HomeNFTL’universo degli NFT: un'analisi approfondita da "The Everything Token"

L’universo degli NFT: un’analisi approfondita da “The Everything Token”

Recentemente, è stata condotta un’analisi estratta dal libro “The Everything Token”, che ripercorre ed analizza l’universo degli NFT.

Nel loro recente lavoro, Steve Kaczynski e Scott Duke Kominers esplorano le sfide attuali e le possibili soluzioni legate alla diversità, alla regolamentazione e alla decentralizzazione all’interno dell’ecosistema NFT. 

Vediamo di seguito tutti i dettagli. 

Diversità, regolamentazione e decentralizzazione: i temi principali degli NFT 

Come anticipato, all’interno del libro “The Everything Token” viene esplorato il complesso sistema degli NFT. 

Partendo dalle basi, vediamo come viene spiegato che le piattaforme blockchain alla base della rivoluzione NFT, simili alla struttura decentralizzata di Internet, affidano l’elaborazione delle transazioni a reti decentralizzate di computer. 

In questo modo garantiscono la sicurezza della blockchain contro la censura e il controllo centralizzato. Tuttavia, questo approccio si traduce in costi elevati sia a livello di rete che di utente.

Nel primo trimestre del 2022, Ethereum, la blockchain predominante per la creazione e lo scambio di NFT, rappresentava lo 0,34% del consumo energetico globale giornaliero. 

La sua transizione a un nuovo sistema di elaborazione delle transazioni, proof-of-stake (POS), ha notevolmente ridotto l’impatto ambientale, ma i costi di transazione rimangono un problema. 

Ad esempio, l’invio di un NFT a un amico potrebbe costare un dollaro o più, risultando proibitivo per molte transazioni quotidiane.

Sebbene un dollaro possa sembrare ragionevole per la spedizione di beni fisici, per gli asset digitali è un costo esorbitante. I costi di transazione, che aumentano con l’attività di rete, possono infatti diventare eccessivi durante le ore di punta. 

Inoltre, la capacità limitata della blockchain per gestire transazioni in grande quantità crea inefficienze, specie quando comparate a reti come Visa o Mastercard.

Fortunatamente, si stanno sviluppando soluzioni per affrontare queste sfide. 

Miglioramenti nell’infrastruttura blockchain e l’adozione di tecniche di elaborazione rapida seguite da una consolidata transazione di regolamento stanno aumentando l’efficienza. 

Queste innovazioni riducono i costi marginali delle transazioni, aprendo la strada a un futuro in cui la blockchain può competere in termini di velocità e costi con le tecnologie di transazione tradizionali, simile all’evoluzione dell’infrastruttura di cloud computing.

Accessibilità e sicurezza

Parallelamente alla rivoluzione NFT, l’accessibilità e l’usabilità presentano sfide significative. 

Inizialmente, i portafogli digitali dei consumatori interagivano direttamente con la blockchain, richiedendo una comprensione tecnologica avanzata e esponendo gli utenti a potenziali errori. 

Acquistare un NFT poteva implicare l’interazione diretta con il codice sorgente, evidenziando la necessità di interfacce più intuitive.

L’istantaneità delle transazioni crypto, simile all’invio di una e-mail, comporta rischi. 

Errori nell’indirizzo possono causare perdite irreversibili, mentre hacking o compromissione dell’account possono portare a furti di asset digitali. Ad esempio, nel 2021, il furto di NFT Bored Ape è diventato comune, diventando un meme diffuso.

La gestione granulare dei dati e la privacy rappresentavano dunque sfide aggiuntive. Anche se i portafogli davano agli utenti il controllo su quali piattaforme potevano interagire con i loro asset, il livello di accesso era spesso binario. 

Nel 2023, i dati degli asset digitali erano spesso completamente pubblici sulla blockchain, limitando l’uso degli NFT in applicazioni sensibili alla privacy come l’assistenza sanitaria.

Tuttavia, soluzioni erano in fase di sviluppo, guidate dai fornitori di servizi di portafoglio che vedevano benefici nella migliorata accessibilità e sicurezza. 

Il progresso si rifletteva nel lancio di avatar collezionabili di Reddit nel 2022, dove l’acquisto di NFT era così semplice che molti utenti non avevano idea di interagire con una blockchain. 

Contestualmente, si stavano sviluppando soluzioni Web3 per gestire identità e dati con maggiore privacy e controllo utente.

Regolamentazione NFT e sfide evolutive

Gli NFT, come nuova classe di asset, suscitano interrogativi sulla regolamentazione

Determinare la natura di un NFT può risultare complesso, poiché varia in base al formato e alle specifiche funzionalità. 

Mentre alcuni NFT rappresentano semplicemente la proprietà di opere digitali o oggetti da collezione, altri hanno caratteristiche complesse, sfidando le categorie tradizionali come materie prime e titoli.

L’attenzione del Web3 sull’accesso decentralizzato e il controllo degli utenti promette di rivoluzionare le gerarchie di potere. 

Tuttavia, questo solleva domande cruciali sulla regolamentazione, specialmente per NFT con caratteristiche di materie prime e titoli, generando sfide normative e politiche.

L’evoluzione degli NFT, che possono acquisire nuove funzionalità nel tempo, complica il puzzle normativo. 

Ad esempio, se un NFT iniziasse come un record di proprietà e successivamente distribuisse dividendi, dovrebbe essere trattato come una merce o un titolo? Questo solleva interrogativi su processi di registrazione, divulgazione e tracciamento dell’identità del cliente.

Oltre alle sfide specifiche degli NFT, il più ampio ecosistema crittografico affronta domande riguardanti la protezione dei consumatori e l’interazione con le norme esistenti sulla proprietà intellettuale. 

In conclusione, la regolamentazione deve adattarsi alle dinamiche in continua evoluzione degli NFT per affrontare le complesse intersezioni tra innovazione tecnologica e leggi tradizionali. 

Tra decentralizzazione e centralizzazione: il web3 in evoluzione

Per concludere, nell’analisi viene osservato che la vera portata della decentralizzazione supportata dal Web3 restava ancora da determinare. 

Sorgeva il timore che, nonostante gli sforzi per decentralizzare, la necessità di aggregare risorse computazionali e di archiviazione potesse alla fine condurre a una centralizzazione sottostante, minando la filosofia stessa degli NFT e degli asset digitali. 

Allo stesso modo, preoccupazioni riguardavano il rischio di centralizzazione a livello di piattaforma e potere di mercato, simili alle dinamiche del Web2.

L’evoluzione del Web3 sollevava la possibilità di una nuova forma di centralizzazione incentrata sulle piattaforme con esperienze utente superiori, potenzialmente guidate da giganti del Web2. 

L’evoluzione del Web3 sollevava la possibilità di una nuova forma di centralizzazione incentrata sulle piattaforme con esperienze utente superiori, potenzialmente guidate da giganti del Web2. 

Ad esempio, la trasformazione di Facebook in Meta indicava un tentativo di leadership nel settore Web3. 

Alcuni casi di centralizzazione emersero nel primo mercato NFT, dove diverse piattaforme dipendevano da OpenSea per visualizzare immagini associate agli NFT. 

Tuttavia, queste dinamiche stavano cambiando grazie a nuovi concorrenti che sfruttavano la pubblica trasparenza delle transazioni blockchain per attrarre trader attivi.

Nonostante ciò, l’ascesa di concorrenti di OpenSea dimostrava che la decentralizzazione stava influenzando la struttura del mercato. 

Ciò indicava che il controllo degli utenti sui propri asset digitali stava effettivamente contribuendo a ridurre la dominanza di singole piattaforme. 

Nel mondo del Web2, l’ingresso di giganti come X (ex Twitter) nel Web3 implica la necessità di adattarsi a nuovi modelli di controllo dei dati, aprendo le porte all’interconnessione e al caricamento di dati privati senza rinunciare al controllo.

Alessia Pannone
Alessia Pannone
Laureata in scienze della comunicazione e attualmente studentessa del corso di laurea magistrale in editoria e scrittura. Scrittrice di articoli in ottica SEO, con cura per l’indicizzazione nei motori di ricerca, in totale o parziale autonomia.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS