HomeCriptovaluteBitcoinGrayscale vs SEC: siamo pronti ad un ETF su Bitcoin?

Grayscale vs SEC: siamo pronti ad un ETF su Bitcoin?

Continua la causa tra Grayscale e la Securities and Exchange Commission (SEC) per quanto riguarda il rilascio di un ETF Bitcoin. Martedì sembra essere arrivata una svolta nel caso, dopo che i giudici hanno messo alle strette la SEC. 

Il tentativo di Grayscale di lanciare un ETF Bitcoin, bloccato dalla SEC

Il settore delle criptovalute attende con ansia l’approvazione di un exchange-traded fund (ETF) di Bitcoin negli Stati Uniti. 

Un ETF su Bitcoin consentirebbe agli investitori istituzionali di acquisire esposizione al mercato delle criptovalute attraverso prodotti finanziari regolamentati.

Tuttavia, la Securities and Exchange Commission (SEC) non ha ancora approvato la richiesta, adducendo preoccupazioni sulla manipolazione del mercato e sulla protezione degli investitori.

Grayscale Investments, il più grande gestore di asset digitali al mondo, sta cercando da anni di ottenere l’approvazione dell’ETF. L’ultimo ed ennesimo tentativo di Grayscale di creare un ETF sul Bitcoin è stato negato dalla SEC. 

L’agenzia ha citato preoccupazioni sulla manipolazione del mercato e sulla protezione degli investitori, affermando che il mercato delle criptovalute non è ancora abbastanza maturo per sostenere tale investimento.

Grayscale ha intentato una causa contro la SEC nel giugno 2022, sostenendo che la decisione dell’agenzia era arbitraria e capricciosa.

La causa ha raggiunto un momento cruciale il 1° marzo 2023, quando i giudici hanno messo in discussione il processo decisionale della SEC. 

I giudici hanno esaminato le basi dell’agenzia per negare la richiesta di Grayscale e hanno respinto l’argomentazione della SEC secondo cui il mercato delle criptovalute non è abbastanza maturo per un ETF sul Bitcoin.

I giudici hanno chiesto ai legali della SEC di fornire prove di manipolazione del mercato delle criptovalute e si sono chiesti se l’agenzia stia applicando uno standard diverso al mercato dei Bitcoin rispetto ad altre classi di attività. 

Le autorità giudiziarie hanno anche incalzato la SEC sulla sua interpretazione del Securities Act del 1933, che regola l’offerta e la vendita di titoli negli Stati Uniti.

La Securities and Exchange Commission ha sostenuto che il mercato delle criptovalute è altamente suscettibile di manipolazione e che vi sono serie preoccupazioni sulla protezione degli investitori.

L’agenzia ha citato la mancanza di trasparenza nel settore crypto, la prevalenza di frodi e truffe e il fatto che molti exchange di criptovalute operano al di fuori della supervisione normativa.

Tuttavia, gli avvocati di Grayscale hanno sostenuto che le preoccupazioni della SEC sono esagerate e che il mercato delle criptovalute è più trasparente e regolamentato di quanto la SEC riconosca.

Gli avvocati hanno citato il fatto che il Bitcoin e le altre criptovalute sono scambiate in borse pubbliche, che molte società di criptovalute si sono registrate volontariamente presso le agenzie di regolamentazione e che sono in corso numerose iniziative per migliorare la trasparenza e la supervisione del mercato delle criptovalute.

Le considerazioni dei giudici riguardo il caso

I giudici sono sembrati comprensivi nei confronti delle argomentazioni di Grayscale, notando che le preoccupazioni della SEC in merito alla manipolazione del mercato e alla protezione degli investitori non sono uniche per il mercato delle criptovalute.

I giudici hanno suggerito che l’agenzia potrebbe applicare un doppio standard quando si tratta del mercato dei Bitcoin e hanno messo in dubbio che la decisione della SEC sia basata su una mancanza di comprensione del mercato delle criptovalute.

È stata anche messa in dubbio l’interpretazione della SEC del Securities Act del 1933, che richiede che i titoli siano registrati presso l’agenzia prima di poter essere offerti al pubblico. 

La SEC ha sostenuto che un ETF sul Bitcoin sarebbe un nuovo tipo di titolo che non è coperto dai regolamenti esistenti. Gli avvocati di Grayscale hanno sostenuto che un ETF Bitcoin è semplicemente un modo diverso di confezionare un’attività esistente e che dovrebbe essere soggetto alle stesse normative degli altri prodotti negoziati in Borsa.

Non è stata fatta data di quando verrà emessa la sentenza da parte delle autorità giudiziarie, ma il loro interrogatorio suggerisce che stanno esaminando con occhio critico il processo decisionale della SEC.

Se i giudici si pronunceranno a favore di Grayscale, si tratterà di un’importante vittoria per il settore delle criptovalute e potrebbe aprire la strada all’approvazione di altre richieste di ETF su Bitcoin.

Un ETF Bitcoin negli Stati Uniti

La SEC è stata riluttante ad approvare un ETF sul Bitcoin negli Stati Uniti, adducendo preoccupazioni sulla manipolazione del mercato e sulla protezione degli investitori. Tuttavia, altri Paesi hanno già approvato ETF sul Bitcoin, tra cui il Canada e l’Europa

Un ETF sul Bitcoin consentirebbe agli investitori istituzionali di ottenere un’esposizione al mercato delle criptovalute attraverso prodotti finanziari regolamentati, il che potrebbe aumentare la domanda di Bitcoin e di altre criptovalute.

La mancanza di supervisione normativa del mondo crypto ha reso difficile l’ingresso nel mercato degli investitori istituzionali, che necessitano di prodotti finanziari regolamentati e conformi alle leggi vigenti in materia di titoli.

L’ingresso nel settore di un ETF Bitcoin sarebbe un passo significativo verso l’adozione mainstream delle criptovalute, in quanto consentirebbe agli investitori istituzionali di ottenere un’esposizione al mercato attraverso prodotti finanziari regolamentati. 

Ciò aumenterebbe la domanda di Bitcoin e di altre criptovalute, facendo potenzialmente salire i prezzi e aumentando la liquidità del mercato. Inoltre, fornirebbe agli investitori al dettaglio un modo accessibile e conveniente per investire nel mercato delle criptovalute, senza dover affrontare le complessità dell’acquisto e dello stoccaggio delle criptovalute stesse.

Tuttavia, la riluttanza della SEC ad approvare L’ETF ha frustrato molti operatori del settore delle criptovalute, che sostengono che le preoccupazioni dell’agenzia in merito alla manipolazione del mercato e alla protezione degli investitori siano esagerate.

Molti operatori del settore ritengono che la SEC stia trascinando l’approvazione di un ETF sul Bitcoin a causa di una mancanza di comprensione del mercato delle criptovalute o di un pregiudizio nei confronti della classe di asset.

L’interrogatorio dei giudici nei confronti della SEC nel caso Grayscale suggerisce che queste preoccupazioni potrebbero essere fondate. 

Questo potrebbe segnare un cambiamento nel panorama normativo delle criptovalute, in quanto i giudici e gli altri enti normativi iniziano a riconoscere i potenziali vantaggi del Bitcoin e delle altre criptovalute e la necessità di chiarezza normativa nel settore.

Tuttavia, è importante notare che anche se i giudici si pronunciano a favore di Grayscale, ciò non garantisce che la SEC approverà l’ETF negli Stati Uniti L’agenzia potrebbe appellarsi alla decisione, oppure potrebbe continuare a negare le richieste di Bitcoin ETF per altri motivi.

È anche possibile che la SEC cambi la sua posizione sugli ETF sul Bitcoin in futuro, dato che il mercato delle criptovalute continua a evolversi e a maturare.

RELATED ARTICLES

MOST POPULARS