HomeCriptovaluteBitcoinGalaxy: previsione di un incremento del prezzo di Bitcoin del 74% dopo...

Galaxy: previsione di un incremento del prezzo di Bitcoin del 74% dopo il lancio dell’ETF

Secondo Galaxy Digital, il lancio dell’ETF di Bitcoin dovrebbe generare un incremento del prezzo del 74% nel primo anno. Nello specifico, questa previsione porterebbe il valore di Bitcoin ben oltre i $59.000. 

Inoltre, Galaxy Digital sottolinea che questa stima non tiene in considerazione gli ‘effetti di secondo ordine’.

Vediamo di seguito tutti i dettagli. 

Galaxy spiega la previsione ottimistica per l’ETF di Bitcoin

Come anticipato, con riferimento alla previsione di Galaxy Digital, il prezzo di Bitcoin dovrebbe aumentare del 74,1% durante il primo anno successivo al lancio degli exchange-traded fund (ETF) spot di Bitcoin negli Stati Uniti.

Charles Yu, ricercatore associato di Galaxy Digital, ha pubblicato un post sul blog il 24 ottobre, stimando che la dimensione totale del mercato potenziale per gli ETF basati su Bitcoin raggiungerà i 14,4 trilioni di dollari nel primo anno dal lancio. 

La previsione del 74% è stata ottenuta valutando l’effetto previsto sui prezzi, causato dagli investimenti in ETF su Bitcoin, utilizzando gli ETF dell’oro come punto di riferimento.

Le stime di Yu suggeriscono che il prezzo di Bitcoin aumenterà del 6,2% nel primo mese successivo al lancio di un ETF, con una tendenza al ribasso nel corso dei mesi fino a raggiungere un incremento mensile del 3,7% entro il dodicesimo mese. 

Inoltre, utilizzando i dati di prezzo di Bitcoin al 30 settembre, un incremento del 74,1% porterebbe il prezzo attuale di Bitcoin a raggiungere i $59.200. 

Impatto potenziale degli ETF Bitcoin: il 2024 potrebbe essere un anno cruciale per BTC

Anche Markus Thielen, responsabile della ricerca presso Matrixport, una società di servizi finanziari per asset digitali, ha condiviso una previsione simile il 19 ottobre, affermando che l’approvazione della richiesta di BlackRock per ETF spot su Bitcoin potrebbe far aumentare il prezzo di Bitcoin da $42.000 a $56.000. 

Yu prevede inoltre che le dimensioni del mercato potenziale degli ETF su Bitcoin negli Stati Uniti raggiungeranno i 26,5 trilioni di dollari nel secondo anno successivo al lancio e i 39,6 trilioni di dollari nel terzo anno.

Charles Yu ha riconosciuto che l’approvazione ritardata o il rifiuto degli exchange-traded fund (ETF) spot su Bitcoin avrebbero influenzato la sua previsione dei prezzi. 

Tuttavia, ha sottolineato che le sue stime rimangono conservative e non considerano completamente gli “effetti di secondo ordine” derivanti dall’approvazione degli ETF Bitcoin.

Yu ha anticipato che a breve termine altri mercati globali e internazionali seguiranno l’esempio degli Stati Uniti nell’approvazione e nell’offerta di ETF Bitcoin a un pubblico più vasto di investitori. 

Ha infine sottolineato che “Il 2024 potrebbe essere un anno cruciale per Bitcoin”, menzionando il flusso di afflussi verso gli ETF, l’halving di Bitcoin previsto per aprile 2024 e la possibilità che i tassi di interesse raggiungeranno o stanno raggiungendo il loro apice nel breve termine.

Il lancio dell’iShares Bitcoin Trust (IBTC) segna un passo decisivo verso un ETF Bitcoin

Come abbiamo già detto, l’anticipazione di un exchange-traded fund (ETF) Bitcoin ha scatenato un’onda positiva nei mercati delle criptovalute, con BlackRock, il più grande gestore patrimoniale al mondo, in testa al movimento con la proposta di iShares Bitcoin Trust.

IBTC, ora quotato sul sito web della Depository Trust and Clearing Corporation (DTCC) con il ticker IBTC, rappresenta un importante passo avanti nell’ottenere l’approvazione tanto attesa per un ETF Bitcoin negli Stati Uniti.

Eric Balchunas, analista senior di Bloomberg Intelligence, ha sottolineato che IBTC è il primo ETF spot di Bitcoin quotato sul DTCC. 

Il DTCC, tramite la sua controllata National Securities Clearing Corporation (NSCC), dispone di un meccanismo di compensazione per gli ETF, garantendo una revisione semplificata dei componenti del portafoglio dell’ETF, un requisito chiave per automatizzare la creazione, il riscatto e il regolamento delle quote dell’ETF.

Il cammino verso un ETF Bitcoin coinvolge anche attori chiave come Ark Invest e 21Shares, che hanno adattato le proprie proposte in risposta a un dialogo costruttivo con la Securities and Exchange Commission (SEC), aprendo la strada a quadri regolatori più chiari.

Ulteriori progressi sono stati osservati quando Grayscale ha presentato una richiesta di registrazione del suo Bitcoin Trust (GBTC) in base al Securities Act del 1933, con l’obiettivo di trasformare il trust in un ETF spot. 

Questo movimento è stato ulteriormente rafforzato dalle critiche della Corte d’Appello del Circuito DC al rifiuto precedente della SEC.

Mentre queste potenti istituzioni finanziarie continuano a superare le sfide logistiche e a conformarsi ai requisiti normativi, ci avviciniamo sempre di più all’adozione mainstream di Bitcoin, con conseguenti implicazioni positive per la sua traiettoria dei prezzi e per il futuro del mercato delle criptovalute. 

Tuttavia, al momento, la situazione rimane incerta.

Alessia Pannone
Alessia Pannone
Laureata in scienze della comunicazione e attualmente studentessa del corso di laurea magistrale in editoria e scrittura. Scrittrice di articoli in ottica SEO, con cura per l’indicizzazione nei motori di ricerca, in totale o parziale autonomia.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS