La CFTC ha multato Ooki DAO
La CFTC ha multato Ooki DAO
Criptovalute

La CFTC ha multato Ooki DAO

By Martina Canzani - 23 Set 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

La CFTC, acronimo di Commodity Futures Trading Commission, ha multato Ooki DAO e i suoi membri perché offriva, secondo l’ente, illegalmente un servizio di trading con leva e margine a retail. Al contrario, questo tipo di attività sarebbe riservata solo ad enti registrati alla FCM (Future Commition Merchants), ai quali è richiesto di richiedere il KYC ai propri utenti secondo quanto stabilito dal Bank Secrecy Act.

La sanzione per Ooki DAO ammonterebbe a $250.000.

La multa di CFTC ai danni di Ooki DAO: maggiori dettagli sull’accaduto

È bene ricordare che purtroppo anche le DAO possono essere citate in giudizio, prova ne è il seguente documento.

Questa volta ad essere sotto esame è Ooki DAO e i titolari dei token della stessa organizzazione autonoma decentralizzata.

Da quanto emerge i membri di Ooki DAO sarebbero stati citati in giudizio poiché considerati parte di un’associazione priva di personalità giuridica.

In questo caso quindi la responsabilità di una UA (Unicorporated Association) ricade su tutti gli individui facenti parte della stessa associazione.

Questo significa che se la CFTC può provare che un soggetto fa parte di Ooki DAO, lo stesso soggetto può essere accusato di violazione della legge federale.

Dai vari documenti emerge anche che la CFTC stia cercando di capire quali siano le caratteristiche che fanno sì che un utente possa essere considerato un membro della stessa DAO. Evidenziando subito che la partecipazione ai voti della DAO è sicuramente un elemento rilevante.

Detto questo, ci si aspetta che gli utenti che vogliono evitare qualsiasi tipo di coinvolgimento opteranno per l’alternativa più scontata; quella di bruciare o trasferire i propri token.

DAO regolamentate 

Molti studiosi, esperti di diritto e di criptovalute, credono che la strada più sicura da percorrere, se si vuole creare una DAO, sia quella di essere regolamentati.

L’opzione migliore sembrerebbe quella di un: “DAO Legal Wrapper”, che potrebbe permettere, in estrema sintesi, di:

  • Holdare la treasury della DAO;
  • Limitare la responsabilità dei membri della DAO;
  • Consentire ai membri della DAO di votare.

Una soluzione, quindi, estremamente utile, che permette alla DAO di avere una struttura per gestire il protocollo per conto dei membri che, allo stesso tempo, non rischierebbero di essere personalmente responsabili e punibili.

Quindi, teoricamente, una delle opzioni che la DAO potrebbe abbracciare è quella di votare per strutturarsi come una Unincorporated Non Profit Association.

Questo permetterebbe la creazione di una persona giuridica separata che si occuperebbe della governance della DAO, “modificando, operando e commercializzando” il Protocollo a cui è associata la DAO stessa.

Così facendo, in caso di controversie con la CFTC, sarà la persona giuridica ad essere giuridicamente responsabile e non i membri della DAO.

Martina Canzani

Laureata in Legge all'Università degli Studi di Milano. Concluso il percorso accademico ha iniziato ad interessarsi al mondo della blockchain, trovando in quest'ultimo un potente strumento di riscatto. La passione si è poi trasformata in lavoro, ora infatti investe in progetti early-stage di finanza decentralizzata e DAO e scrive articoli raccontando tutte le news riguardanti il mondo crypto.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.