HomeCriptovaluteL'exchange di crypto Kraken chiude lo staking in seguito ad addebiti della...

L’exchange di crypto Kraken chiude lo staking in seguito ad addebiti della SEC: tutto ciò che c’è da sapere

L’exchange di crypto Kraken, il più grande al mondo di Bitcoin in euro in termini di volume e liquidità, ha chiuso le sue operazioni crittografiche di staking in seguito ad addebiti da parte della SEC. 

L’agenzia di regolamentazione degli Stati Uniti ha condotto una sessione a porte chiuse, con fonti del settore che hanno riferito di un briefing in corso sull’accordo Kraken. La notizia viene riferita da CoinDesk e riportata anche sul profilo Twitter ufficiale di Watcher.Guru, in cui si legge: 

“Il crypto exchange Kraken interrompe lo staking in seguito ad addebiti SEC.” 

Kraken pone fine alle operazioni di staking delle crypto: tutti i dettagli 

In merito alla notizia, sappiamo che la SEC si riunirà per “discutere e votare sull’accordo durante una riunione del commissario a porte chiuse giovedì pomeriggio”, secondo il rapporto. Inoltre, il rapporto afferma che un annuncio ufficiale dovrebbe avvenire nel corso della giornata.

Ci sono state, infatti, voci di un incontro a porte chiuse condotto dai funzionari della SEC che si terrà oggi, con molti che si aspettano che l’argomento sia lo staking di criptovalute.

Ora sappiamo che l’incontro si riferiva all’exchange di criptovalute Kraken e al fatto che dovesse accettare di chiudere le sue operazioni di staking a seguito delle accuse della SEC.

A questo punto, il rapporto rileva che nessuna delle parti ha commentato lo sviluppo a seguito delle richieste di Coindesk. 

Successivamente, la notizia arriva il giorno dopo che il CEO di Coinbase, Brian Armstrong, ha notato che la SEC ha messo lo staking di criptovalute nel suo mirino. Portando molti a temere che la procedura possa essere vietata negli Stati Uniti.

CoinDesk a sua volta ha dichiarato che Kraken offre vari servizi, “incluso un prodotto di prestito di criptovalute che offre fino al 24% di rendimento”. Il rapporto afferma che ogni servizio dovrebbe essere chiuso anche in condizioni di liquidazione.

Kraken offre una serie di servizi sotto il suo ombrello di staking, incluso un prodotto di prestito di criptovalute che offre fino al 24% di rendimento. Anche questo dovrebbe essere chiuso in base all’accordo, secondo quanto riferito. Il servizio di staking offerto da Kraken offriva un APY del 20%, promettendo di inviare ai clienti ricompense per lo staking due volte a settimana, come affermato sul suo sito web. 

Gensler in merito alla chiusura dello staking di crypto di Kraken 

Come anticipato, il voto arriva il giorno dopo che il CEO di Coinbase ha twittato di aver sentito voci secondo cui la SEC avrebbe impedito ai clienti al dettaglio di impegnarsi nello staking, la tecnica di impegnare token crittografici per eseguire blockchain come Ethereum. 

Tuttavia, la SEC ha rifiutato di commentare i commenti di Armstrong mercoledì sera. D’altra parte, il presidente della SEC, Gary Gensler, aveva precedentemente affermato di ritenere che lo staking attraverso entità come Kraken potrebbe soddisfare i requisiti del test Howey. 

Il quale è un caso decennale della Corte Suprema degli Stati Uniti comunemente utilizzato come misura per stabilire se qualcosa può essere definito come una sicurezza ai sensi delle leggi statunitensi. 

Lo staking sembra simile al prestito, disse Gensler all’epoca. La SEC ha già presentato e saldato accuse con società di prestito, come BlockFi, ora in bancarotta. Dunque, un insediamento Kraken aiuterebbe la missione di Gensler, dando alla sua agenzia una grande vittoria, mentre continuano i suoi sforzi per sorvegliare il più ampio ecosistema crittografico. 

La maggior parte delle persone che scommettono su Ethereum, ad esempio, utilizza i servizi, secondo Dune Analytics. Ad ogni modo, i mercati delle criptovalute sono crollati dopo la pubblicazione della notizia. Ethereum, una moneta protetta da un meccanismo di consenso Proof-of-Stake, che è scesa del 4,5% in 30 minuti.

La decisione della SEC infastidisce la community e non solo: vediamo perché

La decisione della SEC in merito a Kraken ha irritato non solo la comunità delle criptovalute, ma anche investitori e politici. Il presidente della SEC Gary Gensler sta affrontando il peso maggiore della situazione.

In un tweet, il membro del Congresso degli Stati Uniti Tom Emmer ha sottolineato il valore dello staking nell’ecosistema delle criptovalute. I servizi di staking sarebbero cruciali nella “costruzione della prossima generazione di Internet”, secondo il membro del Congresso. Infatti, il legislatore ha accusato la strategia di Gensler di ferire maggiormente “gli americani di tutti i giorni”. 

Non solo, anche il creatore del programma televisivo Bankless, Ryan Sean Adams, ritiene che la SEC avrebbe potuto adottare altre misure diverse dall’addebito sull’exchange di criptovalute. Adams dice che la SEC avrebbe potuto imporre la prova delle riserve. Inoltre, avrebbero potuto richiedere la trasparenza dello staking o supportare lo staking decentralizzato.

Adam Cochran, invece, un sostenitore di Ethereum, ha criticato Gensler, definendolo “un agente di un’agenda anti-crypto” e “non un regolatore”. Inoltre, Cochran ha sollevato la questione del perché il crollo di FTX non abbia ricevuto lo stesso trattamento.
Tuttavia, non tutti erano contro Gensler. Il massimalista di Bitcoin (BTC) Michael Saylor, ha affermato che la SEC comprende l’importanza dell’autocustodia. Inoltre, Saylor sostiene da tempo che Ethereum (ETH) e altre criptovalute PoS (Proof-of-Stake) siano sicurezze. 

Infine, Saylor concorda con la conclusione di Gensler secondo cui quando i token vengono trasferiti a fornitori di servizi di staking esterni, i singoli investitori “perdono il controllo” su di essi.

Alessia Pannone
Alessia Pannone
Laureata in scienze della comunicazione e attualmente studentessa del corso di laurea magistrale in editoria e scrittura. Scrittrice di articoli in ottica SEO, con cura per l’indicizzazione nei motori di ricerca, in totale o parziale autonomia.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS