Sabato 5 febbraio 2019 si terrà a Roma il Blockchain Italy Summit presso la Camera dei Deputati.

Read this article in the English version here.

L’evento, che verrà ospitato nella Sala della Lupa a Montecitorio, avrà inizio alle ore 9 e tratterà i temi legati a blockchain, non più solo un’opportunità da conoscere, ma una realtà che attualmente ha un valore globale di 125 miliardi di dollari e che ha applicazioni in innumerevoli campi: dalla logistica alla gestione della capacità di elaborazione, dallo storage dei dati alla privacy, dal trattamento dei dati sensibili alla gestione degli asset finanziari.

Un settore che, oltre alle criptovalute, sta estendendosi sempre più anche a numerosi rami industriali.

La recente evoluzione verso la cosiddetta Tokeneconomics e l’introduzione degli asset tangibili e finanziari nella blockchain apre tutto un nuovo settore per il quale è necessario un dibattito politico e sociale che il ‘Blockchain Italy Summit’ punta ad approfondire con molti esperti.

La DLT fornisce, infatti, la possibilità di una gestione democratica e decentralizzata dell’evoluzione tecnologica, un fattore che non è mai stato affrontato precedentemente in modo adeguato.

In Italia ci sono ormai decine di realtà che stanno sviluppando il settore, una realtà viva e dinamica che si può fortemente avvantaggiare da un ambiente legislativo e giuridico favorevole, oltre che dalla presenza di fondi adeguati.

Purtroppo, molti mass mass media hanno informato sul tema in maniera imprecisa concentrando l’attenzione solo sugli aspetti finanziari e sulla speculazione legata a bitcoin, lasciando in secondo piano i fattori di carattere innovativo insiti nella Distributed Ledger Technology.

Tra i partecipanti al summit ci saranno: Laura Garavini, Presidente della commissione Difesa del Senato, Siim Sikkut, Responsabile per i settori tecnologia e telecomunicazioni della Repubblica estone, Evarist Bartolo, Ministro dell’educazione di Malta, Francesca Tempesta, fondatrice dell’osservatorio ADR, Luigi de Magistris, Sindaco di Napoli, Jacopo Visetti, CEO di Effort ed Erik Zhang, CEO di Neo.

L’accesso è libero e gratuito previo accreditamento che può essere richiesto al seguente link.