El Salvador investe ancora su Bitcoin, ne comprerà uno al giorno
El Salvador investe ancora su Bitcoin, ne comprerà uno al giorno
Bitcoin

El Salvador investe ancora su Bitcoin, ne comprerà uno al giorno

By Andrea Porcelli - 18 Nov 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Il Presidente di El Salvador Nayib Bukele, ha dichiarato che a partire da oggi, tornerà ad investire in Bitcoin, comprandone uno al giorno. 

Dopo 3 mesi, El Salvador torna ad investire su Bitcoin

La condizione ribassista del mercato ha portato El Salvador a fermare gli investimenti su Bitcoin per qualche mese. 

Ieri, però, è stata annunciata dal Presidente Nayib Bukele la notizia secondo cui il Paese ritornerà di nuovo ad investire in Bitcoin, su base giornaliera.

Non c’è da stupirsi. El Salvador è stata la prima nazione ad adottare Bitcoin come moneta a corso legale, nel settembre del 2021. In più, il Presidente dello stato dell’America Centrale si è sempre schierato a favore delle criptovalute. Infatti, è un grande sostenitore con molti contatti nel mondo crypto e blockchain. 

L’annuncio della notizia arriva ovviamente da twitter, piattaforma social utilizzata moltissimo dal presidente Nayib Bukele per divulgare notizie di questo tipo. 

I primi investimenti di El Salvador risalgono a settembre del 2021, subito dopo aver reso la criptovaluta un asset a corso legale. Ai tempi Bitcoin si trovava nel cuore del mercato rialzista ed ogni acquisto della criptovaluta sembrava incredibilmente redditizio, Bitcoin raggiungeva nuovi massimi storici ogni due settimane. 

Il trend ribassista del secondo semestre del 2022, sembrava, però, aver scoraggiato El Salvador, che ha visto il proprio investimento peggiorare mese dopo mese, quasi arrivando ad una fase di default. 

Secondo i registri pubblici, El Salvador detiene 2.381 BTC, comprati ad un prezzo medio di 43.357$, ovvero una spesa complessiva che si aggira intorno ai 100 milioni di dollari, che oggi, invece, vale quasi 40 milioni di dollari.

Il nuovo progetto di investimento su Bitcoin, è posto ai fini di riprendere le perdite avute nel trend ribassista. Comprare Bitcoin ora per il Presidente di El Salvador significherebbe comprarlo ad un prezzo molto basso e vederlo crescere una volta che il periodo ribassista finisca e ritornare nella situazione redditizia del 2021.  

Grazie a Bitcoin, El Salvador ha riportato il turismo nella nazione

Non serve ricordare quanto il settore turistico sia stato colpito dalla pandemia. Tutto il mondo ha subito gravi perdite economiche a livello di turismo, compreso El Salvador. Lo stato dell’America Centrale, però, è stato uno dei primi a risollevare il turismo ai livelli pre pandemici, e tutto ciò anche grazie a Bitcoin. 

Nayib Bukele commenta così:

“Solo pochi paesi sono riusciti a riportare il turismo ai livelli pre-pandemia. E questo è il turismo internazionale, quindi le ragioni alla base sono principalmente Bitcoin e il surf. Ma il turismo interno sta crescendo ancora di più, soprattutto grazie alla nostra repressione delle bande. Google ha appena aggiornato i dati sulla mobilità per il 3 agosto (quando iniziano le nostre vacanze di agosto). Sembra che il turismo interno crescerà ancora di più di quanto ci aspettassimo”. 

Il Presidente di El Salvador spiega che i fattori chiave che hanno permesso al Paese di tornare ai suoi numeri pre pandemici nel settore del turismo, sono Bitcoin prima di tutti, il surf e la riduzione della criminalità. Inoltre, la previsione di Nayib Bukele è quella di un aumento sproporzionato del turismo nei prossimi anni. 

Tra i dati condivisi anche da Google Mobility Report, un compendio di dati che mostra il cambiamento nel numero di visite che avvengono in determinati luoghi, pare che El Salvador abbia aumentato le sue entrate nel settore Turismo del 6% rispetto il 2019. 

Questo numero arriva dopo che, già lo scorso febbraio, Morena Valdez, Ministro del turismo del Paese, aveva dichiarato che l’industria del turismo era aumentata del 30% subito dopo che BTC era diventata valuta legale.  

Il CEO di Binance è contento di sentire che El Salvador non detiene BTC su FTX

“Ragazzi, la quantità di disinformazione è pazzesca.

Ho scambiato dei messaggi con il presidente Nayib pochi istanti fa. Ha detto: ‘Non abbiamo Bitcoin in FTX e non abbiamo mai fatto affari con loro. Grazie a Dio!’”.

Possiamo definirlo ormai “il protettore della trasparenza”, Changpeng Zhao, CEO di Binance, che su Twitter si esprime contro le false voci che collegano El Salvador a FTX.

A seguito dei problemi di insolvenza di FTX, sono iniziate a circolare online voci secondo cui la nazione centroamericana di El Salvador, che nel 2021 ha fatto la storia rendendo Bitcoin moneta a corso legale, fosse nei guai perché deteneva parte o tutte le sue disponibilità di Bitcoin in FTX.

A diffondere la disinformazione è stato il miliardario Mike Novogratz, che in un’intervista alla CNBC ha diffuso un video che ora è stato cancellato. Successivamente, su Twitter, si è scusato con il Presidente Bukele e con il popolo salvadoregno, affermando:

“Sono caduto in una ‘fake news’ e sebbene abbia detto di non averla confermata, avrei dovuto farlo”. 

Novogratz ha ringraziato CZ di Binance per aver “evidenziato la cosa”.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.