Bruciati EOS per un controvalore di $167 milioni
Altcoin

Bruciati EOS per un controvalore di $167 milioni

By Matteo Gatti - 9 Mag 2019

Chevron down

Sono stati bruciati circa 34 milioni di token EOS (per la precisione 34,171,037) con l’obiettivo di ridurre il tasso di inflazione della blockchain dal 5% all’1%. La transazione è stata eseguita ieri ed è chiaramente irreversibile.

Read this article in the English version here.

eos token burn

La maggior parte dei block producer di EOS ha votato per questa iniziativa lo scorso 31 luglio 2018. L’account da cui rimuovere i token è stato stabilito a gennaio 2018 parallelamente al lancio della blockchain di EOS. L’account che è stato poi usato per 8 mesi per accumulare i fondi.

Circa 3.6 milioni di token ($17 milioni) vengono depositati mensilmente nell’account eosio.savings e tale ammontare è in continua crescita proprio a causa dell’inflazione. La blockchain di EOS ha un tasso d’inflazione pari al 5% su base annua e il 4% viene depositato in eosio.savings mentre il restante 1% viene assegnato ai block producer.

Questa situazione stava diventando insostenibile per questo si è deciso di rimuovere l’80% dell’inflazione lasciando solo quell’1% dedicato ai block producer. L’iniziativa è stata supportata anche dalla community.

Community che è in continua crescita: da poco la blockchain di EOS ha superato la soglia del milione di account attivati grazie all’introduzione del sistema di referendum per promuovere e proporre modifiche alla blockchain e a diversi nuovi progetti come REX, sistema che permette di avere delle entrate cedendo in stake i propri token.

Tornando al token burn, così recitava la proposta:

“Questa grande quantità di token accumulati nel corso dei mesi è diventata eccessiva e dobbiamo intervenire altrimenti diventerà un vettore di attacco per la rete”.

Chiaramente la riduzione della supply è vantaggiosa per i possessori dei token che avranno ora un valore maggiore. EOS è attualmente al sesto posto per capitalizzazione di mercato con un market cap pari a circa 4.5 miliardi di dollari.

Matteo Gatti
Matteo Gatti

Ingegnere informatico appassionato di tecnologia e di tutto ciò che vi ruota attorno. Segue con interesse il mondo delle criptovalute e lo sviluppo della tecnologia Blockchain. Scrive anche di Linux su LFFL.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.