banner
Paraguay, Bitcoin diventa la valuta del divertimento
Paraguay, Bitcoin diventa la valuta del divertimento
Bitcoin

Paraguay, Bitcoin diventa la valuta del divertimento

By Eleonora Spagnolo - 18 Giu 2021

Chevron down

Grupo Cinco, una delle holding di intrattenimento più importanti del Paraguay, ha annunciato che accetterà pagamenti in criptovalute, in primis con Bitcoin.

Nello specifico, rientrano tra i metodi di pagamento:

  • Bitcoin,
  • Ethereum,
  • Chiliz,
  • Shiba Inu.

Grupo Cinco si definisce sul suo sito ufficiale:

“La principale holding di vita notturna e intrattenimento in Paraguay. Oltre ad avere 8 stabilimenti, il gruppo organizza eventi su larga scala attraverso la sua società di produzione G5pro”.

A partire da luglio, i marchi di Grupo Cinco inizieranno ad accettare criptovalute. Questo proietta le crypto in uno spazio mainstream in Paraguay.

Grupo Cinco gestisce infatti pub, ristoranti, negozi di intrattenimento, con ben 24 marchi diversi che sono famosissimi nel paese. La sua scelta farà in modo che le quattro criptovalute possano essere conosciute anche dal grande pubblico.

Tuttavia l’annuncio non ha particolarmente movimentato il mercato, anzi. Bitcoin, Ethereum, Chiliz e Shiba Inu oggi registrano tutte perdite intorno al 4-5%.

Paraguay e Bitcoin

Sembra dunque che anche il Paraguay faccia sul serio in fatto di innovazione digitale e transizione nei confronti del Bitcoin,

La mossa di Grupo Cinco infatti potrebbe inserirsi in un momento storico in cui anche il paese sudamericano sta valutando proposte di legge per rendere Bitcoin valuta a corso legale. 

Il deputato Carlitos Rejala lo aveva annunciato su Twitter già 10 giorni fa:

Attualmente, come mostra lui stesso su Twitter, sembra sia al lavoro anche su un progetto per minare Bitcoin con energia pulita. 

Il Paraguay, dunque, sembra voler seguire le tracce di El Salvador, dove la scorsa settimana Bitcoin è stato dichiarato valuta a corso legale. La differenza principale però è che il Paraguay ha una  sua valuta, mentre a El Salvador la valuta comunemente usata è il dollaro USA.

Certo è che anche il Paraguay dovrà prepararsi eventualmente a fare tutto da solo, visto che la Banca Mondiale non sembra incline a concedere la propria assistenza a quei paesi che si stanno rivolgendo a Bitcoin.

Ma la svolta verso Bitcoin sembra una strada ormai tracciata. El Salvador sembra aver aperto una breccia, altri stati potrebbero presto seguirlo, dal Paraguay alla Nigeria. 

 

Eleonora Spagnolo
Eleonora Spagnolo

Giornalista con la passione per il web e il mondo digitale. È laureata con lode in Editoria multimediale all’Università La Sapienza di Roma e ha frequentato un master in Web e Social Media Marketing.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.