banner
Bitcoin, analisti divisi tra bear e bull market
Bitcoin, analisti divisi tra bear e bull market
Bitcoin

Bitcoin, analisti divisi tra bear e bull market

By Eleonora Spagnolo - 14 Giu 2021

Chevron down

In un momento in cui il prezzo di Bitcoin sembra andare verso l’alto, gli analisti sono divisi.

JPMorgan teme che Bitcoin possa di nuovo invertire la rotta e scendere di prezzo. 

In un report di qualche giorno fa, redatta da Nikolaos Panigirtzoglou, l’analista ha notato una differenza di prezzo tra i prezzi dei future su Bitcoin del CME, e Bitcoin, un divario noto come backwardation

“Questo è uno sviluppo insolito e un riflesso di quanto sia debole la domanda di bitcoin al momento da parte degli investitori istituzionali che tendono a utilizzare i contratti futures regolamentati del CME per ottenere un’esposizione al bitcoin”.

Tuttavia per alcuni analisti questo dato non indica necessariamente un calo del prezzo del Bitcoin.

Secondo DTC Crypto Trading

“Così l'”analista” di JPMorgan dice che la backwardation su BTC mentre il prezzo si muove verso l’alto è un segno del mercato orso. Non ho idea di chi ‘analizza’ questo, ma potrebbero voler assumere persone migliori. Praticamente ogni volta che il BTC ha avuto un periodo sostenuto di backwardation, il prezzo è salito”.

Bitcoin, analisti positivi e sentiment negativo

In realtà proprio in queste ore il prezzo di Bitcoin sta sfiorando nuovamente i 40.000 dollari, a seguito della notizia secondo cui Tesla potrebbe nuovamente accettare i pagamenti i BTC quando sarà incrementato l’utilizzo delle fonti di energia rinnovabile. 

Secondo quanto riporta un analista di Tradingview invece ci sono delle somiglianze tra quanto sta accadendo in queste ultime settimane e quello che accadde tra agosto e settembre 2020, quando il prezzo di Bitcoin ebbe delle oscillazioni tra i 10.000 e i 12.000 dollari, per poi partire con il trend al rialzo che lo ha portato a 65.000 dollari ad aprile. 

Il grafico mostra l’andamento simile con un movimento testa e spalle, che potrebbe precludere ad una salita verticale, anche verso i 70.000 dollari. Questo vorrebbe dire andare a rompere il record dei 65.000 dollari stabilito ad aprile. 

Crypto Fear & Greed Index on May 13, 2020

In realtà il sentiment degli operatori è tutt’altro che tranquillo. Come mostra l’indice fear and greed, l’attuale valore è su 28, che segna ancora un sentimento di paura. Si tratta però di un miglioramento rispetto all’estrema paura dei giorni scorsi, quando l’indice ha toccato addirittura il valore di 15. 

Eleonora Spagnolo
Eleonora Spagnolo

Giornalista con la passione per il web e il mondo digitale. È laureata con lode in Editoria multimediale all’Università La Sapienza di Roma e ha frequentato un master in Web e Social Media Marketing.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.