Eidoo Card Teal
Eidoo Card Purple
Eidoo Card Black

Introduce your digital currencies to the real world.
Experience DeFi on demand with the Eidoo Card

Pre-order yours and enjoy exclusive rewards,
including up to 10% crypto cashback.

Cina e Coronavirus: Bitcoin ha fallito durante la crisi
Cina e Coronavirus: Bitcoin ha fallito durante la crisi
Bitcoin

Cina e Coronavirus: Bitcoin ha fallito durante la crisi

By Giorgi Mikhelidze - 5 Apr 2020

Chevron down

Oltre all’evidentissima crisi sanitaria, che richiederà tutta la forza del campo medico di ogni paese iniziando dalla Cina, e che con ogni probabilità ostacolerà molti piani per il futuro vista l’incertezza sotto molti aspetti, la velocità del contagio del Coronavirus è ciò che ha causato crisi e panico anche su Bitcoin, dimostrando che la maggior parte dei sistemi del mondo non erano di fatto pronti per un’epidemia del genere. 

Il fatto è che un’epidemia così grave non colpisce mai un solo settore: è sempre una catena di eventi che alla fine consuma l’intero complesso delle aziende. 

Come il Coronavirus ha colpito il mondo finanziario e anche Bitcoin

Proprio come ha fatto con il sistema sanitario, COVID-19 ha afflitto anche l’intero sistema finanziario, lasciando il mercato azionario in preda al caos e molte valute nel peggior stato degli ultimi decenni. 

Ci si aspettava che, proprio come le valute normali, anche le criptovalute avrebbero subito il colpo, ma la portata di questo crollo era difficile da prevedere.

Bitcoin ha avuto finora un anno molto buono, nonostante fossero passati solo due mesi dall’inizio, momento in cui è scoppiata l’epidemia, la quale ha raggiunto altre parti del mondo a ritmo serrato.

Bitcoin veniva scambiato intorno ai 9.000 dollari con un mercato rialzista, gli esperti prevedevano che la crypto avrebbe raggiunto la soglia dei 10.000 dollari nel giro di poche settimane. Evidentemente non è stato così, poiché l’epidemia ha completamente frantumato l’intero ecosistema in tutto il campo finanziario e ha rovinato ogni piano che qualsiasi trader aveva quest’anno. 

E mentre è vero che coloro che lavorano con i migliori broker di trading online probabilmente sono riusciti a farla franca vendendo i loro beni, uscendone vittoriosi dall’intera situazione, per la maggior parte delle persone che non conoscono il mondo del trading bene, tutto questo si è rivelato un incubo.

Sebbene tutti sappiamo che il trading, in generale, può essere difficile e imprevedibile, questa epidemia ha superato ogni aspettativa e ha provocato un’enorme perdita nei mercati.

Il motivo per cui questa epidemia ha colpito così tanto il mondo finanziario risiede nel fatto che, all’inizio, c’è stato un sovraccarico di pazienti, con gli ospedali che si riempivano di malati. Poi c’è stato il panico universale, costringendo le persone a chiudersi in casa e facendo chiudere l’80% delle aziende, ricorrendo ai servizi di consegna online, il che è un grande colpo per qualsiasi azienda abituata a svolgere le proprie attività quotidiane attraverso i propri stabilimenti. Ma ora solo pochissime aziende sono ancora aperte, la gente compra solo l’essenziale. Tutte le attività, gli eventi sportivi, i concerti e tutti gli altri incontri sono stati cancellati. Il mondo intero sembra essere congelato e, naturalmente, sta influenzando il mondo finanziario: monete fiat e anche le criptovalute. 

Il motivo per cui le criptovalute sono state colpite

Esiste però una ragione per cui bitcoin ha subito un colpo così drastico quando in teoria avrebbe dovuto essere più resistente, considerando che i pagamenti blockchain dovrebbero, di fatto, essere più richiesti in questo momento. Il motivo è che la Cina è in isolamento da oltre due mesi, e se si conosce qualcosa dell’industria crypto, si sa che la maggior parte dei miner operano in Cina. Da quando il lockdown è stato implementato, i miner non sono stati in grado di monitorare e di effettuare transazioni, abbassando così drasticamente il prezzo di bitcoin. 

È impossibile continuare ad operare quotidianamente come al solito, dal momento che il lockdown nazionale sta tenendo tutti nelle loro case, rendendo la comunicazione molto più difficile. Svolgere le operazioni quotidiane risulta estremamente difficile, se non impossibile.

Inoltre, l’epidemia ha rallentato le procedure di aggiornamento che dovevano essere eseguite a febbraio e marzo. L’isolamento ha anche interrotto lo sviluppo dei prodotti, la logistica e molti altri aspetti dell’industria crypto. E mentre la salute di molti è stata compromessa e il panico generale ha preso il sopravvento su tutto il paese, non sorprende che anche bitcoin ne abbia risentito, dato che le operazioni di molti miner hanno sede in Cina e sono state probabilmente interrotte più volte da fattori esterni, dalle preoccupazioni per la salute e dal panico generale nel mondo a causa dell’epidemia. 

Questo è comprensibile e, per fortuna, il trading è tornato ad uno stato piuttosto normale, sebbene anche adesso, bitcoin si aggira intorno a $6.600 – $7.000, facendo riflettere gli utenti sul motivo per cui la criptovaluta è scesa così velocemente negli ultimi 2 mesi e per quanto tempo questa epidemia potrebbe continuare a interferire con il mondo crypto.

Quando torneremo alla normalità?

Non vogliamo sminuire l’importanza dell’assistenza sanitaria e le tragedie che stanno accadendo in tutto il mondo, con i medici che non sono in grado di offrire i loro servizi alle persone. Ma anche l’aspetto finanziario è estremamente importante e potrebbe fare danni paragonabili a quelli che le minacce alla salute hanno fatto finora. Stiamo già assistendo ai risultati di alcuni di questi errori finanziari e ad alcune perdite inevitabili che di solito seguono eventi come questi. 

Il mercato azionario non si comportava così dalla crisi finanziaria mondiale del 2008 e le criptovalute hanno quasi dimezzato il loro prezzo nel corso di sole due settimane. Il fatto è che è impossibile far funzionare le cose come al solito, a meno che non siate una delle aziende che operano online e che forniscono alcuni dei servizi più essenziali. Non sappiamo quanto durerà questa epidemia, ma quel che è ancora peggio è che non riusciamo ancora a comprendere i danni economici provocati al mondo da questa epidemia. Ci vorranno mesi e forse più di un anno prima che la vita torni alla normalità per la maggior parte delle persone. 

Finché non ci sarà un vaccino pronto, non ci si può aspettare un vero cambiamento. Per questo motivo tutte le aziende e le piattaforme commerciali devono cercare di adattarsi a questi tempi, incoraggiando una maggiore azione da parte dei loro utenti

 

Giorgi Mikhelidze
Giorgi Mikhelidze

Giorgi è un software developer che vive in Georgia con due anni di esperienza nel trading sui mercati finanziari. Ora lavora per aumentare la conoscenza della Blockchain nel suo Paese e cerca di condividere le sue scoperte e ricerche con quanta più gente possibile.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.