banner
Robinhood: finanziamento da 660 milioni per l’app di trading
Robinhood: finanziamento da 660 milioni per l’app di trading
Criptovalute

Robinhood: finanziamento da 660 milioni per l’app di trading

By Marco Cavicchioli - 23 Set 2020

Chevron down

La società che ha realizzato la celebre app di trading Robinhood ha raccolto 660 milioni di dollari durante l’ultimo round di finanziamento. 

Ne dà notizia Reuters, a cui una portavoce della società ha rivelato che Robinhood Markets Inc ha portato a 517,9 milioni di sterline il suo ultimo round di finanziamento. 

Si tratta dell’estensione del round di serie G stato annunciato il mese scorso, quando D1 Capital Partners investì 200 milioni di dollari nella società, dando a Robinhood una valutazione di 11,7 miliardi di dollari. 

La nuova liquidità proviene da alcuni investitori nuovi ed altri già presenti in Robinhood, come Andreessen Horowitz, Sequoia, DST Global, Ribbit Capital, 9Yards Capital e D1 Capital Partners.

La portavoce ha dichiarato: 

“Abbiamo raccolto ulteriori 460 milioni di dollari in chiusure successive della nostra serie G per supportare il nostro prodotto principale e l’esperienza del cliente, e nuove offerte come la gestione della liquidità e gli investimenti ricorrenti”. 

Robinhood, l’ascesa dell’app di trading

La società quest’anno sta facendo registrare un deciso incremento delle attività di trading da parte dei suoi utenti, probabilmente come causa diretta o indiretta del lockdown dovuto all’emergenza COVID-19.

Questo genera anche un aumento di interesse da parte degli investitori, tanto che ora la quantità complessiva di capitale raccolta nel 2020 è arrivata a circa 1,25 miliardi di dollari, con un capitale garantito totale di oltre 2 miliardi. 

Già nel 2018 la società raccolse 363 milioni dollari, visto che stava crescendo molto grazie alla rimozione dei costi di commissione, ed una particolare facilità d’uso via mobile. 

Sebbene in seguito fu accusata di vendere i dati dei propri utenti alle società di trading, la sua crescita è continuata, con un vero e proprio boom nel 2020. 

Prima della pandemia era anche stata inclusa da Forbes nella top 10 delle più grandi aziende fintech negli USA, classificandosi al quarto posto per valore complessivo della società. Allora quest’ultimo era di 7,6 miliardi di dollari, mentre ora è superiore agli 11 miliardi e mezzo. 

Ad esempio, a quel tempo Forbes stimò Coinbase valesse 8,1 miliardi di dollari, mentre la media delle 10 società era di 9 miliardi.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 25mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.