Mining di Bitcoin, la lotta del Kazakistan alle attività illegali
Mining di Bitcoin, la lotta del Kazakistan alle attività illegali
Mining

Mining di Bitcoin, la lotta del Kazakistan alle attività illegali

By Eleonora Spagnolo - 20 Nov 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

Il Kazakistan è diventata la nuova frontiera del mining di Bitcoin ma per rimanere tale potrebbe avere bisogno di importare nuova energia. 

È quel che ha rivelato Reuters.

Il mining di Bitcoin si è spostato in Kazakistan  

Dopo il ban imposto dalla Cina al mining di Bitcoin, molti miners si sono spostati in altri stati. Primeggiano in questo senso Stati Uniti e Kazakistan

Nel paese asiatico, ad attirare gli investitori è il costo dell’energia molto basso. Il paese ha accolto volentieri i minatori di Bitcoin, perché le grandi aziende di mining equivalgono a più investimenti e quindi più tasse e fondi nelle casse dello stato. 

Mining Bitcoin Kazakistan
Il mining di Bitcoin ha trovato una nuova casa in Kazakistan

I problemi del mining crypto in Kazakistan

C’è però un problema che giustifica anche la carenza di energia. Accanto ai grandi minatori legali, ce ne sono altri non registrati e che dunque minano BTC illegalmente.

Secondo quel che riporta Reuters, i miner “grigi” sono il doppio di quelli “bianchi” o ufficialmente registrati. Per questo il governo si sta impegnando a scovarli e a implementare un sistema legislativo che permetta di contrastarli. 

Al momento però ci sono due conseguenze di quanto sta accadendo:

  • il Kazakistan sta importando fonti energetiche dalla Russia;
  • la gran parte delle risorse energetiche locali sono legate al carbone. 

Va da sé che il mining in questo paese pone problemi ambientali oltre che costi economici superiori alle aspettative. 

Murat Zhurebekov, ministro dell’energia, ha dichiarato: 

“Penso che avremo la direttiva (che limita il potere ai minatori non registrati) emessa prima della fine di quest’anno, perché questa questione non può essere ritardata più a lungo”.

Quello che i miner vorrebbero è che si possa arrivare ad un compromesso: non essere sottoposti a tassazione in cambio dell’impegno ad investire in energie rinnovabili. In un paese che ha una delle più grandi miniere di carbone al mondo, questo può segnare una svolta. 

Ricavi da considerare

Al governo locale probabilmente non interessa emettere una stretta sul mining di Bitcoin, ma solo fare in modo di garantirsi le cospicue entrate economiche che possono derivare dalla tassazione settore. 

Come riporta Kapital, il mining di Bitcoin può fruttare 98 miliardi di tenge l’anno, equivalenti a più di 226 milioni di dollari. In cinque anni, potrebbero esserci entrate per 1,5 miliardi di dollari, pari a 300 milioni di dollari di tasse. 

Ma prima bisogna trovare una soluzione per stanare i miner grigi e per contenere il consumo di energia e l’inquinamento. Il tutto senza vanificare gli sforzi fatti che hanno reso il paese il cuore del mining di Bitcoin dietro gli Stati Uniti.

Eleonora Spagnolo

Giornalista con la passione per il web e il mondo digitale. È laureata con lode in Editoria multimediale all’Università La Sapienza di Roma e ha frequentato un master in Web e Social Media Marketing.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.