Polkadot: la piattaforma è ora online
Polkadot: la piattaforma è ora online
Blockchain

Polkadot: la piattaforma è ora online

By Alfredo de Candia - 27 Mag 2020

Chevron down

È stato pubblicato il comunicato ufficiale in cui Polkadot ha annunciato di essere andato online con la propria piattaforma.

L’inizio dello sviluppo di Polkadot risale al 2016 ed è stato fortemente supportato dal fondatore della Web3 Foundation, Gavin Wood, co-fondatore e CTO di Ethereum, che ha seguito lo sviluppo del progetto insieme a Jutta Steiner, CEO di Parity Technologies.

Polkadot contro i massimalisti

Polkadot è la più grande scommessa contro i massimalisti, ha affermato Gavin Wood:

“Polkadot è, sotto molti aspetti, la più grande scommessa di questo ecosistema contro il massimalismo delle catene. Anche se ci fosse una catena perfetta, non credo che rimarrebbe perfetta a lungo. Direi che non è proprio un buon piano essere così incentrati a sostenere un vincitore al di sopra di tutti gli altri”.

Con il lancio della rete, per il momento nelle mani della Web3 Foundation che possiede i nodi e valida i blocchi, gli investitori che possiedono i token DOT potranno successivamente diventare loro stessi dei validatori o nominare altri validatori, ma non potranno trasferire i propri token.

In questo modo viene a cambiare anche la governance del progetto che fino ad ora poteva definirsi fin troppo centralizzata.

Le ultime news su Polkadot

Polkadot aveva fatto una private sale in cui aveva venduto 5 milioni di token, raccogliendo oltre 140 milioni di dollari.

Di recente era stata annunciata l’integrazione con Chainlink (LINK) e con Coinbase Custody grazie a Bison Trails, quindi si tratta di un progetto che sta facendo progressi ed ora è finalmente live.

Questo lancio servirà anche alla community di Ethereum per vedere come si comporta un sistema di shard e di catene parallele per aumentare la scalabilità e l’interoperabilità delle stesse, infatti non dimentichiamo che potrebbe essere anche complementare alla blockchain di Ethereum e al miglioramento della sua scalabilità.

Alfredo de Candia
Alfredo de Candia

Android developer da oltre 8 anni sul playstore di Google con una decina di app, Alfredo a 21 anni ha scalato il Monte Fuji seguendo il detto "Chi scala il monte Fuji una volta nella vita è un uomo saggio, chi lo scala due volte è un pazzo". Tra le sue app troviamo un dizionario di giapponese, un database di spam e virus, il più completo database sui compleanni di serie Anime e Manga e un database sulle shitcoin. Miner della domenica, Alfredo ha una forte passione per le crypto ed è un fan di EOS.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.