La redditività dello yield farming con pBTC
La redditività dello yield farming con pBTC
Defi

La redditività dello yield farming con pBTC

By Marco Cavicchioli - 12 Ott 2020

Chevron down
Ascolta qui
download

Grazie a pBTC ed Eidoo è possibile fare yield farming con bitcoin

Infatti pur essendo lo Steroids Yield Farming di Eidoo un programma gestito con smart contract sulla blockchain di Ethereum, quindi non compatibili direttamente con BTC, grazie all’utilizzo di pBTC diventa invece possibile utilizzare bitcoin per fare yield farming.

pBTC infatti è un token ERC-20 sulla blockchain di Ethereum, utilizzabile su smart contract come quelli del programma Steroids Yield Farming. 

Inoltre ogni singolo token pBTC rappresenta un singolo BTC, con un rapporto 1:1, ed è generabile e redimibile in qualsiasi momento. 

Pertanto per fare yield farming con bitcoin su Eidoo, per prima cosa è necessario scambiare BTC con pBTC. 

La procedura è molto semplice, e si esegue direttamente all’interno dell’app. 

Il wallet di Eidoo infatti consente di swappare quasi istantaneamente BTC in pBTC, e viceversa pBTC in BTC, sempre con un rapporto fisso di 1:1. 

Quindi il primo passaggio, molto semplice, è quello di swappare i propri BTC in pBTC su Eidoo dopo averli depositati. 

Una volta ricevuti i pBTC possono essere messi in staking sull’app per ricevere in cambio token PNT, ovvero i token di governance pNetwork. 

pNetwork non è solamente la DAO che si occupa di creare i pTokens, come pBTC, ma collabora strettamente con Eidoo per integrare all’interno del wallet i propri servizi. 

Per questo motivo mettere in staking i propri pBTC conservati sul wallet Eidoo, per guadagnare token PNT, è decisamente molto semplice: è sufficiente utilizzare l’apposita funzione che consente di inviare i pBTC conservati nel wallet allo smart contract del programma Steroids Yield Farming. 

Su Steroids.finance è possibile verificare in ogni momento quale sia il tasso di rendimento annuo (APY) dello staking. 

In questo momento ad esempio l’APY di pBTC è superiore al 51%, ovvero per ogni pBTC messo in staking in un anno si dovrebbero ottenere in cambio token PNT del valore complessivo di circa mezzo bitcoin. 

Per generare questi guadagni il programma Steroids utilizza la pool incentivata WBTC/pBTC su Uniswap, ovvero mette a disposizione di questa pool i pBTC messi in staking dagli utenti utilizzando l’apposita funzione di Steroids Yield Farming. 

Questa percentuale varia in continuazione, a seconda del rapporto tra domanda ed offerta del mercato, e del valore del token PNT in cui vengono erogati i profitti. 

Va infine ricordato che gli smart contract di Steroids Yield Farming sulla blockchain di Ethereum sono decentralizzati, pertanto consentono all’utente di entrare ed uscire dallo staking dei pBTC in qualsiasi momento, in modo da poter rientrare in pieno possesso dei token quando di vuole. 

Anche l’eventuale riconversione dei token pBTC in BTC può avvenire in qualsiasi momento, senza limitazioni di alcun genere. 

Per approfondire:

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 25mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.