promesso, e che ora sembra esserci una singola entità in grado di prendere decisioni unilaterali ed imporle all’intera comunità.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 25mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.