banner
Bitcoin, rimbalzo dopo il ribasso più profondo di sempre
Bitcoin, rimbalzo dopo il ribasso più profondo di sempre
Trading

Bitcoin, rimbalzo dopo il ribasso più profondo di sempre

By Federico Izzi - 12 Gen 2021

Chevron down

Con la fine del periodo festivo e il ribasso di ieri per Bitcoin e le criptovalute, termina anche la bolla di euforia che ha fatto sognare e gioire gli appassionati del settore. Sono bastate poche gloriose settimane per riscattare un periodo di sofferenza lungo oltre due anni dove i prezzi del Bitcoin e delle principali big sembravano destinati all’oblio.

Per molti potrà sembrerà offensivo oppure un commento in controtendenza ma il ribasso di ieri possiamo possiamo definirlo una ventata di aria fresca che riporta alla realtà i sognatori dei rialzi infiniti. 

In altri periodi ribassi così veloci e violenti che in poche ore hanno visto perdere oltre il 30%, sarebbero stati commentati drammaticamente. Invece, dopo un periodo che ha registrato per il Bitcoin in primis ed in gran parte per le principali altcoin il migliore rally della storia, il graffio dell’Orso può essere definito uno schiaffo moralizzatore. 

Ancora questo non basta per risollevare l’orgoglio di un Orso umiliato da un letargo iniziato a settembre. Un ribasso che riporta con i piedi per terra i sostenitori dei rialzi senza tregua dimenticando che un rialzo sostenibile nel tempo necessità di costruire un trend solido con supporti forti e non sostenuti dal fumo del fomo.

Bitcoin, il ribasso più profondo di sempre

Per il Bitcoin con una perdita di oltre 11.000 dollari in 48 ore pari al -27%, quello di ieri è stato il ribasso più profondo di sempre, mentre Ethereum con una perdita di oltre 400 dollari (-32%) nello stesso periodo di tempo, si è trattato di un movimento simile ma meno sanguinante a quello vissuto a metà gennaio 2018 quando in poco più di 48 ore i prezzi crollarono di oltre 510 dollari, con un ribasso di oltre il 35% dai massimi dei 1.400 dollari, sinora rimasto livello assoluto inviolato.  

Ieri è stata la giornata con il volume di scambi più alto di sempre. Sono stati oltre 500.000 i Bitcoin scambiati sui principali exchange, il picco più alto da maggio scorso, per un controvalore di oltre 27 miliardi di dollari, neutralizzando il precedente record di $17,2 miliardi registrato il 7 gennaio.  Anche per Ethereum ieri con un controvalore di quasi $16 miliardi è stato aggiornato il massimo storico, superando di $1,5 miliardi il precedente record del 4 gennaio.

Fonte: COIN360.com

Il giorno dopo il grande ribasso continua a prevalere il segno rosso anche se non con la stessa egemonia di ieri. Tra le prime 20 capitalizzate solo tre i token sopra la parità. Si distingue Stellar (XLM) in crescita del 10%. Ieri dopo aver testato l’ex resistenza dei 20 centesimi, un dimezzamento di valore dai massimi registrati il 7 gennaio poco sopra i 44 centesimi di dollaro, i prezzi provano a riportarsi sopra $0,30. Tra le big in guadagno si muovono sopra la parità Theta (+4%) e Cardano (+1%). Allargando lo sguardo oltre la 20a posizione la migliore di giornata è Nano con una salita oltre il 25% per il secondo giorno consecutivo.

La capitalizzazione totale rimane sotto i $950 miliardi con il Bitcoin che continua a rafforzare la sua quota di mercato al 69% confermando di essere la criptovaluta di rifugio, dopo le stablecoin, durante le fasi di ribasso. Ethereum scende al 13%, livello più basso da inizio anno, mentre XRP continua ad oscillare all’1,4%, tre decimali sopra i minimi degli ultimi tre anni raggiunti la scorsa settimana. 

DeFiPulse 20210112

Il totale del valore bloccato (TVL) nella DeFi recupera sopra i $21 miliardi dopo aver perso oltre $2 miliardi nelle ultime 48 ore. Incide la perdita di valore dei token utilizzati come collaterale. C’è però un dato positivo. Tornano a migrare gli utenti sia Ethereum che Bitcoin, infatti salgono il numero di ETH e BTC bloccati sui protocolli finanziari decentralizzati. Il numero dei token è ancora lontano dai massimi di ottobre ma il segnale inverte la tendenza con un impulso che non si registrava da inizio dicembre. Maker rimane leader con poco meno di $4 miliardi, seguita da Aave e Uniswap, entrambe oltre $2,5 miliardi di collaterale immobilizzato.

BTC 20210112
Grafico Bitcoin by Tradingview

Bitcoin (BTC), rimbalzo a 36.000 dollari

Il ribasso di ieri spinge le quotazioni ad un passo dai 30.000 dollari, cedendo oltre il 27% dai massimi di venerdì 8 gennaio, un ribasso che si ferma sulla trendline dinamica rialzista che unisce i minimi crescenti dalla metà di dicembre. Una conferma dell’importanza del supporto arriva dal rimbalzo che in questa prima parte della giornata riporta le quotazioni oltre i 36.000 dollari. 

Così come già indicato ieri l’attuale fase è da seguire con estrema cautela in quanto dopo un forte ribasso come quello terminato nella giornata di ieri è fisiologico attendersi un rimbalzo anche molto volatile, così come quello attualmente in corso. 

Nelle condizioni attuali è meglio continuare a osservare la tenuta o meno dei supporti. In questo caso il supporto principe è quello dei 30.000. Al momento è prematuro parlare di rialzo con prezzi inferiori a 39.000 dollari.

ETH 20210112
Grafico Ethereum by Tradingview

Ethereum (ETH), il supporto a 920 dollari

La forte corsa rialzista che dalle prime ore dell’anno ha visto i prezzi di ETH guadagnare oltre l’85% in meno di 10 giorni non ha lasciato punti di riferimento tecnici attendibili. Al momento infatti l’unico supporto di riferimento coincide con i minimi segnati nella giornata di ieri con la discesa in area 920 dollari. 

Anche per Ethereum a quel livello, dopo una discesa di oltre il 30% sono tornati gli acquisti di breve che in queste ore vedono i prezzi salire in area 1.100 dollari. Rimane molto alta la volatilità e anche per Ethereum è necessario avere molta cautela prima di tornare a parlare di rialzo, che tecnicamente si avrebbe sopra i 1.200 dollari. 

Federico Izzi
Federico Izzi

Analista finanziario e trader indipendente – Socio S.I.A.T. & Assob.it. Opera attivamente sui mercati azionari e dei derivati (futures ed opzioni) dal 1997. Precursore dell’analisi ciclica-volumetrica è noto per aver individuato i più importanti movimenti al rialzo ed al ribasso sui mercati finanziari degli ultimi anni. Partecipa annualmente come relatore all’ ITForum di Rimini dall’edizione del 2010 ed InvestingRoma e Napoli dalla prima edizione del 2015. Interviene come ospite ed esperto dei mercati durante le trasmissioni “Trading Room” e “Market Driver” di Class CNBC, Borsa Diretta.tv e nel TG serale di Traderlink. Da luglio 2017 è ospite fisso su LeFonti.TV nell’unico spazio nazionale settimanale dedicato alle criptovalute insieme ai più importanti esperti internazionali del settore. Periodicamente pubblica articoli su ITForum News, Sole24Ore, TrendOnLine, Wall Street Italia. E’ stato intervistato in qualità di esperto di criptovalute per: Forbes Italia, Panorama, StartupItalia, DonnaModerna. E’ stato riconosciuto come primo analista tecnico italiano ad aver pubblicato la prima analisi ciclica secolare sul Bitcoin. Federico Izzi è… Zio Romolo

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.