banner
Bitcoin si tuffa sotto i 10000 dollari
Bitcoin si tuffa sotto i 10000 dollari
Trading

Bitcoin si tuffa sotto i 10000 dollari

By Federico Izzi - 8 Set 2020

Chevron down

Anche ieri, per la quarta volta in cinque giorni, i prezzi del Bitcoin si tuffano sotto i 10000 dollari. 

Si tratta di una soglia psicologica che da maggio a metà luglio aveva più volte respinto ogni tentativo di rialzo. 

Ora invece, al contrario, ogni volta che si tenta di allungare la spinta verso il basso scattano le difese. 

Il settore continua a dimostrare una debolezza generalizzata. Dai livelli di martedì scorso, 1° settembre, il saldo è in rosso

TRX 20200908

Tra le prime 50 capitalizzate, c’è solamente un segno sopra la parità, quello di Tron (TRX) in guadagno del 15% su base settimanale. Saldo favorito anche dal rialzo di oggi con un +5,5%.

coin360 20200908
Fonte: COIN360.com

Il mercato crypto di oggi 

La giornata vede un delicato equilibrio tra segni positivi e negativi anche se tra le Top 20 prevale il segno verde. 

Solamente due crypto sono sotto la parità: Chainlink (LINK) -1,5% e Eos -2%. Tra le big, la migliore è Bitcoin SV (BSV) in salita sopra il +6%, seguita da Monero (XMR) Tron (TRX) e Neo, tutte sopra il 5%.

Tra le migliori delle prime 100 capitalizzate, sul gradino più alto del podio di oggi sale IOST con un balzo di oltre il 30% dai livelli di ieri mattina, seguito da Elrond (EGLD) che con un +16% prova a reagire alla tempesta che si è abbattuta sui prezzi negli ultimi due mesi facendo segnare una perdita di oltre il -75%, dovuto al delisting dalla piattaforma trading di Binance

Riscatto delle privacy coin: oltre Monero (XMR) +5%, in salita anche Dash e Zcash (ZEC) entrambe oltre il 10%.

La capitalizzazione totale scende sotto i $320 miliardi, il livello più basso dalla fine di luglio. 

I volumi sono in discesa dai record registrati nel fine settimana, anche se, con oltre $170 miliardi scambiati nelle ultime 24 ore, rimangono ben sopra la media giornaliera dell’ultimo trimestre.

Il controvalore in dollari (USD) degli scambi su Bitcoin risale sopra i $2 miliardi dopo la pausa del fine settimana. Al contrario, il controvalore degli scambi in USD di Ethereum, dopo una settimana, scende sotto i $2 miliardi.

20200908 DeFiPulse

DeFi

La discesa dei prezzi degli ultimi giorni impatta anche sulla DeFi. Per la prima volta il Totale del Valore Bloccato (TVL) sulle piattaforme della DeFi scende di $2 miliardi, passando dal record di $9,5 miliardi raggiunto il 2 settembre, a $7,5 di domenica. 

Il motivo viene giustificato dalla domanda che rimane crescente tra gli investitori che decidono di bloccare i propri asset sui vari protocolli decentralizzati. 

Negli ultimi giorni si è registrato un picco di interesse tra gli utenti cinesi con record di ricerche giornaliere del termine ‘DeFi’ sull’applicazione di messaggistica di WeChat. 

Da alcuni dati emerge che molti trader hanno acquistato Ethereum per spostarli subito su attività decentralizzate. Non diminuisce, invece, il collaterale immobilizzato sulla varie dApp. 

Sfiora i 7 milioni Il numero di Ethereum bloccati, così come quello dei Bitcoin tokenizzati oltre gli 80,4 mila stabilendo il record assoluto. 

Il DEX (exchange decentralizzato) Uniswap con oltre $1,5 miliardi mantiene ben salda la prima posizione nella classifica delle dApp, seguita dalle piattaforme di prestito Aave e Maker, entrambe con circa $1,3 miliardi immobilizzati.

BTC 20200908
Grafico Bitcoin by Tradingview

Bitcoin (BTC) a 10000 dollari

Resiste il supporto dei 10000 dollari anche se diventa sempre più fragile con il passare del tempo ed i ripetuti test. Il sentiment degli operatori rafforza le possibilità di ulteriori affondi che smobilitano le posizioni aperte sui future. 

In 20 giorni l’Open interest sui derivati future scende da $5,8 a $3 miliardi facendo emergere tensione anche tra gli operatori professionisti smobilitando le posizioni rialziste. Le strategie sulle opzioni evidenziano un rapporto tra Call e Put nettamente a favore delle prime, risaltando i timori di ulteriori discese. 

Solamente un ritorno sopra gli 11.500 dollari farà tornare la fiducia.

ETH 20200908
Grafico Ethereum by Tradingview

Ethereum (ETH)

La discesa di ieri non ha influenzato i prezzi di Ethereum che, anche se a fatica, riescono a non affondare sotto i minimi di domenica ($310). 

I rialzisti continuano a difendere con i denti area 355 dollari, ex supporto ora diventato area di scontro tra acquisti e vendite. 

A differenza di Bitcoin, gli operatori professionisti nelle ultime ore tornano a coprire i livelli di supporto testati in queste ultime 48 ore, tra i 305 e 325 dollari, anche se rimangono nettamente superiori le strategie a copertura di eventuali rialzi. 

Solamente un ritorno sopra i 415 dollari inizierebbe a far arretrare i ribassisti. 

Federico Izzi
Federico Izzi

Analista finanziario e trader indipendente – Socio S.I.A.T. & Assob.it. Opera attivamente sui mercati azionari e dei derivati (futures ed opzioni) dal 1997. Precursore dell’analisi ciclica-volumetrica è noto per aver individuato i più importanti movimenti al rialzo ed al ribasso sui mercati finanziari degli ultimi anni. Partecipa annualmente come relatore all’ ITForum di Rimini dall’edizione del 2010 ed InvestingRoma e Napoli dalla prima edizione del 2015. Interviene come ospite ed esperto dei mercati durante le trasmissioni “Trading Room” e “Market Driver” di Class CNBC, Borsa Diretta.tv e nel TG serale di Traderlink. Da luglio 2017 è ospite fisso su LeFonti.TV nell’unico spazio nazionale settimanale dedicato alle criptovalute insieme ai più importanti esperti internazionali del settore. Periodicamente pubblica articoli su ITForum News, Sole24Ore, TrendOnLine, Wall Street Italia. E’ stato intervistato in qualità di esperto di criptovalute per: Forbes Italia, Panorama, StartupItalia, DonnaModerna. E’ stato riconosciuto come primo analista tecnico italiano ad aver pubblicato la prima analisi ciclica secolare sul Bitcoin. Federico Izzi è… Zio Romolo

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.