Bitcoin: fine trend discendente
Bitcoin: fine trend discendente
Criptovalute

Bitcoin: fine trend discendente

By Marco Cavicchioli - 9 Mar 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

È stato pubblicato il nuovo report di CryptoCompare relativo a febbraio 2022. Uno dei principali punti emersi da questa analisi è l’interruzione del trend discendente del prezzo di Bitcoin. 

Bitcoin inverte il trend 

Tale trend discendente era iniziato all’indomani del raggiungimento del nuovo massimo storico, il 10 novembre 2021, a quota 69.000$. 

Invece durante il mese di febbraio si è registrato un aumento del 12,2%: è il primo mese a chiudersi in territorio positivo dopo tre mesi di perdite consecutive. Questo aumento però è stato concentrato soprattutto nella giornata del 28 febbraio, quando il prezzo di Bitcoin ha rotto la resistenza sulla media mobile a 50 giorni andando a chiudere il mese a 40.329$. 

Inoltre, pur avendo avuto movimenti contrastanti, il trend del prezzo di Bitcoin a febbraio 2022 ha cercato di disaccoppiarsi da quello del mercato azionario, visto che la maggior parte degli asset digitali ha registrato rendimenti positivi, mentre gli indici azionari hanno registrato un calo.

Quindi si è trattato di un mese nettamente differente rispetto ai tre precedenti, sia per l’arresto della fase calante, sia per il disaccoppiamento dal mercato azionario. 

Oltretutto i primi giorni di marzo per ora stanno confermando questo nuovo trend. 

bearish market
Nonostante alcuni dati positivi, il mercato crypto resta bearish

Il mercato resta bearish

Per quanto riguarda Ethereum il dato più significativo invece è stata la riduzione del 46,7% del totale delle commissioni sulle transazioni, scese complessivamente a 715 milioni di dollari. Si tratta del maggior calo mensile di questa metrica degli ultimi 12 mesi, ed è la prima volta che le commissioni mensili sono scese sotto il miliardo di dollari da agosto 2021. 

Per quanto riguarda le altre criptovalute il report evidenzia come il numero di indirizzi sui quali sono presenti ADA (Cardano) da più di un anno è cresciuto del 32,1%, raggiungendo il nuovo massimo storico a quota 408.000. Il numero di indirizzi che detengono ADA da almeno 1 mese, ma da meno di un anno, è cresciuto del 13,4% arrivando a 3,62 milioni.

Per quanto riguarda la DeFi invece un dato interessante è quello del protocollo decentralizzato per prestiti Solend, aumentato del 7,94% fino a raggiungere un TVL di 583 milioni di dollari, che ne fa il quinto protocollo più grande dell’ecosistema Solana.

Nel complesso i rendimenti a tre mesi risultano essere in perdita per più del 22% per le cinque principali criptovalute, con SOL in testa con -52,1%, seguito da ADA con -37,9% e ETH con -37,0%.

Il periodo nel suo complesso pertanto rimane bearish, ma perlomeno si è interrotta la fase discendente. Resta da capire se a questo punto si possa innescare una nuova bullrun, oppure se sul breve termine bisogna attendersi una lateralizzazione.

Marco Cavicchioli

"Classe 1975, Marco è stato il primo a fare divulgazione su YouTube in Italia riguardo Bitcoin. Ha fondato ilBitcoin.news ed il gruppo Facebook "Bitcoin Italia (aperto e senza scam)".

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.