banner
2021: un anno memorabile per le stablecoin
2021: un anno memorabile per le stablecoin
Stable Coin

2021: un anno memorabile per le stablecoin

By Paolo Ardoino - 24 Dic 2020

Chevron down

Quest’anno è stato indubbiamente uno spartiacque nell’adozione istituzionale di crypto. Al contempo, le misure normative hanno rafforzato a livello globale i quadri giuridici necessari per l’integrazione delle entità finanziarie tradizionali nell’ecosistema delle criptovalute. Oltre all’ingresso delle banche tradizionali nello spazio, alle stablecoin che diventano un catalizzatore per l’adozione mainstream e all’espansione dell’accesso alle criptovalute, il 2020 rappresenta il passaggio dagli asset digitali come concetto agli asset digitali come alternativa tangibile ai sistemi finanziari tradizionali.

Un settore che è pronto a raggiungere una maggiore integrazione nei mercati non-crypto è quello delle stablecoin. L’aumento dell’accettazione da parte della finanza tradizionale ha portato le banche centrali a cominciare a lanciare le proprie valute digitali per anticipare i tempi poiché sempre più persone optano per le crypto come asset. Nonostante molti lavorino a progetti propri, come il gigante della messaggistica giapponese Line che ha sviluppato una piattaforma CBDC, la Cina ha già testato il proprio sistema di pagamento. Sebbene alcuni paesi si affrettano a far notare che non stanno sviluppando una valuta “sostitutiva”, è possibile che il “regolamento” attraverso una sola valuta possa essere reso obsoleto nel tempo. Se da un lato alcuni possono essere scettici nei confronti delle CBDC, è improbabile che le banche centrali rinuncino a creare stablecoin virtuali. 

 Man mano che le valute digitali diventano uno standard nuovo, le differenze tra le stablecoin e le valute fiat per le transazioni si ridurranno, e i vincitori in termini di adozione saranno quelli che possono essere sfruttati nei nuovi sistemi finanziari. Le stablecoin si differenziano dalla ben nota, ma anche volatile, criptovaluta bitcoin per la loro caratteristica di stabilità dei prezzi, ed uno dei leader nello spazio è Tether

Nel 2021, Tether, che al momento della stesura di questo articolo registra un market cap di oltre 20 miliardi di dollari, svolgerà un ruolo importante nell’ecosistema crypto e continuerà a rappresentare il comune denominatore tra le diverse blockchain più importanti. Il 2021 vedrà il continuo affiancamento di Bitcoin da parte di USDT, mentre la sua continua crescita aprirà la strada a un’espansione del trading online e della finanza digitale. Inoltre, continuerà a fungere da ponte o da filo conduttore tra diversi progetti e tecnologie interessanti nel settore crypto.

Prospettive per il 2021: una crescita esponenziale per le stablecoin

Quest’anno ha segnato l’istituzione e l’accettazione delle criptovalute su vasta scala. Questo ha fornito alle aziende mainstream lo stimolo per entrare nel mercato, creando più punti di contatto crypto per i consumatori che non hanno mai considerato questo settore.

Man mano che le stablecoin continuano a diventare un punto d’incontro per coloro che vogliono interagire con gli asset digitali, e l’industria nel suo complesso mette in campo le sue migliori pratiche e strategie per la privacy e la conformità, ciò stimolerà lo sviluppo, la trasformazione e l’utilizzo di queste tecnologie. 

Si profilano all’orizzonte progressi imprevedibili, dato che la tecnologia blockchain continua ad aprire più mercati, casi d’uso aziendali e un maggiore coinvolgimento nel settore finanziario tradizionale.

 

Paolo Ardoino
Paolo Ardoino

Paolo Ardoino è il CTO di Bitfinex e Tether

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.