Bitcoin Circuit e la bufala su Bruno Vespa
Bitcoin Circuit e la bufala su Bruno Vespa
Sicurezza

Bitcoin Circuit e la bufala su Bruno Vespa

By Marco Cavicchioli - 4 Mag 2020

Chevron down
Ascolta qui
download

Circola l’ennesima truffa che viene promossa tramite una bufala: si chiama Bitcoin Circuit e coinvolge il nome di Bruno Vespa. 

La bufala è stata diffusa con un post su Facebook in cui si leggeva che Bruno Vespa stava guadagnando soldi grazie ad un nuovo programma di trading automatizzato di criptovalute. 

Come già capitato diverse volte in passato, si trattava di una bufala, smentita poi direttamente dallo stesso Bruno Vespa, il cui nome è stato sfruttato dai truffatori a sua insaputa. 

Nello specifico Bitcoin Circuit si presenta per l’appunto come un software in grado di fare trading automatico su bitcoin e sui mercati crypto. 

Tuttavia, è sufficiente leggere cosa scrivono sul sito per rendersi conto che sono solo menzogne. 

Ad esempio, scrivono che un bitcoin è un file di computer che è stato archiviato in un’app di portafoglio virtuale, mentre invece è una scrittura contabile su un registro distribuito costituito da migliaia di copie identiche di un file, la blockchain, conservato su decine di migliaia di nodi. 

Questi non sono app, ma macchine su cui gira un apposito software, mentre i wallet ormai al giorno d’oggi non devono necessariamente scaricare e conservare l’intera blockchain. 

Poi affermano che si stima che entro la fine del 2020 un bitcoin varrà quasi mezzo milione di dollari, ovvero una previsione che ad oggi non sembra per nulla verosimile. 

Inoltre aggiungono: 

“Pensa ai bitcoin come blocchi singoli. Ogni blocco è simile alla valuta tradizionale”. 

Questa è un’invenzione bella e buona, distantissima dalla realtà. 

Altri errori riportati sul sito sono l’affermazione che i bitcoin siano più preziosi dei contanti tradizionali e soprattutto che non sia impossibile crearne di falsi, copiarli o effettuare transazioni spurie con i bitcoin di qualcun altro.

Alla luce di queste affermazioni è evidente che il sito che le propone sia stato realizzato da persone che non conoscono il funzionamento di bitcoin, e che stanno evidentemente proponendo ai loro potenziali clienti menzogne create solo per farli illudere di poter guadagnare facilmente, velocemente, e senza sforzi. 

Infatti, tra le altre cose il sito afferma che la quantità di soldi che si guadagna su Bitcoin Circuit dipende interamente dal proprio investimento di tempo, denaro e fatica. Ovvero, se fosse veramente un software di trading automatico, allora non dovrebbe nascondere il fatto che invece c’è sempre e comunque un fattore di rischio, assolutamente rilevante, mentre nasconderlo in fondo equivale ad ammettere che ciò che viene affermato siano per l’appunto solamente menzogne. 

La menzogna è oltremodo palese quando affermano: più capitale investi nel trading, più soldi farai. Questa affermazione è sicuramente falsa. 

Poi aggiungono: 

“Alcuni dei nostri membri guadagnano oltre $ 1.500 ogni giorno. Alcuni ne fanno ancora di più”. 

È evidente che chi mente proponendo facili guadagni in questo modo stia solamente cercando di truffare i malcapitati che dovessero compiere l’errore di credere a queste menzogne. 

Infine la menzogna più evidente è l’affermazione che l’app Bitcoin Circuit sia stata nominata l’app di software di trading n. 1 dalla US Trading Association. 

Questa fantomatica US Trading Association in realtà non risulta proprio nemmeno esistere, quindi quello che affermano semplicemente non può essere vero.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 25mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.