Cardano SPO: CardanoFans (CRFA)
Cardano SPO: CardanoFans (CRFA)
Blockchain

Cardano SPO: CardanoFans (CRFA)

By Patryk Karter - 4 Apr 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

Stiamo avviando una nuova sezione su The Cryptonomist, la Rubrica Cardano SPO. Questa iniziativa sarà un punto di riferimento per tutto ciò che riguarda Cardano e ogni 2 settimane inviteremo uno Stake Pool Operator (SPO) a rispondere ad alcune domande e a darci un aggiornamento su Cardano direttamente da dentro la community.

Considerando che molti dei nostri lettori sono nuovi nello spazio crypto, avremo un mix di domande semplici e tecniche.

Lo SPO di questa settimana sarà CardanoFans (ticker: CRFA)

Ciao CardanoFans, grazie per aver inaugurato questa rubrica con noi. 

Potresti descrivere brevemente cos’è Cardano e come si differenzia da Bitcoin ed Ethereum?

Cardano è una blockchain di terza generazione che mira a diventare un sistema operativo finanziario globale. Il loro approccio accademico e l’uso di metodi formali sono alcune delle caratteristiche che stanno rendendo questa blockchain attraente per gli sviluppatori e gli utenti. A differenza di Bitcoin ed Ethereum che utilizzano la Proof of Work che consuma molta energia, Cardano utilizza la Proof of Stake che è molto più ecologico ma permette anche una maggiore scalabilità. 

Chi sono gli Stake Pool Operator (SPO) su Cardano?

Gli Stake Pool Operator sono persone che operano i cosiddetti stake pools, ai quali gli utenti (delegatori) possono delegare i loro ADA (la valuta di Cardano) e guadagnare ricompense per lo staking intorno al 5% annuo. Gli SPO sono essenzialmente i validatori delle transazioni e contribuiscono alla decentralizzazione della rete Cardano. Attualmente ci sono più di 2000 stake pool e oltre 400 mila delegatori.

Parliamo di voi, cosa vi ha spinto a diventare SPO? 

Il nostro obiettivo è quello di sostenere la rete di Cardano, in particolare la sua decentralizzazione. Vediamo alcuni operatori che estraggono solo valore (ricompense) ma non contribuiscono all’ecosistema di Cardano. Questo non è desiderabile e non è sostenibile.

Il parametro d di Cardano ha raggiunto il valore zero poco tempo fa, cosa significa?

Significa che non ci sono nodi BFT gestiti da IOG, Emurgo o Cardano Foundation e che tutti i blocchi sono prodotti da indipendenti operatori di stake pool. Il parametro che passa dal valore iniziale di 1 a 0 significa essenzialmente che la produzione dei blocchi è passata gradualmente dall’essere centralizzata a diventare decentralizzata. Questa tappa fondamentale ha messo fine all’era Shelley della roadmap di Cardano.

Cosa c’è in arrivo per Cardano?

Il prossimo passo sarà l’hard fork di Alonzo, che aggiungerà la funzionalità degli smart contract. La testnet di Plutus verrà rilasciata tra circa 1 mese e gli smart contract dovrebbero essere sulla mainnet a luglio/agosto. Tuttavia, è già possibile sperimentare con gli smart contract tramite il simulatore di Plutus: https://playground.plutus.iohkdev.io/ e ci sono alcuni video educativi su Plutus da un utente chiamato: Leet Dev su YouTube.

Disclaimer: Le opinioni e i punti di vista degli SPO sono propri e non riflettono necessariamente quelli della Cardano Foundation o IOHK.

Patryk Karter

Appassionato di nuove tecnologie, nutrizione e filosofia, Patryk passa le giornate ad esplorare l'infinito universo del web. Si sposta a Londra dopo aver vissuto la maggior parte della sua vita a Roma. Tenta la vita da studente di Informatica presso il King's College of London ma capisce presto che non è la strada per lui, invece decide di investire il suo tempo e denaro nel mondo della Blockchain e nel frattempo completare corsi universitari disponibili sul web. Ora si occupa di trading e svolge dei lavori come freelancer.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.