banner
Ethereum: un post su Casper preannunciava 2 anni fa la Proof of stake
Ethereum: un post su Casper preannunciava 2 anni fa la Proof of stake
Ethereum

Ethereum: un post su Casper preannunciava 2 anni fa la Proof of stake

By Alfredo de Candia - 6 Nov 2020

Chevron down

In uno dei suoi recenti tweet, Vitalik Buterin, CEO di Ethereum, ha riportato in auge un vecchio post dello sviluppatore Vlad Zamfir che parlava di Casper.

Il post era stato scritto 2 giorni dopo il lancio della mainnet di Ethereum e spiegava le diverse migliorie che si sarebbero potute apportare alla rete, come per esempio la PoS (Proof of Stake).

Nel post si parlava infatti di Casper, una variante del protocollo GHOST (Greedy Heaviest-Observed Sub-Tree) per il passaggio dalla PoW (Proof of Work) alla PoS che avrebbe permesso di ottenere dei vantaggi non indifferenti con l’introduzione di questo sistema di consenso.

Anche due anni fa, quindi, si parlava di varie tecniche per permettere di avere la stessa efficienza e sicurezza data dalla PoW, ma con un sistema più scalabile e con un gas price più contenuto.

Zamfir intravedeva già che questo sistema avrebbe permesso di ottenere un maggiore numero di transazioni per secondo (TpS) e quindi avere un network più veloce.

Questi principi valgono ancora oggi. La proposta di Zamfir, chiamata quindi Casper CBC, e stata la base per la versione che sarà implementata in ETH 2.0, ovvero Casper FFG.

Dopo Casper: Ethereum 2.0. in arrivo

Come sappiamo, il primo dicembre verrà attivato il nuovo smart contract, non appena ci saranno sufficienti fondi nel contratto, altrimenti il tutto sarà slittato di una settimana per garantire che non ci siano problemi.

Questo però è solo uno degli smart contract principali da sviluppare e, seppure sia stato testato, le difficoltà ci sono e alcune variabili potrebbero sfuggire al controllo e creare danni o problemi al sistema, dato che il lancio di Ethereum 2.0 prevede diverse fasi per il suo completamento.

Insomma, ci troviamo ad un passo importante per questa blockchain e lo si evince anche dal prezzo che sta aumentando. Certo è ancora presto per avere un prodotto pronto per la massa, anche perché è ancora in ballo la questione degli smart contract da gestire visto che prima o poi dovranno passare alla nuova blockchain con tutti gli eventuali rischi, e quindi difficilmente potremo utilizzare il nuovo sistema per quest’anno.

Alfredo de Candia
Alfredo de Candia

Android developer da oltre 8 anni sul playstore di Google con una decina di app, Alfredo a 21 anni ha scalato il Monte Fuji seguendo il detto "Chi scala il monte Fuji una volta nella vita è un uomo saggio, chi lo scala due volte è un pazzo". Tra le sue app troviamo un dizionario di giapponese, un database di spam e virus, il più completo database sui compleanni di serie Anime e Manga e un database sulle shitcoin. Miner della domenica, Alfredo ha una forte passione per le crypto ed è un fan di EOS.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.