banner
DeFi ha contribuito a spingere Ethereum e può continuare a crescere
DeFi ha contribuito a spingere Ethereum e può continuare a crescere
Defi

DeFi ha contribuito a spingere Ethereum e può continuare a crescere

By Guest post - 8 Ago 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

Vitalik Buterin pensa che gli sviluppatori di Ethereum dovrebbero iniziare a concentrarsi su altre applicazioni non finanziarie della blockchain piuttosto che limitarsi a scimmiottare, fare yield farming e tutte quelle cose legate alla DeFi

Dunque, al di là dell’aver ricevuto metà della fornitura di SHIB, la meme coin che ora è in grado di rivaleggiare con altri DEX di punta come Uniswap, PlasmaSwap o anche SushiSwap, Vitalik dice che: 

“Essere definiti da DeFi è meglio che essere definiti da niente. Ma bisogna andare oltre”.

Sicuramente, Ethereum sta alimentando molti altri casi d’uso della tecnologia blockchain percepibili nei confronti delle catene di approvvigionamento, della verifica dell’identità e persino dei social media decentralizzati.

Così, mentre Vitalik, un genio universale, può essere rapidamente annoiato con i Degens, gli oranghi e le scimmie come si riferisce ai nativi ardenti della DeFi usando un linguaggio esoterico, Ethereum ha effettivamente visto una crescita enorme nell’ultimo anno grazie alla DeFi. 

Per esempio, la creazione di portafogli Ethereum è aumentata da 50,2 milioni di indirizzi nel giugno dello scorso anno a 119 milioni al 21 luglio 2021. Questo rappresenterebbe circa il 60% di crescita da un anno all’altro. 

Anche se questo potrebbe non rappresentare l’utilizzo totale della rete, gli indirizzi ETH attivi, che fanno intuire gli utenti DeFi che interagiscono con i protocolli, hanno raggiunto il massimo di sempre per un singolo giorno a 678.000 nel maggio di quest’anno. 

Ad oggi, gli indirizzi ETH attivi sono circa 522.000. Uno sguardo storico agli indirizzi ETH attivi mostra che anche la mania delle ICO del 2017, culminata prima di crollare nel 2018, non ha visto l’uso quotidiano di Ethereum al livello attuale. Gli indirizzi ETH attivi durante la mania delle ICO hanno raggiunto il picco di 574.522 a gennaio. 

Ethereum nel settore DeFi

Quindi, al di là del rumore del prossimo protocollo di farming ad alto rendimento, la rete Ethereum è effettivamente cresciuta. Inoltre, anche se sembra che le reti sfidanti come Binance Smart Chain, Avalanche, Polkadot, o anche Solana stiano mangiando il dominio del mercato di Ethereum come la più grande rete di smart contract, Ethereum mostra ancora un effetto rete di ferro. Per esempio, nel tentativo di collegare la loro comunità ad alcuni dei protocolli altamente liquidi su Ethereum, queste catene challenger sono compatibili con EVM o impiegano ponti cross-chain. Questo di per sé è un effetto di rete che nessuno può togliere a Ethereum, e gli sviluppi costanti di DeFi accentuano tutto questo.

Quindi un elemento su cui Vitalik ha puntato gli occhi è stato il perenne problema del gas che non sembra mai andare via ogni volta che il carico di rete sale alle stelle rendendo la rete Ethereum quasi inutilizzabile per gli utenti DeFi. Comprensibilmente, molti di questi sono investitori retail e merita la massima considerazione se Ethereum non vuole diventare un’arena per sole balene. Vitalik dice

“I degens possono pagare, le scimmie possono pagare, gli oranghi possono pagare”, ha detto Buterin, usando un gergo di nicchia DeFi che si riferisce a ricchi e ossessivi operatori DeFi. Ma un ecosistema Ethereum olistico non funzionerà, ha detto, se le tariffe del gas paralizzano l’utente medio”.

I recenti progressi nel Layer 2 stanno rendendo quella notizia obsoleta già. Per esempio, PlasmaSwap, che attualmente è il DEX più avanzato della catena Polygon in questo momento facilita gli swap e altre transazioni regolari con soli 0,005 dollari. Non lo considererei affatto costoso. Questo significa che gli utenti DeFi possono beneficiare di una suite di strumenti di trading avanzati utilizzando PlasmaSwap.  Ad esempio Limit Order per un controllo compatto sulle loro attività di trading e l’utilizzo di stop-loss su un DEX e altri strumenti di gestione del portafoglio estesi. Gli utenti del DEX godono di questi servizi a valore aggiunto facendo trading su PlasmaSwap, oltre all’esecuzione più economica e veloce degli scambi. Grazie a Polygon.

In realtà, altre aree oltre la DeFi, come i social media decentralizzati, la verifica e l’attestazione dell’identità e il finanziamento retroattivo dei beni pubblici sono degni di essere considerati dagli innovatori che alimentano l’uso della rete. Tuttavia, penso che non dovrebbe essere a spese della DeFi. Insomma, perché allontanare il piede dall’acceleratore della DeFi, che attualmente sta dando la maggiore crescita della rete, per affrontare altre aree visto che queste azioni non si escludono a vicenda?

Autore

Ilia Maksimenka, CEO e fondatore PlasmaFinance

 

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.