Francia: rimossi gli sponsor crypto al Gran Premio F1
Francia: rimossi gli sponsor crypto al Gran Premio F1
Criptovalute

Francia: rimossi gli sponsor crypto al Gran Premio F1

By Stefania Stimolo - 29 Lug 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Al Gran Premio di Francia di Formula 1, molti team internazionali sono stati obbligati a coprire gli sponsor e loghi legati alle crypto per l’incertezza sui regolamenti pubblicitari francesi. 

Francia: obbligo di rimuovere pubblicità legata alle crypto nella F1

sponsor crypto gp f1 francia
La Francia ha obbligato tutte le scuderie a nascondere i propri sponsor crypto durtante il Gran Premio di F1

Secondo quanto riportato, pare che l’incertezza del regolamento francese sulla pubblicità dei vari prodotti abbia preso di mira anche le criptovalute, obbligando molti team internazionali di F1 a rimuovere e coprire i loro sponsor crypto durante il weekend del Gran Premio. 

Si tratta di ben otto scuderie su dieci che attualmente hanno una partnership con società di criptovalute, come Alfa Romeo, con Vauld e Floki Inu (FLOKI), e Red Bull Racing, che ha come partner ByBit e Tezos, quest’ultimo condiviso con McLaren. Non solo, anche la F1 e l’Aston Martin hanno stretto accordi con Crypto.com.

Tutti questi brand crypto sono stati dunque rimossi dalla gara in Francia. La questione sulle pubblicità dei prodotti, lascia una certa confusione anche sugli sponsor crypto proprio perché è l’Autorité des Marche Financiers (AMF) che regola i mercati finanziari interni che deve acconsentire sul da farsi. 

E infatti, alcuni prodotti anche crypto sono registrati presso l’AMF, altri sono in attesa di approvazione e altri ancora non rientrano nel campo di applicazione dell’AMF. Proprio per questo, nell’incertezza, i team internazionali F1 hanno dovuto coprire i loro loghi crypto. 

Francia vs. Montecarlo e la lista degli sponsor crypto

Al contrario del Gran Premio in Francia, nella gara di F1 a Montecarlo, uno dei circuiti più conosciuti al mondo, sono stati esposti tutti gli sponsor crypto.

Sono state, infatti, ben 6 le vetture delle diverse scuderie sponsorizzate, esattamente da Binance, Bybit, Fantom, FTX, Crypto.com, Tezos e altro. 

Anche The Cryptonomist è stato partner della corsa di Montecarlo, con il logo della rivista disseminato sul circuito e sui vari corner pubblicitari durante la gara. Si è trattato dell’unica rivista crypto presente e invitata all’evento. 

No alle pubblicità crypto, ma si alla CBDC francese

Di recente, il Presidente della Banca Centrale francese, François Villeroy de Galhau, ha annunciato che la banca ha avviato la seconda fase di sperimentazione di una CBDC all’ingrosso. 

Nonostante la sua severità sulle norme dedicate alla pubblicità crypto, in realtà la Francia sarebbe uno dei Paesi europei più avanzato nella progettazione della sua valuta digitale di Stato. 

L’anno scorso, infatti, avrebbe lanciato un test con quattro banche centrali: Hong Kong, Cina, Emirati Arabi e Thailandia, per un nuovo prototipo di valuta digitale.

Stefania Stimolo

Laureata in Marketing e Comunicazione, Stefania è un’esploratrice di opportunità innovative. Partendo come Sales Assistant per e-commerce, nel 2016 inizia ad appassionarsi al mondo digitale autonomamente, inizialmente in ambito Network Marketing dove conosce e si appassiona dell’ideale di Bitcoin e tecnologia Blockchain diventandone una divulgatrice come copywriter e traduttrice per progetti ICO e blog, ed organizzando corsi conoscitivi.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.