NFT e metaverso: da Bill Gates a Katy Perry, le ultime news
NFT e metaverso: da Bill Gates a Katy Perry, le ultime news
Metaverse

NFT e metaverso: da Bill Gates a Katy Perry, le ultime news

By Vincenzo Cacioppoli - 14 Dic 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

Cresce in maniera esponenziale l’interesse per il mondo degli NFT soprattutto se collegato al metaverso, che sembra ormai essere diventata l’ultima frontiera tecnologica dopo le  parole di Facebook mesi fa e quelle recenti di Bill Gates. 

Bill Gates: il metaverso la nuova frontiera

Secondo il fondatore di Microsoft, il metaverso potrà diventare la nuova frontiera della comunicazione digitale.  

“Entro 2-3 anni la maggior parte delle riunioni virtuali passerà dal 2D ad uno spazio virtuale 3D con l’utilizzo di avatar digital”,

Questo ha detto Bill Gates in una recente intervista.

Nike nel metaverso con i suoi NFT

Nike, il colosso americano delle scarpe sportive ha annunciato l’acquisizione del marchio di sneakers virtuali e oggetti da collezione RTFKT. In questo modo il marchio americano entra nel campo del metaverso e degli NFT. Nike avrebbe anche registrato il suo storico marchio della virgola e il celeberrimo slogan “Just do it” per utilizzarli nel mercato delle aste nft.

John Donahoe, presidente e CEO di Nike, ha commentato l’acquisizione come un primo importante passo verso una più profonda trasformazione digitale di Nike: 

“Il nostro piano è investire nel marchio RTFKT, servire e far crescere la loro comunità innovativa e creativa ed estendere l’impronta digitale e le capacità di Nike”.

Nike NFT metaverso
Nike è pronta per entrare nel metaverso

Lo storico rivale tedesco Adidas nei giorni scorsi ha annunciato accordi di partnership con società di token non fungibili (NFT), tra cui Bored Ape Yacht Club, Gmoney NFT e Punks Comic.

Tutti pazzi per gli NFT

La popstar californiana Katy Perry, in collaborazione con Theta Network, lancerà il 15 Dicembre  il suo primo set di NFT per i suoi fan, disponibile su ThetaDrop. 

Il broadcast radiotelevisivo Fox ad ottobre ha lanciato la sua prima serie di token non fungibili (NFT), legati alla sua celebre trasmissione di canto per celebrità “The Masked Singer”. La società lancerà anche un mercato e una comunità in cui gli utenti possono acquistare, vendere o scambiare NFT Masked Singer, che chiamerà The MaskVerse

Gucci nella sua ultima collezione ha inserito alcuni pezzi unici da vendere all’asta come NFT, ma anche maison come Dolce e Gabbana e Jimmy Choo hanno creato pezzi da vendere come NFT.

Secondo alcune stime le vendite in Nft nei primi nove mesi del 2021 hanno raggiunto i 3 miliardi di dollari. Gemini di recente ha annunciato di voler investire 400 milioni di dollari in un progetto sul mateverso.

Sport ed NFT

Il mondo dello sport è stato forse il primo ad utilizzare questo strumento per aumentare il proprio giro di affari. La NFL e la NBA, le associazioni di football americano e basket, da tempo utilizzano gli NFT per vendere cimeli dei propri atleti all’asta. Ma anche il mondo del calcio nel 2021 si è prepotentemente lanciato nel business, con grandi club, come Juventus, Real Madrid, Barcellona, Paris Saint Germain, Bayern Monaco, Inter, Milan, Roma.

Sorare, la società che ha creato una piattaforma per il fantacalcio con blockchain, che consiste nell’acquisto e vendita di carte digitali in formato NFT, ha già chiuso accordi con 142 club di calcio. Un figurina di Cristiano Ronaldo qualche mese fa è stata aggiudicata per oltre 200 mila sterline.

I rischi del metaverso

Ma tutto questo interesse verso metaverso ed Nft dei grandi colossi tecnologici e non solo, potrebbe essere per certi versi “pericoloso” secondo Sebastien Borget, il fondatore di Sandbox, uno spazio virtuale sul metaverso in cui gli utenti possono guadagnare i token digitali Sand giocando a vendere e comprare appezzamenti di terreno sulla piattaforma in maniera virtuale.

È una delle top performer tra le criptovalute dell’anno con un guadagno di oltre il 14000%, e ha di recente chiuso un round di finanziamento da 93 milioni di dollari.

Ha detto Borget:

“Non pensiamo che quelle aziende possano costruire qualcosa di veramente divertente che sia adatto agli utenti perché sono state così concentrate sul loro modello di business chiave e su come soddisfare gli azionisti piuttosto che soddisfare gli utenti che possiedono la risorsa, che possiedono la governance del loro propria piattaforma”. 

Per Borget è assolutamente vitale difendere la decentralizzazione del metaverso dalla incursione dei colossi della tecnologia che potrebbero voler “sottomettere” alla loro tecnologia centralizzata un mondo aperto e non controllato come quello virtuale del metaverso

“Il nostro obiettivo è costruire un metaverso aperto che possa resistere a ciò che chiamiamo concorrenza, ovvero il metaverso del Web 2.0”.

 

Vincenzo Cacioppoli

Vincenzo è genovese di nascita ma milanese di adozione. E' laureato in scienze politiche. E' un giornalista, blogger, scrittore, esperto di marketing e digital advertising. Dopo una lunga esperienza nel marketing tradizionale, comincia attività con il web e il digital advertising nel 2011 fondando una società Le enfants. Da sempre appassionato di web e innovazione, nel 2018 approfondisce le tematiche legate alla blockchain e alle criptovalute. Trader indipendente in criptovalute dal marzo 2018, collabora con aziende del settore come content marketing specialist. Nel suo blog. mediateccando.blogspot.com, da tempo si occupa soprattutto di blockchain, che considera come la più grande innovazione tecnologia dopo Internet. A novembre è prevista l'uscita del suo primo libro sulla blockchain e il fintech.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.