banner
Un futuro più verde: Perché passare al digitale è la via da seguire
Un futuro più verde: Perché passare al digitale è la via da seguire
Criptovalute

Un futuro più verde: Perché passare al digitale è la via da seguire

By Pavel Kravchenko - 19 Mag 2021

Chevron down

Il 5 giugno è la Giornata Mondiale dell’Ambiente, celebrata ogni anno per incoraggiare la consapevolezza e la protezione del pianeta. Quindi, perché non considerare come le criptovalute e l’assenza totale di contanti potrebbero essere vantaggiose per l’ambiente?

Le criptovalute hanno spesso una cattiva reputazione per quanto riguarda l’ambiente. Questo è dovuto alla grande quantità di energia richiesta per alimentare gli algoritmi necessari per estrarre alcune criptovalute. Tuttavia, con oltre 7000 criptovalute attualmente esistenti, ci sono molte opzioni ecologiche disponibili. Inoltre, anche le criptovalute meno ecologiche possono essere migliori per l’ambiente rispetto alla valuta tradizionale.

Quali sono le criptovalute ecologiche?

Ci sono diverse criptovalute che non richiedono praticamente energia per essere prodotte. La ricerca ha scoperto che le tre principali criptovalute con il minor utilizzo di Kilowattora (KWh) sono:

  • Ripple (XRP) (0,0079)
  • Dogecoin (DOGE) (0,12)
  • Cardano (ADA) (0,5479).

Non solo, ma ci sono nuove criptovalute eco-friendly in arrivo. Per via del rispetto per l’ambiente, gli sviluppatori stanno cercando dei modi per offrire gli stessi benefici delle criptovalute pur lasciando un’impronta ecologica minore.

Un primo esempio di questo è Nano, che mira a utilizzare pratiche più ecologiche senza fare affidamento su estrazione, stampa o conio. Infatti, utilizza un protocollo Open Representative Voting (ORV) per ottenere la migliore efficienza, il tutto mentre utilizza il minimo consumo di energia. Inoltre, Nano mira ad affrontare le incapacità attuali nei sistemi finanziari esistenti e limita le spese di transazione, fornendo allo stesso tempo velocità di transazione rapida.

Allo stesso modo, anche la rete Ethereum si sta muovendo per diventare più ecologica. Attualmente operante sul protocollo “Proof-of-Work” (PoW), un prossimo aggiornamento della rete Ethereum all’inizio del prossimo anno porterà ad un meccanismo “Proof-of-Stake”. Vitalik Buterin, co-fondatore della blockchain Ethereum basata su PoW, prevede che userà solo l’1% dell’energia consumata dal meccanismo attuale. Cardano, è un buon esempio di una moneta che sta attualmente utilizzando il protocollo PoS.

In realtà, è già possibile transare con i Bitcoin su Ethereum: i token chiamati Wrapped Bitcoin (WBTC) sono garantiti uno a uno dai bitcoin. Operare con i WBTC sulla nuova blockchain di Ethereum potrebbe ridurre l’attività sulla blockchain di Bitcoin e rivelarsi molto più ecologico.

Quanto è dannoso il mining di Bitcoin?

Nonostante l’entusiasmo iniziale di Elon Musk nei confronti di Bitcoin, di recente ha dichiarato che Tesla non accetterà più Bitcoin a causa dell’impatto ambientale negativo del mining. Tuttavia, molti appassionati di criptovalute hanno contestato questa idea, commentando che la maggior parte dell’energia usata per estrarre Bitcoin è pulita e rinnovabile. Diversi studi hanno scoperto che circa il 70% del consumo di energia di Bitcoin è a zero emissioni. Notano anche che, a causa del fatto che Bitcoin può essere estratto praticamente ovunque, c’è una gamma più ampia di fonti di energia rinnovabile che può essere utilizzata, come l’energia idroelettrica in Cina e l’energia geotermica in Islanda. Quindi, solo perché l’estrazione di Bitcoin richiede molta energia, non significa che debba contribuire a pratiche ambientali dannose.

La paura di diventare cashless

D’altra parte, avrete probabilmente sentito parlare di vari aspetti negativi del diventare una società senza contanti. In particolare, la completa dipendenza dalla tecnologia e il maggior rischio di crimini informatici e spese eccessive.

Queste sono solo una manciata delle molte preoccupazioni che la gente ha nei confronti del denaro digitale. Il tutto si riduce alla paura della tecnologia. Non è una novità, e le criptovalute non fanno eccezione. Mentre le nuove tecnologie in generale ci intrigano spesso, è anche naturale che siano affrontate con sospetto – ancora di più con le criptovalute se si considera la loro estrema volatilità.

Spesso, la paura della tecnologia deriva dal fatto di non capire appieno come funziona, e questo vale anche per le criptovalute. Per esempio, la mancanza di prevedibilità quando si fa trading con le criptovalute, dato che sono sempre soggette a cambiamenti, e quindi c‘è sempre il rischio di rimetterci. Tuttavia, ci sono molti provider di pagamenti digitali là fuori come Wirex che stanno cercando di rendere le criptovalute accessibili a tutti. Creando piattaforme facili da usare che semplificano il mondo spesso complesso delle criptovalute, queste aziende stanno abbattendo questi stereotipi e rassicurando i clienti a fidarsi dei loro servizi.

Il quadro generale – Come possiamo beneficiare delle valute digitali?

È importante guardare il quadro generale, perché ci sono tante cose positive riguardo le valute digitali. Ci sono meno possibilità di riciclaggio di denaro perché c’è sempre una traccia digitale, meno tempo per le transazioni e un cambio di valuta più facile quando si viaggia a livello internazionale.

Oltre a questo, c’è anche il fatto che le valute digitali offrono commissioni di transazione più basse, a differenza delle ripide commissioni che si ottengono da una normale carta di credito. Per esempio, negli Stati Uniti, il tasso d’inflazione sui beni è molto più alto di quello indicato dall’indice dei prezzi al consumo. Non sarà così con le criptovalute.

Infine, pensate al fattore ambientale – proprio come Nano punta ad ottenere, e pensate all’impronta ecologica che lascia la produzione di monete e la creazione di banconote. Questa è un’altra cosa a cui le criptovalute diranno addio – si tratta solo di capire se saranno sviluppate criptovalute più ecologiche come Nano, o se le attuali piattaforme di criptovalute saranno disposte a cambiare le loro pratiche.

L’impatto ambientale del contante

I penny sono particolarmente dannosi per l’ambiente. Secondo l’American Council on Science and Health, l’estrazione e il trasporto dei penny ha causato 48.000 tonnellate di emissioni di anidride carbonica. Per riferimento, un gallone di carburante diesel produce 23,8 libbre di biossido di carbonio quando viene bruciato.

Una catena di negozi di biciclette con sede in California, Mike Bikes, ha dichiarato di non accettare più penny come forma di pagamento nei suoi negozi. L’azienda ha spiegato che il motivo era che i penny sprecano risorse naturali e sono tossici per l’ambiente. In particolare, sono composti dal 3% di rame e dal 97% di zinco e sono in gran parte fatti con minerale vergine. Questo è stato sostenuto da un articolo su Treehugger, che ha notato che non ha senso spostare 50.000 tonnellate di roccia per ottenere mille tonnellate di zinco – tutto per qualcosa che la gente difficilmente usa.

Non solo, ma c’è l’intenso processo energetico di estrazione, fusione, conio e trasporto dei penny che, di nuovo, difficilmente usiamo nella nostra vita quotidiana. Mentre le criptovalute sono anch’esse ad alta intensità energetica, hanno più scopo nel loro utilizzo. In particolare, le criptovalute stanno vedendo un aumento di popolarità, mentre i penny vengono semplicemente messi da parte, tenuti in barattoli o semplicemente gettati nelle fontane d’acqua.

Inoltre, diamo un’occhiata alle macchine ATM, poiché anch’esse sono considerate dannose per l’ambiente. Questo perché usano tonnellate di elettricità generata per distribuire contanti in qualsiasi momento. Inoltre, sono racchiusi in 100 kg di acciaio, il che equivale a 150 milioni di tonnellate di acciaio in tutto il mondo.

Un futuro senza contanti è un futuro verde

Stiamo diventando sempre più consapevoli dell’ambiente del nostro pianeta, che è il motivo per cui celebriamo la Giornata Mondiale dell’Ambiente in primo luogo. Anche se le criptovalute non sono perfette, quando si considera l’introduzione di monete a minor consumo energetico e un passaggio all’energia rinnovabile per l’estrazione, potrebbero diventare un sistema di pagamento più ecologico in futuro.

Grazie agli sviluppi della tecnologia, stiamo diventando più consapevoli delle opzioni senza contanti. Non solo il denaro digitale offre molti grandi vantaggi, ma è un passo verso un futuro più verde in generale.

 

Autore

Pavel Matveev, CEO di Wirex

Avatar
Pavel Kravchenko

Kravchenko è il founder di Distributer Lab. E' anche blogger, crittografo e ha una laurea in Sicurezza informatica. Pavel lavora nel mondo blockchain dal 2014 e si è sempre concentrato soprattutto sulla sicurezza, analisi del rischio e tokenizzazione. Crede che la sua missione - insieme a quella della sua azienda - sia quella di creare un ecosistema aperto che usi un unico e uniforme sistema di pagamento, il cosiddetto "finacial web".

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.