HomeCriptovaluteChainalysis: la reazione delle crypto alla scomparsa di SVB e al depegging...

Chainalysis: la reazione delle crypto alla scomparsa di SVB e al depegging di USD Coin

Prima della crisi della Silicon Valley Bank (SVB), la stable crypto USD Coin aveva catturato circa il 70% del volume delle transazioni on-chain su Ethereum, indicando la sua popolarità tra la comunità DeFi e NFT.

Ora, dopo un attento rapporto di Chainalysys, ecco cosa i dati on-chain mostrano in merito alla reazione delle crypto alla scomparsa della Silicon Valley Bank e al depegging di USDC.

Complicazioni crypto: USD Coin e i soldi depositati presso SVB

La scorsa settimana ha visto fallire tre banche di medie dimensioni, suscitando timori di una corsa agli sportelli più grande, indotta dal panico. 

Sebbene questi timori permangano, sembra che i depositanti presso le tre banche chiuse durante il fine settimana, Silicon Valley Bank (SVB), Silvergate Bank e Signature Bank, potranno accedere ai propri fondi. 

Tutti e tre i fallimenti bancari hanno implicazioni significative per la criptovaluta. L’emittente di USDC Circle aveva 3,3 miliardi di dollari depositati presso la Silicon Valley Bank, che rappresentava circa l’8% dei dollari a sostegno di USDC. 

Le preoccupazioni per quei depositi hanno spinto l’USDC a perdere il suo peg durante il fine settimana e, sebbene da allora il peg sia stato riguadagnato, l’incidente solleva interrogativi sul rischio di controparte off-chain per gli emittenti di stablecoin e altre attività crittografiche. 

Le chiusure di Silvergate e Signature sono probabilmente ancora più significative, poiché i due erano tra i maggiori fornitori statunitensi di servizi bancari alle aziende di criptovaluta. 

Sebbene ciò non riporti l’industria delle criptovalute all’età della pietra dei primi anni 2010, quando era praticamente impossibile ottenere partner bancari, queste chiusure limitano in modo significativo le opzioni bancarie statunitensi nello spazio e potrebbero rendere più difficile per le criptovalute abilitare.

USD Coin perde l’ancoraggio al dollaro dopo SVB 

Ma cosa è successo durante il fine settimana? Vediamo che le criptovalute sono fuggite dalle piattaforme di custodia, mentre l’USDC si è sbilanciato a causa del fallimento della Silicon Valley Bank (SVB). 

Quest’ultima, ha fornito servizi di business banking a un numero enorme di startup tecnologiche sostenute da venture capital.

Quando si è sparsa la voce che la banca potesse essere insolvente, poiché i titoli di stato acquistati negli ultimi anni stavano ora drasticamente diminuendo di valore a seguito dei recenti aumenti dei tassi di interesse, molte di queste aziende si sono mosse per ritirare i propri soldi da SVB. 

La corsa agli sportelli è stata la condanna definitiva e molti clienti SVB non sono stati in grado di trasferire i propri fondi prima che la banca entrasse in amministrazione controllata e i prelievi venissero sospesi. 

SVB ha annoverato tra i suoi partner molte aziende di criptovalute, ma nessuna più significativa per questa storia di Circle, l’emittente della popolarissima stablecoin USDC.

Poco dopo le 22:00 ET di venerdì 10 marzo, Circle ha confermato la speculazione in circolazione e ha annunciato di avere 3,3 miliardi di dollari bloccati in SVB, circa l’8% delle riserve a sostegno di USDC. 

L’USDC ha perso il suo ancoraggio al dollaro USA quasi subito dopo. Alle 2 del mattino dell’11 marzo, poche ore dopo l’annuncio di Circle, il valore di USDC era precipitato a $0,87 e, sebbene ne avesse recuperato un po’, è rimasto al di sotto del suo obiettivo di $1 per tutto il fine settimana. 

Ciò ha danneggiato il valore delle partecipazioni in criptovalute per molti e ha innescato la liquidazione di diverse posizioni di trading in tutto il mondo delle criptovalute

Come spesso accade in tempi di turbolenze del mercato, i deflussi dalle attività centralizzate di criptovaluta sono aumentati, probabilmente perché gli utenti temevano che potessero crollare e lasciarli impossibilitati ad accedere ai fondi, come è successo a tanti dopo il fallimento di FTX. 

Statistiche sulle stablecoin nel 2023 secondo CoinGecko 

Man mano che il mondo della finanza diventa sempre più digitalizzato, le valute digitali hanno assunto un ruolo centrale nel settore finanziario. Tuttavia, una delle maggiori sfide che devono affrontare il digitale o le criptovalute è la loro volatilità. 

Le stablecoin hanno guadagnato una trazione significativa negli ultimi anni, grazie alla loro capacità di fornire i vantaggi sia delle valute digitali che delle tradizionali valute fiat. Mantenendo un ancoraggio 1:1 a un asset di riserva o a un algoritmo, le stablecoin collegano il mondo delle valute digitali e fiat.

Al 31 gennaio 2023, la capitalizzazione di mercato totale delle stablecoin è di $138,4 miliardi. La capitalizzazione di mercato totale delle stablecoin è diminuita di $29,5 miliardi da gennaio 2022, mentre USD Coin (USDC) e Binance USD (BUSD) hanno guadagnato quote di mercato. 

La capitalizzazione di mercato totale delle stablecoin ha iniziato l’anno a 167,9 miliardi di dollari il 1° gennaio 2022 e si è conclusa a 138,4 miliardi di dollari il 31 gennaio 2023. La contrazione di 29,5 miliardi di dollari rappresenta un calo del 17,6% per la capitalizzazione di mercato totale delle stablecoin.

Su tutta la linea, tutte le stablecoin hanno subito un calo simile della capitalizzazione di mercato individuale, ad eccezione di USDC e BUSD. Tether (USDT) ha subito un calo annuo del 13,5%, mentre Dai (DAI) è sceso del 42,7% e Frax (FRAX) del 43,5%. 

Solo USDC e BUSD hanno registrato una crescita della capitalizzazione di mercato assoluta, con USDC in crescita dell’1,2% e BUSD che ha superato la crescita all’8,9%. Le restanti dieci stablecoin si sono ridotte in media del 67,5%.

Alessia Pannone
Alessia Pannone
Laureata in scienze della comunicazione e attualmente studentessa del corso di laurea magistrale in editoria e scrittura. Scrittrice di articoli in ottica SEO, con cura per l’indicizzazione nei motori di ricerca, in totale o parziale autonomia.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS