banner
Il brevetto di Daniel Larimer per il voto su blockchain
Il brevetto di Daniel Larimer per il voto su blockchain
Blockchain

Il brevetto di Daniel Larimer per il voto su blockchain

By Alfredo de Candia - 6 Ago 2020

Chevron down

Questa mattina il CTO di Block.one, Daniel Larimer, ha aperto una discussione sulle prossime elezioni americane che si terranno per scegliere il nuovo Presidente e ha condiviso con gli utenti un suo brevetto per usare la blockchain come sistema di voto.

Andando a leggere il brevetto, che prende il nome di “BLOCKCHAIN ELECTRONIC VOTING SYSTEM AND METHOD”, questo è stato depositato diversi anni fa e pubblicato nel 2017.

Chi ha fatto domanda per registrarlo è stata la Follow My Vote, mentre gli inventori del brevetto sono Adam Ernest, Nathan Hourt, che sono i co-fondatori del progetto, e Daniel Larimer.

Lo scopo di questa azienda è quello di promuovere la verità e la libertà degli individui e di comunicare efficacemente, in maniera non coercitiva, i problemi della società. Per farlo stanno sviluppando un sistema open source di voto online che fornisca trasparenza dei risultati ed anche un sistema indipendente per i “ballot box”.

Per realizzare ciò, si mette in campo proprio la blockchain, che in questo caso è quella di Graphene.

Voto su blockchain, ecco il brevetto

Ritornando al brevetto, dalle varie immagini fornite possiamo vedere come il sistema dovrebbe funzionare e come sia possibile dissociare il nome di una persona dal voto che ha espresso.

Il voto deve garantire l’uguaglianza e non avere un peso maggiore dell’altro; deve essere personale, libero e non condizionato in nessun modo, ed anche segreto, mantenendo la privacy di chi effettua il voto.

Un’impresa non semplice quando ci spostiamo sulla blockchain, perché per questa tecnologia la trasparenza è fondamentale.

Il brevetto di Larimer mostra invece come, attraverso una serie di server, si riesce a scindere il nome dal voto.

In un primo passaggio si permette la registrazione e l’identificazione dell’utente per sapere se ha diritto di voto, dopo di che il tutto passa in un altro server che dissocia il nome della persona dal voto, e viene sostituito con una chiave che permette di registrare la votazione senza che venga compromessa la privacy dell’utente.

Chissà quando vedremo attivo questo sistema, magari se dovesse vincere Brock Pierce.

Nel frattempo va avanti il progetto, partito l’anno scorso, per tracciare le prossime  elezioni.

Alfredo de Candia
Alfredo de Candia

Android developer da oltre 8 anni sul playstore di Google con una decina di app, Alfredo a 21 anni ha scalato il Monte Fuji seguendo il detto "Chi scala il monte Fuji una volta nella vita è un uomo saggio, chi lo scala due volte è un pazzo". Tra le sue app troviamo un dizionario di giapponese, un database di spam e virus, il più completo database sui compleanni di serie Anime e Manga e un database sulle shitcoin. Miner della domenica, Alfredo ha una forte passione per le crypto ed è un fan di EOS.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.