Lugano diventa hub crypto e blockchain
Lugano diventa hub crypto e blockchain
Criptovalute

Lugano diventa hub crypto e blockchain

By Eleonora Spagnolo - 6 Mar 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Lugano ha pronto il Plan B: come annunciato ieri, rendendo Bitcoin, Tether e Lvga valute a corso legale, di fatto dà il via ad una nuova era per la finanza della Svizzera, e lancia la sfida all’attuale Crypto Valley per diventare a sua volta un hub crypto e blockchain. 

Lugano hub crypto

Fino ad oggi le aziende crypto e blockchain hanno trovato posto in Svizzera nella Crypto Valley di Zugo. È qui che molte aziende crypto hanno concentrato la loro attività, diventando in qualche caso dei veri e propri unicorni. 

Da ieri questa “supremazia” rischia di essere oscurata dalla scelta decisa e convinta che ha fatto l’amministrazione di Lugano. In partnership con Tether Limited la città ha annunciato ieri il Plan B che punta a trasformare Lugano in un incubatore per aziende e startup crypto. 

Ciò sarà possibile grazie ad un finanziamento da 100 milioni di franchi messo in piedi da diverse realtà del settore tra cui Polygon. Chi si aggiudicherà questi finanziamenti dovrà contribuire a realizzare l’infrastruttura tecnologica per consentire alle imprese pubbliche e private di Lugano di accettare come pagamento anche Bitcoin, Tether e Lvga. Anche le imprese commerciali possono implementare questi aggiornamenti contando su un finanziamento da 3 milioni di franchi. In questo caso il principale contributore è Tether. 

Lugano ambiziosa

Lugano a differenza di Zugo non punta a consentire solo la proliferazione di aziende blockchain, ma vuole che queste esplorino le loro potenzialità trovando in Lugano un terreno di sperimentazione per i loro casi d’uso. 

La sfida al cantone di Zugo è lanciata ma probabilmente a vincere sarà l’intera Svizzera che ancora una volta si dimostra una nazione che, a differenza di altre, non teme l’innovazione, né nuove forme di pagamento che non vede come concorrenza al franco svizzero.

Al contrario, secondo quanto detto anche nell’evento del 3 marzo, rendere le tre criptovalute delle valute a valore legale sarà un volano per l’economia del territorio, attirerà nuovi investimenti e il turismo. 

Lugano potrà dimostrare di essere un esempio da seguire, sdoganando tutti i timori legati alle criptovalute, e dimostrando che Bitcoin, Tether e Lvga possono rafforzare l’economia e non essere un ostacolo o un pericolo.

Eleonora Spagnolo

Giornalista con la passione per il web e il mondo digitale. È laureata con lode in Editoria multimediale all’Università La Sapienza di Roma e ha frequentato un master in Web e Social Media Marketing.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.