Nuovo ATH per l’hashrate di Bitcoin
Nuovo ATH per l’hashrate di Bitcoin
Bitcoin

Nuovo ATH per l’hashrate di Bitcoin

By Marco Cavicchioli - 9 Set 2019

Chevron down

L’hashrate di Bitcoin ha raggiunto un nuovo ATH (All-Time High): ieri ha sfiorato i 90 ExaHash/s. In realtà, era già da settimane che risultava ampiamente superiore ai 50 EH/s, ma ieri ha battuto tutti i record. 

A partire da fine luglio si era stabilizzato poco sotto gli 80 EH/S, ma a fine agosto aveva superato quella soglia. Il precedente record era stato stabilito venerdì scorso, con 86 EH/s, ma ieri è arrivato fino a 89,56. 

Da notare che solo sei mesi fa, a marzo e ad aprile, la media si aggirava attorno ai 45 EH/s, quindi il picco di ieri ha doppiato la media di soli sei mesi fa. 

Il nuovo record potrebbe essere connesso al lancio dei nuovi ASIC, che hanno prestazioni senza precedenti fra i modelli di Bitmain. 

Questo potrebbe far supporre che il record di ieri nei prossimi giorni o settimane potrebbe essere anche superato, visto che i nuovi ASIC non si sono ancora diffusi. Inoltre, pare che nuove mining farm stiano nascendo in Cina, dopo il cambio di atteggiamento del Paese nei confronti di bitcoin. 

A farla da padrone sono quattro mining pool, ovvero BTC.com, F2Pool, Poolin e AntPool, che insieme detengono più del 57% dell’hashrate. Ma il numero complessivo delle mining pool che sono riuscite a minare almeno un blocco negli ultimi sette giorni è comunque di diverse decine. 

Anche la difficulty è ai massimi storici, a causa di tre rialzi consecutivi a partire da inizio agosto, che il poco più di un mese l’hanno fatta aumentare di quasi il 20%. 

Visto che nel frattempo il valore di BTC non è cresciuto, questi ultimi aumenti potrebbero aver corroso la redditività delle attività di mining, ma spesso gli incrementi più significativi dell’hashrate avvengono mesi dopo gli aumenti di prezzo. Pertanto potrebbe trattarsi anche solamente di un adeguamento alla crescita dei prezzi dei primi sei mesi dell’anno. 

In effetti a inizio 2019 l’hashrate era sceso fino a circa 33 EH/s, quindi da allora si è quasi triplicato, mentre il prezzo di BTC è passato da circa 3.700 $ agli attuali 10.400 $ circa, con una crescita in proporzione paragonabile. Questo sembrerebbe spiegare il motivo della poderosa crescita dell’hashrate di Bitcoin nel 2019. 

Inoltre, una delle conseguenze del nuovo record è l’incremento del costo di un eventuale attacco 51%: ad oggi una singola ora di attacco alla rete Bitcoin potrebbe costare più di 850.000 dollari.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 11mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.