banner
Gary Gensler, SEC: “Criptovalute rivoluzionarie come Internet”
Gary Gensler, SEC: “Criptovalute rivoluzionarie come Internet”
Criptovalute

Gary Gensler, SEC: “Criptovalute rivoluzionarie come Internet”

By Marco Cavicchioli - 2 Set 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

Ieri il Presidente della SEC, Gary Gensler, ha definito esplicitamente le criptovalute come un’asset class realmente globale. 

Lo ha fatto durante il suo intervento virtuale alla commissione per i problemi economici e monetari del Parlamento Europeo, durante il quale ha condiviso le sue raccomandazioni in merito alla regolamentazione delle criptovalute.

L’obiettivo era quello di promuovere la cooperazione tra Europa e Stati Uniti per cercare di regolamentare le tecnologie finanziarie decentralizzate.

Gary Gensler (SEC): le crypto come internet

Ma in realtà Gensler è andato anche ben oltre. 

Infatti, ad un certo punto ha aggiunto, in merito al ruolo che le nuove tecnologie finanziarie stanno svolgendo nel sistema finanziario globalizzato:

Penso che la trasformazione che stiamo vivendo in questo momento potrebbe essere grande quanto Internet negli anni ’90“.

Gensler non è l’unico a pensarla così.

Da tempo è diffusa nell’ambito crypto l’ipotesi che la finanza decentralizzata sia una rivoluzione potenzialmente di portata epocale, soprattutto perchè per la prima volta nella storia sottrae alla politica il potere di creare moneta. 

Gensler molto probabilmente è interessato soprattutto ad altri aspetti, in particolare a quelli legati alla regolamentazione, visto il ruolo che ricopre, ma non è nuovo a questo genere di considerazioni. 

In passato ha addirittura tenuto dei corsi al celebre MIT di Boston in cui ha parlato di blockchain e di decentralizzazione. 

Durante l’intervento al Parlamento Europeo ha fatto notare che i mercati crypto non hanno confini, e sono attivi ininterrottamente 24 ore al giorno, 7 giorni alla settimana. 

Il mining di Bitcoin e la regolamentazione

Ha poi anche parlato del consumo energetico di Bitcoin, facendo al tempo stesso notare che la popolarità delle criptovalute basate su Proof-of-Stake (PoS) però è in aumento. 

Uno dei punti chiave del suo discorso è stato comunque quello legato alla regolamentazione. 

Ritenendo fondamentale la necessità di sviluppare solidi quadri normativi che consentano di mantenere un certo sostegno all’innovazione delle criptovalute e della finanza decentralizzata, ma tenendo una forte protezione degli investitori. Questa probabilmente sarà la vera sfida, molto più difficile a farsi che a dirsi. 

Ad esempio, ha fatto notare che le piattaforme DeFi consentono a milioni di investitori un accesso diretto senza la presenza di intermediari, e ciò comporterebbe grandi rischi, tanto che il settore crypto è pieno di frodi, truffe ed abusi. In assenza di chiari obblighi, per quanto riguarda la protezione degli investitori, questi ultimi sono a tutti gli effetti vulnerabili quando operano in modo diretto e disintermediato su piattaforme DeFi. 

Inoltre, ha aggiunto alcune preoccupazioni riguardo le stablecoin, dato che quasi tre quarti dei volumi di scambio sui mercati crypto vengono effettuati proprio in token. Anzi, le ha esplicitamente definite come un ausilio utile a chi cerca di eludere varie norme, come ad esempio quelle antiriciclaggio e le sanzioni internazionali.

È difficile immaginare quali eventuali collaborazioni potrebbero nascere tra le agenzie governative statunitensi e quelle europee per cercare di normare la sfuggente finanza decentralizzata, ma le parole di Gensler sembrano rivelare piuttosto chiaramente non solo che ormai anche le istituzioni stanno prendendo sul serio le criptovalute, ma che ne stanno anche iniziando ad intuire il reale potenziale rivoluzionario.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

"Classe 1975, Marco è stato il primo a fare divulgazione su YouTube in Italia riguardo Bitcoin. Ha fondato ilBitcoin.news ed il gruppo Facebook "Bitcoin Italia (aperto e senza scam)".

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.