banner
Bitcoin, il prezzo da 20.000 a 89.000 dollari
Bitcoin, il prezzo da 20.000 a 89.000 dollari
Bitcoin

Bitcoin, il prezzo da 20.000 a 89.000 dollari

By Eleonora Spagnolo - 25 Nov 2020

Chevron down

La quotazione di Bitcoin è ormai ad un passo dai 20.000 dollari. Il rally che si è innescato da ottobre sta portando la regina delle criptovalute a toccare il record storico visto solo brevemente nel dicembre 2017.

Il pensiero torna proprio a tre anni fa, quando repentinamente il prezzo di BTC si impennò, per poi crollare a stretto giro. Stavolta, dicono gli esperti, è diverso.

È quel che pensa  Clem Chambers, CEO di ADVFN e autore di Trading Cryptocurrencies: A Beginner’s Guide – Bitcoin, Ethereum, Litecoin:

“La differenza tra il 2020 e il 2017 è che l’attuale è un contesto di maggiore caos geopolitico, di maggiore adozione, ma di minore interesse da parte del pubblico e di minore offerta di nuove monete. Questi sono tutti fattori determinanti. Bitcoin raggiungerà i 20.000 dollari, ma il percorso non sarà lineare, e il ritracciamento è un’alta probabilità (statisticamente solo una mossa su cinque non rientra mai al di sotto di un livello superato). Tuttavia, a lungo termine, il Bitcoin navigherà a 20.000 dollari e il cielo è il limite”.

Infatti la salita di Bitcoin è stata più lenta rispetto a quella del 2017, ma ciò nonostante rapida. Il rischio è che manchino livelli di supporto in caso di ritracciamento. Insomma, bisogna essere cauti, perché si rischia uno scivolone. 

Ciò nonostante, il terreno ormai è seminato, e secondo Clem Chambers ci sono tutti i presupposti affinché poi Bitcoin viaggi stabilmente sopra i 20.000 dollari. 

Bitcoin, i 20.000 dollari fanno impennare i volumi

La corsa verso i 20.000 dollari ha fatto impennare i volumi di scambio. È quel che nota anche Paolo Ardoino, CTO di Bitfinex: 

“I mercati crypto hanno visto volatilità nelle ultime 24 ore. Dato che i volumi su Bitfinex superano  1 miliardo di dollari, il rally delle criptovalute sembra destinato a continuare. Il percorso di Bitcoin verso l’accettazione come asset consolidato sta prendendo slancio”.

In pratica, più ci saranno volumi, più i prezzi potrebbero crescere, più Bitcoin continuerà ad essere accettato. 

Gli scambi su Bitcoin a novembre sono aumentati dell’81% su eToro. Lo rileva l’analista Simon Peters: 

“La corsa del Bitcoin continua e il massimo storico dei 20.000 dollari sembra ora a portata di mano. Nella piattaforma internazionale di investimenti eToro la media giornaliera degli scambi della criptovaluta sta facendo registrare a novembre un +81% rispetto al quella degli altri mesi del 2020. Di questo passo, non mi sorprenderebbe se il Bitcoin diventasse uno degli argomenti di discussione del Natale”.

Ciò che si chiedono i meno esperti è se sia ancora un buon momento per acquistare Bitcoin. Perché acquistare ore è un po’ come salire su un treno già in corsa. Risponde a tal proposito l’analista di eToro: 

“A riguardo è bene fare un paio di considerazioni. In primo luogo, sono dell’idea che alcuni investitori potrebbero trarre profitti se il Bitcoin, una volta raggiunti i 20.000 dollari, dovesse subire un conseguente leggero calo di prezzo. Questo scenario potrebbe rappresentare un’opportunità di acquisto”.

Ma a questo ritracciamento seguirebbe un impennata che porterebbe il prezzo a 89.000 dollari entro la fine del 2021. Aggiunge Simon Peters:

“In secondo luogo, secondo alcune stime, il Bitcoin potrebbe raggiungere quota 89.000 dollari entro la fine del prossimo anno. Tuttavia, va assolutamente sottolineato che questi modelli variano molto facilmente e che le criptovalute sono un bene volatile. È importante quindi non investire più di quanto non sia disposti a perdere”.

La sua conclusione è la seguente:

“Per concludere, la domanda finale per ogni aspirante investitore: il Bitcoin ha potenziale nel lungo termine? Se la risposta è sì, allora in questo caso va applicata la regola d’oro del “time in the market” piuttosto che quella del “timing the market”. Annunci recenti come la decisione di PayPal di consentire ai suoi circa 340 milioni di utenti di comprare e vendere criptovalute, Bitcoin incluso, potrebbero confortare un po’ gli investitori sul fatto che le criptovalute sono destinate a restare”.

Eleonora Spagnolo
Eleonora Spagnolo

Giornalista con la passione per il web e il mondo digitale. È laureata con lode in Editoria multimediale all’Università La Sapienza di Roma e ha frequentato un master in Web e Social Media Marketing.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.