Una competizione di trading algoritmico per gli studenti di Oxford e Cambridge
Una competizione di trading algoritmico per gli studenti di Oxford e Cambridge
Blockchain

Una competizione di trading algoritmico per gli studenti di Oxford e Cambridge

By Amelia Tomasicchio - 25 Nov 2020

Chevron down

APEX:E3, azienda che si occupa di analisi di diversi asset per gli investitori retail e anche per quelli istituzionali, ha annunciato oggi una competizione di trading algoritmico che vedrà gareggiare gli studenti dell’Università di Oxford contro quelli di Cambridge.

Usman Khan, CEO di APEX:E3, ha dichiarato:

“Siamo entusiasti di poter offrire agli studenti interessati opportunità di apprendimento nel mondo reale, attività extracurriculari e analisi dei mercati finanziari durante il lockdown. La reazione degli studenti di Oxford e Cambridge a questo concorso ci ha davvero energizzato e non vediamo l’ora di ampliare la portata e il numero delle università l’anno prossimo. Un enorme grazie ai nostri partner con cui siamo lieti di lavorare, e ai nostri partner di entrambe le università per tutto l’aiuto che ci hanno dato per dare il via a questa competizione”.

Come funziona la competizione di trading algoritmico di Oxford

La competizione durerà un mese e vedrà coinvolti ben 15 team di studenti dei dipartimenti di matematica e informatica delle due prestigiose università inglesi. 

Per la competizione, gli studenti useranno le API di APEX:E3 per ideare i propri algoritmi e per fare trading useranno Coinbase Pro, SIX Digital Exchange e FTX, che sono appunto partner dell’iniziativa.

Peter Stillwell, Head of European Operations di Coinbase, ha commentato:

“Coinbase è lieta di sostenere questa competizione mettendo i nostri dati a disposizione degli studenti interessati al Trading Algoritmico e collaborando con APEX:E3. Aiutare a introdurre ed educare gli studenti in materia di Asset Digitali in un momento in cui le persone di tutto il mondo sono alla ricerca di nuovi modi per acquisire nuove conoscenze e mettersi alla prova è qualcosa di cui siamo tutti molto entusiasti qui a Coinbase”.

Il professore Mike Wooldridge, Head of Department of Computer Science di Oxford, ha così spiegato:

“In qualità di Università leader, collaborare con l’industria sulle applicazioni informatiche nel mondo reale offre non solo un’eccellente opportunità per i nostri studenti, ma anche potenziali nuove strade per la ricerca collaborativa. APEX:E3, ha ideato una sfida unica per applicare le conoscenze degli studenti alle applicazioni del mondo reale, facendo leva sulla comprensione e sull’applicazione dell’IA nelle istituzioni finanziarie. Siamo lieti di avere APEX:E3 come affiliato del settore e siamo entusiasti di vedere come si svolgerà la competizione nelle prossime settimane”.

Dr. Quentin Stafford-Fraser, del Dipartimento di Computer Science di Cambridge, ha aggiunto:

“Il Trading Algoritmico è un uso importante di molte aree dell’Informatica all’avanguardia nel mondo di oggi, e rendendolo una competizione, APEX:E3 ha creato un modo divertente e privo di rischi per gli studenti di conoscere il settore e di portare la loro creatività e la loro esperienza per affrontare le sfide particolari di questo settore. Non vediamo l’ora di vedere cosa inventeranno i team e auguriamo loro il meglio. Soprattutto a quelli che indossano l’azzurro, naturalmente!”.

Oxford e Cambridge nel mercato crypto

Già nel 2017 l’Università di Cambridge aveva iniziato a redigere un paper sui crypto asset, a dimostrazione che questa iniziativa di trading annunciata oggi non è la prima che vede coinvolta l’Università nel settore della blockchain.

Nel gennaio del 2020 Cambridge aveva anche iniziato a collaborare con la Bitcoin Association per assegnare una borsa di studio intitolata a Satoshi Nakamoto ad uno studente particolarmente meritevole.

Ma neanche Oxford è stata a guardare e già nel 2018 due studiosi della facoltà di legge avevano iniziato ad analizzare le sfide regolamentari del mondo delle criptovalute.

Amelia Tomasicchio

Esperta di digital marketing, Amelia inizia a lavorare nel settore fintech nel 2014 dopo aver scritto la sua tesi di laurea sulla tecnologia Bitcoin. Precedentemente è stata un'autrice di Cointelegraph e CMO di Eidoo. Oggi è co-founder e direttrice di Cryptonomist. E' stata nominata una delle 30 under 30 secondo Forbes. Oggi Amelia è anche insegnante di marketing presso Digital Coach e Business Developer di Huobi per il mercato italiano.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.