Dei 2082 token e criptovalute presenti su CoinMarketCap, ne restano solo 626 se decidiamo di filtrare le crypto minabili. Questo significa che si può fare mining con poco più del 30% delle crypto totali.

Read this article in the English version here.

quali sono le criptovalute minabili

Bitcoin

Di questo 30% quella con market cap più significante, a quasi 97 miliardi di dollari, ovviamente è bitcoin, la prima criptovaluta nonché la più conosciuta dal pubblico mainstream.

Il mining di bitcoin è fatto quasi completamente per mezzo di ASIC per SHA-256, hardware progettato e prodotto espressamente per processare mining sull’algoritmo del BTC. I vantaggi offerti dagli ASIC hanno reso il GPU mining del bitcoin economicamente sconveniente.

Bitmain, il leader del settore degli ASIC per il Bitcoin mining, produce l’hardware responsabile di una maggioranza dell’hashrate della rete.

Questo tipo di centralizzazione potrebbe teoricamente diventare causa di seri problemi che abbiamo approfondito in passato.

Ethereum

Al secondo posto per market cap troviamo Ethereum, con un valore totale del mercato di oltre 18 miliardi di dollari. Questa criptovaluta implementa un algoritmo diverso rispetto a quello utilizzato da Bitcoin, che è stato pensato per rendere meno pratico l’utilizzo di ASIC in modo da evitare la centralizzazione.

Questo, però, non ha realmente impedito la creazione di ASIC per ethash. Detto questo, gli ASIC mirati alla blockchain di Ethereum non portano vantaggi particolarmente sostanziosi rispetto al mining effettuato utilizzando GPU.

Bitcoin Cash

Con oltre 7 miliardi di dollari di market cap, al terzo posto, troviamo Bitcoin Cash. Questa criptovaluta è nata da un hard fork di Bitcoin che ne ha aumentato le dimensioni del blocco a 8 megabyte.

Essendo un hard fork di Bitcoin, questa blockchain è minabile per mezzo degli stessi ASIC per SHA-256 che vengono utilizzati per il mining del BTC.

Litecoin

A differenza di Bitcoin, Litecoin è basato sull’algoritmo Scrypt. Gli ASIC per Scrypt, a differenza di quelli destinati al mining di Ethereum, portano vantaggi tanto significativi che l’uso delle schede grafiche non è più particolarmente consigliato.

Monero

Monero è una criptovaluta progettata per offrire più privacy possibile. Monero è basato sull’algoritmo CryptoNight. Il mining di questa criptovaluta avviene ancora oggi per mezzo di CPU e GPU.

La comunità di questa criptovaluta s’è particolarmente opposta all’idea degli ASIC. Tanto da aver compiuto un hard fork con il solo ed esplicito scopo di rendere obsoleti gli ASIC progettati per minarla.