banner
Un Bitcoin miner ora mina con la sua BMW
Un Bitcoin miner ora mina con la sua BMW
Mining

Un Bitcoin miner ora mina con la sua BMW

By Marco Cavicchioli - 26 Gen 2021

Chevron down

Un miner di Bitcoin ha deciso di installare un piccolo impianto per il mining nella sua BMW ibrida. 

Si tratta di una BMW i8 ibrida targata “HODLER” ed il miner si chiama Simon Byrne. 

Come raccontato da Hardware Times, Byrne ha acquistato la BMW i8 spendendo quasi 150.000$, e ha inserito nel suo bagagliaio una piccola mining farm con sei schede grafiche PNY GeForce RTX 3080, una scheda ASUS B250 Mining Expert ed un alimentatore EVGA SuperNOVA 1600 T2. 

Secondo Byrne questo sistema dovrebbe consentirgli di guadagnare denaro mentre guida, sebbene a dire il vero è possibile che la potenza di calcolo complessiva di questo impianto sia troppo limitata per consentirgli di guadagnare granchè. 

Tuttavia d’altro canto è vero che parte dell’energia elettrica utilizzata da questo impianto potrebbe di fatto risultare prodotta senza costi aggiuntivi, rispetto a quelli necessari per muovere l’auto, pertanto è un po’ come se Byrne stesse cercando di minare gratis, seppur poco, così da ridurre i costi di esercizio della sua i8. 

Il miner di Bitcoin che utilizza la BMW

Alla domanda sul perché abbia deciso di farlo ha risposto:

“In fondo, solo per infastidire i gamer”. 

Byrne ha anche rivelato che la BMW i8 ha una potenza sufficiente per alimentare la piccola mining farm, visto che può produrre fino a 3.500 W, mentre la farm consuma solamente 1.500 W. 

Tuttavia, lo spazio ridotto del bagagliaio lo obbliga a viaggiare con il portellone posteriore deve aperto, altrimenti il ​​mining rig si surriscalderebbe troppo. 

Oltre a ciò ha anche espresso un suo parere riguardo il mondo crypto in generale. Ha detto che, sebbene le criptovalute siano gestite da codice pubblico, open source, trustless e decentralizzato, ad alimentarne l’utilizzo è la community di appassionati, al tempo stesso altruista ed open source, ovvero formata anche da persone che investono volontariamente il loro tempo e le loro energie per aiutare gli altri senza esserne necessariamente costretti.

“Non sono nel mondo crypto per guadagnare velocemente, anche se mi prenderò dei bonus; ci sono perché è la visione di un mondo utopico in cui i servizi vengono acquisiti attraverso relazioni volontarie”. 

Va comunque aggiunto che, grazie alla recente impennata dei prezzi, nelle ultime settimane il mining di criptovalute è temporaneamente diventato più redditizio.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

"Classe 1975, Marco è stato il primo a fare divulgazione su YouTube in Italia riguardo Bitcoin. Ha fondato ilBitcoin.news ed il gruppo Facebook "Bitcoin Italia (aperto e senza scam)".

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.