Bitcoin, terza settimana consecutiva in ribasso
Bitcoin, terza settimana consecutiva in ribasso
Trading

Bitcoin, terza settimana consecutiva in ribasso

By Federico Izzi - 29 Giu 2020

Chevron down

La chiusura settimanale sotto i 9.350 dollari del Bitcoin segna la terza settimana consecutiva in ribasso, caratterizzando la settimana appena conclusa con ben 5 giorni in rosso su 7. Un evento che non si registrava dal novembre 2019.

Una chiusura che nonostante veda i prezzi continuare a scivolare, andando a testare area 9.000 dollari durante il weekend, non diventa preoccupante. Se consideriamo il rialzo dell’ultimo trimestre iniziato dall’affondo di metà marzo e prendendo come riferimento i massimi di inizio giugno, l’attuale movimento si può classificare come ritracciamento. 

Prendendo questi due estremi, minimi e massimi, i prezzi vedono una perdita di circa il 25%. 

Quello che invece lascia perplessi, e che è un’indicazione per alcuni aspetti poco confortante, sono i bassi volumi che si registrano nel corso dell’ultima settimana. 

Domenica gli scambi, per la prima volta da metà febbraio, sono scesi sotto il miliardo in controvalore di dollari. Ciò evidenzia come, nonostante i timori e le infondate preoccupazioni per la mostruosa scadenza di opzioni di venerdì scorso, che ha fatto registrare l’open interest più alto di sempre, non hanno portato gli scossoni che molti si aspettavano. 

Questo deve essere letto come un aumento dell’interesse dell’utilizzo di strumenti derivati che gli operatori professionali utilizzano come copertura del rischio.

coin360 20200629
Fonte: COIN360.com

La giornata oggi vede una prevalenza di segni positivi per oltre il 75% delle criptovalute.

Su base settimanale, partendo dai livelli di lunedì scorso, tra le prime 20, solo quattro coin sono sopra la parità. Meglio di tutte il token Leo (LEO) +6%, seguito da Chainlink (LINK), +4%. Seguono Cardano (ADA) e Crypto.com (CRO) poco sopra la parità.

CRO 20200629

Crypto.com è tra le migliori di giornata registrando un balzo del 5%, come Cardano. Crypto.com riconquista i 12 centesimi di dollaro, dopo aver accusato i ribassi della scorsa settimana dovute alle tensioni e alle insolvenze della bancarotta di Wirecard, oggi va ad aggredire i massimi registrati all’inizio della scorsa settimana, che coincidono con i livelli più alti dell’ultimo anno (da luglio 2019).

Crypto.com con il balzo in alto riconquista la 10° posizione, andando ad aggredire la 9° posizione nella classifica della maggiori capitalizzate detenuta al momento da Eos. La differenza tra le due capitalizzazioni è di 50 milioni di dollari.

Tra i migliori rialzi di giornata oggi si fa notare uno dei fork di Bitcoin, Bitcoin Gold (BTG), che vola del 25% in 45° posizione. Questa forcella oramai è diventato di poco interesse, non avendo mai preoccupato per le intenzioni che motivano ad ottobre 2017 il fork avvenuto al blocco 419406 della catena di Bitcoin.

Buon il rialzo di Bancor (BNT), +15% nella galassia DeFI. Bene anche Ren (REN) e Synthetix (SNX) salgono entrambe dell’8%.

La DeFi registra il blocco depositi sui token salire verso nuovi massimi che superano 1,630 miliardi in controvalore in dollari. 

Compound (COMP) continua a mantenere la leadership con oltre 625 milioni di dollari bloccati, 38% della dominance.

I ribassi degli ultimi giorni fanno scivolare il market cap a 255 miliardi di dollari, livelli già registrati alla metà di giugno e che coincidono con il livello più basso dell’ultimo mese

La dominance del Bitcoin  rimane poco sotto il 65%. Perde quota Ethereum che torna al 9,6%. Stabile XRP che continua a rasentare i livelli più bassi degli ultimi 3 anni, poco sopra il 3%.

BTC 20200629
Grafico Bitcoin by Tradingview

Bitcoin (BTC) in ribasso e in attesa

Bitcoin ufficializza l’entrata nella parte più debole dell’attuale ciclo mensile iniziato con i minimi di fine maggio, un ciclo mensile che si ipotizza andrà a trovare la chiusura, e pertanto l’inizio del prossimo ciclo, entro la settimana corrente.

È importante monitorare l’evoluzione e l’andamento dei prezzi del Bitcoin, che se dovessero mantenere quota 8.800-8.900 dollari in ottica mensile modificherebbero il segnale in positivo. 

La volatilità del Bitcoin continua a scendere registrando i minimi più bassi dell’ultimo trimestre a 2,2% giornaliero su base mensile, il livello più basso da inizio anno.

È un’indicazione che allerta di un prossimo movimento esplosivo direzionale. Bisognerà capire se sarà al rialzo o al ribasso. 

In precedenza oscillazioni prolungate ai livelli più bassi di volatilità su base mensile hanno accompagnato nel corso degli ultimi anni anche forti escursioni al rialzo. Perciò bisogna fare molta attenzione a quello che accadrà nei prossimi giorni.

ETH 20200629
Grafico Ethereum by Tradingview

Ethereum (ETH) abbandona il canale rialzista

Ethereum con la rottura di area 230 dollari, neckline inferiore, abbandona il canale rialzista che accompagnava i prezzi dalla metà di marzo. 

Al momento anche per ETH il segnale non è preoccupante in quanto il ribasso vede testare il 25% del ritracciamento di Fibonacci che prende come riferimento i minimi di marzo ed i massimi di fine giugno. 

I 215 dollari testati nella giornata di sabato vedono per la seconda volta nell’ultimo mese il test dell’ex resistenza che tra aprile e maggio aveva respinto gli attacchi dei rialzisti. I 215 dollari rimangono per l’intera settimana un livello da monitorare con attenzione.

In caso di rottura al ribasso il prossimo supporto è sotto la soglia psicologica dei 200 dollari, tra 195 e 190 dollari. Ethereum attende la chiusura del ciclo mensile iniziato dalla metà di maggio e che si ipotizza concludersi entro la prima decade di luglio.

Federico Izzi
Federico Izzi

Analista finanziario e trader indipendente – Socio S.I.A.T. & Assob.it. Opera attivamente sui mercati azionari e dei derivati (futures ed opzioni) dal 1997. Precursore dell’analisi ciclica-volumetrica è noto per aver individuato i più importanti movimenti al rialzo ed al ribasso sui mercati finanziari degli ultimi anni. Partecipa annualmente come relatore all’ ITForum di Rimini dall’edizione del 2010 ed InvestingRoma e Napoli dalla prima edizione del 2015. Interviene come ospite ed esperto dei mercati durante le trasmissioni “Trading Room” e “Market Driver” di Class CNBC, Borsa Diretta.tv e nel TG serale di Traderlink. Da luglio 2017 è ospite fisso su LeFonti.TV nell’unico spazio nazionale settimanale dedicato alle criptovalute insieme ai più importanti esperti internazionali del settore. Periodicamente pubblica articoli su ITForum News, Sole24Ore, TrendOnLine, Wall Street Italia. E’ stato intervistato in qualità di esperto di criptovalute per: Forbes Italia, Panorama, StartupItalia, DonnaModerna. E’ stato riconosciuto come primo analista tecnico italiano ad aver pubblicato la prima analisi ciclica secolare sul Bitcoin. Federico Izzi è… Zio Romolo

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.