Binance partecipa all’audizione del Senato delle Filippine sulle linee guida crypto
Binance partecipa all’audizione del Senato delle Filippine sulle linee guida crypto
Regolamentazione

Binance partecipa all’audizione del Senato delle Filippine sulle linee guida crypto

By Stefania Stimolo - 25 Ago 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Binance, il più grande crypto-exchange, ha partecipato all’audizione del Senato delle Filippine per fornire consulenza sulle linee guida e normative per le criptovalute. 

Binance all’audizione del Senato delle Filippine per fornire consulenza crypto

Il crypto-exchange più grande del settore, Binance, è sempre più all’opera con i governi dei Paesi per fornire il suo contributo in ambito crypto

Questa volta è toccato alle Filippine: Binance ha partecipato all’audizione del Senato con lo scopo di fornire consulenza sulle linee guida e normative per le criptovalute. 

“Binance ha partecipato a un’audizione del Senato nelle Filippine per fornire consulenza sulle politiche e le linee guida per le criptovalute.”

In pratica, all’audizione al Senato delle Filippine erano presenti sia Binance che FinTech Alliance Philippines, insieme alla commissione per le banche, le istituzioni finanziarie e le valute preceduta dal senatore Mark A. Villar, la Security Exchange Commission [SEC], la Bangko Sentral ng Pilipinas [BSP] e la Cagayan Economic Zone Authority [CEZA].

Tra gli argomenti di discussione non potevano mancare le crypto e fintech, con il governo filippino che sembra stia lavorando per, un lato, formulare leggi che non ostacolino l’innovazione e, dall’altro, centrarsi sulla protezione dei consumatori che rimane la sua priorità.

Binance presente al Senato delle Filippine come consulente crypto

Come rappresentanti di Binance, all’audizione del Senato delle Filippine sono intervenuti il direttore APAC, Leon Foong e il direttore generale di Binance Philippines, Kenneth Stern. 

A tal proposito, Stern ha detto:

“Crediamo fermamente che l’industria delle criptovalute possa portare grandi benefici al popolo filippino affrontando la necessità di inclusione finanziaria attraverso la digitalizzazione. Il 78% dei filippini non ha una banca, ma le criptovalute possono contribuire a ridurre questo numero, dato che i possessori di asset in criptovalute supereranno presto il numero di possessori di carte di credito nel Paese”.

Il rapporto tra le Filippine e le crypto, arriva in aiuto il colosso degli exchange

Al momento, Binance non è ufficialmente autorizzata ad operare come exchange nel Paese, ma nonostante questo partecipa e collabora con la SEC filippina per migliorare questa sua posizione. 

Ma quello che sta facendo nelle Filippine sembra andare al di là di questi sforzi di ottemperare alle regole dei vari Paesi in cui l’exchange attualmente opera. 

Dopo aver concluso un accordo di partnership con l’Università di Manila, per organizzare corsi di formazione sulle criptovalute e sul trading dei mercati degli asset digitali, ora sta collaborando con il Senato del Paese per arrivare ad una chiara regolamentazione che possa funzionare da linea guida per chi opera sul territorio. 

Inoltre, è da tempo che Binance sta operando attivamente per ottenere le autorizzazioni per operare in molti Paesi, sia europei che extraeuropei. Di recente, ha ottenuto l’iscrizione al registro delle imprese finanziarie in Francia, in Italia e in Bahrain.

Le Filippine da tempo vengono considerate come uno dei Paesi più crypto friendly, al punto tale che, secondo la CNN, presto Bitcoin ed altre risorse digitali potrebbero sbarcare sulla Borsa valori locale, il cui trading è stato legalizzato nel 2018.

La nuova partnership con Mastercard

Se farsi accettare dai governi è ancora una missione non tanto semplice per Binance, a livello finanziario e commerciale invece pare stia scorrendo tutto in modo più fluido. 

Come la sua nuova partnership con il colosso dei pagamenti di Mastercard, creata per consentire gli acquisti in oltre 90 milioni di negozi. 

In realtà, lo scopo di questa collaborazione Binance-Mastercard vorrebbe consentire ai possessori di crypto di utilizzarle in tutti gli oltre 90 milioni di negozi sparsi nel mondo che accettano Mastercard. 

Il progetto partirà in Argentina, dove l’inflazione della valuta nazionale è al 71% visto che il peso (ARS) è in caduta libera ormai da tempo. 

Stefania Stimolo

Laureata in Marketing e Comunicazione, Stefania è un’esploratrice di opportunità innovative. Partendo come Sales Assistant per e-commerce, nel 2016 inizia ad appassionarsi al mondo digitale autonomamente, inizialmente in ambito Network Marketing dove conosce e si appassiona dell’ideale di Bitcoin e tecnologia Blockchain diventandone una divulgatrice come copywriter e traduttrice per progetti ICO e blog, ed organizzando corsi conoscitivi.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.