La Fed ha testato diverse DLT per il dollaro digitale
La Fed ha testato diverse DLT per il dollaro digitale
Stable Coin

La Fed ha testato diverse DLT per il dollaro digitale

By Marco Cavicchioli - 24 Set 2020

Chevron down

Da qualche mese a questa parte la Fed ha testato diverse piattaforme basate su registri distribuiti (DLT) per comprendere i loro potenziali vantaggi nell’ottica della creazione di un dollaro digitale. 

È quanto ha rivelato il presidente e CEO della Federal Reserve Bank di Cleveland, Loretta J. Mester, in un discorso pronunciato al Keynote Session del 20th Anniversary Chicago Payments Symposium. 

Ha detto: 

“La Federal Reserve ha studiato da diverso tempo le questioni sollevate dalla valuta digitale della banca centrale. Il Board of Governors ha un laboratorio tecnologico che ha costruito e testato una gamma di piattaforme di registro distribuito per comprenderne i potenziali vantaggi e compromessi. I membri del personale di diverse Reserve Banks, inclusi gli sviluppatori di software della Fed di Cleveland, stanno contribuendo a questo sforzo”. 

Ha anche aggiunto che la Federal Reserve Bank di Boston collabora da anni con il Massachusetts Institute of Technology (MIT) nella sperimentazione di diverse tecnologie che potrebbero essere utilizzate per una valuta digitale della banca centrale (CBDC). 

Anche la Federal Reserve Bank di New York è impegnata in questo sforzo con un suo centro di innovazione, in collaborazione con la Banca dei Regolamenti Internazionali (BIS), grazie al quale sta cercando di identificare ed analizzare le tendenze critiche in questo specifico ambito.

A questo punto Loretta J. Mester ha dichiarato: 

“Sperimentazioni come questa sono un ingrediente importante nella valutazione dei vantaggi e dei costi di una valuta digitale della banca centrale, ma non segnalano alcuna decisione della Federal Reserve di adottare tale valuta. Le questioni sollevate dalla valuta digitale della banca centrale relative alla stabilità finanziaria, alla struttura del mercato, alla sicurezza, alla privacy e alla politica monetaria devono essere tutte meglio comprese”. 

L’impegno della Fed per il dollaro digitale

Quindi da un lato si conferma che l’impegno della banca centrale americana in questa direzione è decisamente concreto, con uno sforzo non irrilevante, ma dall’altro si conferma anche che la situazione è di fatto ancora solamente in fase di studio, forse anche a causa di una conoscenza non ancora sufficientemente approfondita di tutte le conseguenze che potrebbero essere generate dal rilascio di un dollaro interamente e nativamente digitale. 

Mester nel suo discorso ha anche evidenziato la necessità di garantire che il sistema dei pagamenti rimanga moderno, resiliente, ed in grado di adattarsi alle mutevoli esigenze dei clienti, suggerendo di fatto che qualche innovazione sia necessaria. 

Il fatto che la Cina da questo punto di vista sembra essere più avanti, potrebbe spingere anche la Fed ad accelerare sul dollaro digitale, visto che stando a quanto dichiarato da Mester sembrerebbe in grado di poterlo fare. Tuttavia la banca centrale americana in questo frangente pare essere decisamente più prudente di quella cinese.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 25mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.